Innovazione

Ecco con quali manager Arpe vuole resettare la gestione di Ainio in ePrice

di

ePrice

Tutti i dettagli su progetti e nomi e del fondo Sator per la società ePrice che vive un momento di fiacca

Nuovi manager in vista per ePrice. Il fondo Sator, fondato dal banchiere Matteo Arpe, tramite Arepo BZ controlla il 20,85% del capitale sociale di ePrice e non è contento dell’attuale gestione targata Paolo Ainio (che ha 22,88% del capitale).

I numeri, in effetti, non lasciano molto spazio all’interpretazione: mentre i ricavi continuano a calare, il titolo, dal 2015, ha perso in borsa l’80% del suo valore. Andiamo per gradi.

I CONTI NON TORNANO

ePrice, la piccola Amazon italiana come è stata definita in passato, è stata quotata a Piazza Affari il 16 febbraio 2015 e da quel giorno il titolo, come ha sottolineato Business Insider, ha perso quasi l’80% del suo valore, scendendo da 6,75 a 1,4 euro.

Colpa del calo dei ricavi, che nel 2018 hanno registrato n -12,2% a 164,4 milioni di euro. Diminuiscono anche ordini (753mila da 919mila) e clienti (494mila dai 573mila dell’ esercizio precedente), mentre la società continua a bruciare cassa.

ePrice

SERVE SEGNALE DI DISCONTINUITA’

La soluzione? Per Matteo Arpe, è semplice: “Serve una discontinuità strategica”.

“Non rinneghiamo il passato, ma abbiamo voluto dare il chiaro segnale di essere in disaccordo con il management”, ha affermato Francesca Sabatini di Sator. “Non c’è futuro per una strategia stand alone”, ha aggiunto.

NUOVI CANDIDATI

Ed è proprio con l’obiettivo di cambiare strategia che Arepo BZ, controllato da Sator Private Equity Fund, chiede l’elezione di un nuovo board in occasione dell’assemblea ordinaria convocata per il 16 aprile.

SCONTRO IN VISTA

Arepo, però, è secondo azionista. Il primo è Paolo Ainio, attuale presidente del gruppo ed ex numero uno di Banzai, che presenterà una propria lista, non condivisa, con il proprio socio. Però Sator al momento non ha indicato l’amministratore delegato. Significa che resterà Ainio? Si vedrà.

CHI SONO I CANDIDATI DELLA LISTA DI SATOR PER IL CDA DI EPRICE

Moshe Sade Bar è il candidato alla poltrona di presidente nelle intenzioni di Arpe. E’ israeliano di 48 anni, venture capitalist, esperto di tecnologia e innovazione. Attualmente è senior partner e azionista di maggioranza di TA Capital LLP, presidente ed amministratore delegato di vChain, presidente e azionista di Opvizor, vicepresidente del consiglio di amministrazione di Tinaba, presidente del Consiglio Esecutivo di Zero Trust Consortium, amministratore delegato e azionista di maggioranza di Barr&Co LLC e di TAC Group Holdings LLC. E’ socio amministratore di  Pine Hill GmbH &Co. KG e di Pine Hill Capital, amministratore fiduciario di Cascade Partners LP e socio e investitore di Avala IV GmgH & Co. KG.

In passato, tra l’altro, ha ricoperto il ruolo di presidente di Optigrowth Capital Sarl SICAR e di Dell Capital. E’ stato membro del consiglio di H-Farm ventures e Venture partenr di Deutsche Telekom Ventures.

Francesca Sabatini, classe 1971, è responsabile Analisi & Ricerca di Banca Profilo, Investment Committee in Sator e presidente del CdA di L’Autre Chose Spa.  Vanta un passato lavorativo di quasi 8 anni in Interbanca, dove ha ricoperto anche il ruolo di responsabile Equity Research Department. Precedentemente ha lavorato nella direzione finanza della Banca Nazionale del Lavoro.

Francesca Luchi, nata a Milano il 21 aprile 1961, è avvocato e si occupa prevalentemente di diritto societario, prestando consulenza a società di media e grande dimensione.Nel 1996 è stata consigliere di amministrazione dell’Accademia di Brera, durante la presidenza dell’architetto Gae Aulenti e attualmente è membro del consiglio di amministrazione di Adelphi edizioni e consigliere indipendente di Sara.

Serenella Rossano, dottore commercialista, è membro del consiglio di amministrazione di Sator, consigliere di amministrazione indipendente di Banca Profilo, di Aedes SIIQ SpA e di ePrice Spa. E’ inoltre sindaco effettivo di Sind international Spa, di Bic Italia Spa, di Danieli Centro Combustion Spa, di SG Leasing Spa, di DBA progetti Srl e di Dba Lab Srl. E’ presidente del collegio sindacale di Sistemi di energia Spa, di Balma, Capodur I &C SPA e di DBA Group Spa.

Giorgio Gabrielli, classe 1963, è amministratore delegato di News 3.0 (la società che edita Lettera 43 di Paolo Madron) e founder di Gabrielli Consulnting. Ricopre il ruolo di consigliere di amministrazione in Studio Editoriale  Srl, Tinaba Spa, Arepo B.P. Spa e Aedes SIIQ Spa. E’ stato vice dg RCS Lead a RCS PUBBLICITA’, dal 2014 al 2016, e Country Manager Advertising & Online di Microsoft dal 2011 al 2013, precedente ha lavorato in Mondadori, dove ha ricoperto vari ruoli, e in Publitalia ’80.

Mariano Carozzi, chief innovation officer a Banca Profilo e co-fondatore di ABIE, esperto di innovazioni e criptomonete, ceo di Tinaba dal luglio 2015 a luglio 2017 e successivamente presidente di Tinaba, fino a dicembre 2018. Dal 2008 a ottobre 2013 è stato amministratore delegato di Prestiamoci.

Giacomo Garbuglia è presidente del relativo Comitato Investimenti di Sator, Presidente di Arepo BP Spa, Arepo PR Spa e di Resatrt SIIQ Spa, vice presidente di Banca Profilo, di Arepo  PV Srl e di Arepo LC Srl. In passato è stato in in Capitalia (condirettore centrale della Divisione Large Corporate), in Mediocredito Centrale (direttore centrale) e Lehman Brothers. Da gennaio 1994 a dicembre 1998 ha lavorato per KPMG Corporate Finance.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati