skip to Main Content

Innovazione

Tutti gli errori dell’Ue sull’innovazione. Report

Il sommario esecutivo del rapporto "EU Innovation Policy: How to escape the middle technology trap" dell'European Policy Analysis Group, dedicato alle politiche per l'innovazione nell'Unione europea.

Incoraggiare l’innovazione è stata a lungo una priorità per i politici europei, con l’obiettivo implicito di raggiungere la frontiera tecnologica rappresentata dagli Stati Uniti. Questo obiettivo non è stato raggiunto. I quadri di valutazione dell’innovazione pubblicati regolarmente dalla Commissione europea hanno costantemente rilevato che l’UE è in ritardo rispetto agli Stati Uniti su molti indicatori.

Il quadro di valutazione più recente indica che il divario transatlantico è aumentato.

Il presente rapporto sostiene che gli attuali sforzi europei, pur lodevoli, sono insufficienti, sia in termini di quantità che di qualità. Sono necessarie importanti riforme per consentire all’Europa di competere nello spazio della creazione di valore.

L’UE INVESTE IN RICERCA E SVILUPPO: IL PROBLEMA È NEL SETTORE PRIVATO

I deludenti risultati europei potrebbero sorprendere il lettore, dato che il sostegno pubblico alla ricerca e allo sviluppo (R&S) è cresciuto gradualmente negli ultimi due decenni ed è ora circa allo stesso livello degli Stati Uniti (circa lo 0,7% del PIL). È nel settore privato che si riscontra una grande differenza quantitativa tra gli Stati Uniti e l’UE. La spesa delle imprese per la R&S (BERD) nell’UE, pari all’1,2% del PIL, rappresenta circa la metà di quella degli Stati Uniti (2,3% del PIL).

Inoltre, la R&S delle imprese europee si concentra in settori a media tecnologia, come l’industria automobilistica.

Questi settori competono applicando i più recenti progressi tecnologici alla produzione, ma non richiedono la stessa intensità di R&S né offrono lo stesso potenziale di crescita delle industrie high-tech che producono le tecnologie più recenti. La ragione principale per cui la R&S privata degli Stati Uniti è doppia rispetto a quella europea è quindi il peso molto più elevato delle industrie high-tech negli Stati Uniti.

IL DIVARIO TECNOLOGICO CON GLI STATI UNITI

La specializzazione europea nella mid-tech, la “trappola della tecnologia media”, persiste da due decenni.

Le maggiori aziende dell’UE in termini di spese di R&S sono quasi sempre produttori di automobili, mentre negli Stati Uniti i produttori di automobili, che erano importanti 20 anni fa, sono stati soppiantati dalle aziende di software. Il vantaggio comparativo dell’UE nel settore automobilistico è preoccupante: nonostante i massicci investimenti in R&S, l’industria automobilistica dell’UE rischia di essere scavalcata dai produttori statunitensi e sempre più da quelli cinesi. I produttori stranieri possono sfruttare la loro leadership nelle tecnologie elettriche e di guida autonoma.

Oggi il divario transatlantico è particolarmente ampio nello sviluppo di software, dove le aziende statunitensi rappresentano il 75% del totale globale, rispetto al 6% dell’UE (meno della Cina). Gran parte della crescita della spesa di R&S delle imprese statunitensi nell’ultimo decennio è stata sostenuta dalle aziende che si occupano di software, alla base del predominio degli Stati Uniti nei più recenti progressi dell’intelligenza artificiale (IA). La posizione di quasi-monopolio del settore high-tech statunitense si applica anche ai software di prossima generazione (la maggior parte dei LLM all’avanguardia sono statunitensi) e all’hardware (si veda Nvidia per i semiconduttori, ecc.). La Cina sta rapidamente recuperando terreno in termini di spesa in R&S per l’alta tecnologia.

L’UE DEVE CAMBIARE APPROCCIO SULL’INNOVAZIONE TECNOLOGICA

Un cambiamento nella direzione dell’innovazione dell’UE verso le industrie ad alta tecnologia appare quindi altamente auspicabile.

L’uscita dalla trappola della tecnologia di mezzo favorirebbe la crescita e aumenterebbe il peso geopolitico dell’UE. Ma per raggiungere questo obiettivo, la governance deve essere all’altezza delle ambizioni. In poche parole, l’UE non ha le istituzioni necessarie per affrontare la sfida dell’innovazione del XXI secolo.

La maggior parte (90%) del sostegno pubblico alla R&S nell’UE ha origine a livello nazionale. L’UE contribuisce attraverso il programma Horizon Europe, che stanzia circa 11-12 miliardi di euro all’anno per sostenere l’innovazione, la ricerca e lo sviluppo in senso lato.

Tuttavia, meno del 5% di Horizon Europe sostiene l’innovazione rivoluzionaria, che ha il potenziale di creare nuovi mercati ma è lontana dalle applicazioni commerciali. Distinguere tra i vari tipi di R&S è importante (eppure trascurato), poiché non ci si può aspettare che i progetti volti ad avvicinare tecnologie note al mercato producano innovazioni dirompenti.

La recente creazione del Consiglio europeo per l’innovazione (EIC) è stata un passo positivo verso il riorientamento degli sforzi di R&S, ma è ostacolata da diversi limiti. In primo luogo, dipende troppo dalla Commissione europea. In secondo luogo, si rivolge solo marginalmente alla ricerca innovativa, che è ancora sostanzialmente sottofinanziata.

L’EIC sembra più orientato a porre rimedio alle imperfezioni del mercato dei capitali percepite che a promuovere l’innovazione, poiché una parte sostanziale della sua spesa sostiene la struttura del capitale delle piccole e medie imprese (PMI) e, in misura più limitata, delle startup. Inoltre, gravi problemi di governance possono minare la sua missione di stimolare l’innovazione: l’EIC è guidato per lo più da funzionari dell’UE piuttosto che da scienziati di alto livello; alcuni criteri di ammissibilità impongono vincoli severi, rendendo i meccanismi di selezione altamente burocratici; le collaborazioni sono obbligate piuttosto che accompagnate; e l’erogazione dei finanziamenti è lenta.

COSA FARE: TRE PROPOSTE

È quindi necessario un cambiamento istituzionale per stimolare lo sviluppo delle industrie high-tech dell’UE. In particolare, proponiamo di

  1. di dare agli scienziati di punta un ruolo più centrale nel Consiglio dell’EIC e nella selezione dei progetti;
  2. spostare il potere decisionale dalla Commissione europea a un maggior numero di responsabili di progetto indipendenti; e
  3. attingere risorse dai programmi poco efficienti di Horizon Europe e da altre parti dell’ecosistema dell’innovazione dell’UE per ampliare le dimensioni e la portata dei programmi effettivamente dedicati alla ricerca innovativa, senza modificare l’attuale quadro finanziario pluriennale.

La nostra riforma dell’EIC, neutra dal punto di vista del bilancio ma radicale, potrebbe dotare l’UE di un motore di innovazione sul modello delle ARPA (agenzie per progetti di ricerca avanzata) statunitensi. Le ARPA sono state ampiamente accreditate per aver sostenuto i progressi di diverse tecnologie innovative e lo sviluppo delle industrie americane di biotecnologia, software e hardware. Un ecosistema dell’innovazione fiorente creerebbe i giusti incentivi, attirerebbe gli investimenti privati e stimolerebbe la crescita delle industrie ad alta tecnologia, aiutando l’UE a sfuggire alla trappola della tecnologia di mezzo.

Back To Top