Innovazione

Ecco come Amazon, Facebook e Google sgomitano per entrare nelle nostre case

di

L’articolo di Alessandro Sperandio

Desiderosi di conquistare spazi all’interno delle nostre case, i colossi della tecnologia stanno rinforzando la loro gamma di prodotti fatta principalmente di speaker intelligenti, sperando di trovare la giusta combinazione di schermi, altoparlanti e caratteristiche in grado di attirare la curiosità (e quindi il portafoglio) dei consumatori.

UN GRANDE POTENZIALE NEL MERCATO DEGLI SMART SPEAKER, MA ATTENTI ALLA PRIVACY

Come racconta Axios, “c’è un grande potenziale nel mercato degli smart speaker, soprattutto per le grandi aziende come Google e Facebook, i cui tradizionali flussi pubblicitari stanno rallentando le proiezioni di crescita. Ma bilanciare le preoccupazioni sulla privacy con funzionalità sufficienti per attirare gli utenti si sta rivelando difficile”.

COME SI MUOVE FACEBOOK

“Facebook ha contattato Netflix, Disney e altre aziende dei media per mettere i loro servizi di streaming su un nuovo dispositivo Facebook per effettuare videochiamate dai televisori”, riporta The Information. Il dispositivo però, a causa del lancio questo autunno, utilizzerebbe la stessa tecnologia di videochiamata che Facebook utilizza nella sua videocamera Smart Speaker, Portal”. E in questo senso, nota Axios, l’azienda guidata da Mark Zuckerberg “non ha detto il vero durante la Recode’s Code Conference all’inizio di quest’anno affermando di mirare ad espandere la linea Portal per includere prodotti con più funzioni”.

COME SI MUOVONO GOOGLE E AMAZON

Nel frattempo, l’ultimo prodotto di Google, il Nest Hub Max, sta arrivando sul mercato. “Dopo aver ‘scordato’ la telecamera nell’Home Hub che ha debuttato l’anno scorso, il nuovo modello ne aggiunge una per abilitare la sicurezza domestica e la video chat. Allo stesso tempo, Amazon sta esplorando modi per inserire Alexa in un numero ancora maggiore di dispositivi, incluso un robot domestico”, ricorda Axios.

IL GIRO DI AFFARI DEGLI SMART SPEAKER DOVREBBE RAGGIUNGERE I 23 MILIARDI DI DOLLARI ENTRO IL 2025

Il cosiddetto ambient computing – una connessione informatica tramite comando vocale ovunque ci si trovi – è spesso considerata come la prossima “Next Big Things” e naturalmente, ricorda Axios, “è imperativo che Google sia presente, con Facebook e Amazon che vedono un vantaggio nel creare dispositivi che possano essere al centro della vita dei consumatori”. Tuttavia, “non ci sono ancora prove che il portale di Facebook possa essere un elemento di mercato importante. Mentre Google sembra essere ansiosa di aumentare l’utilizzo della sua linea, regalando Home Minis a tutti, dai fan di Golden State Warriors a coloro che vivono con la paralisi”. Amazon, invece, è stata la prima ad arrivare sul mercato con Echo, e Alexa e ancora lo sta dominando con il 35% delle vendite globali di speaker intelligenti, il cui giro di affari dovrebbe raggiungere i 23 miliardi di dollari entro il 2025, secondo l’Allied Market Research.

È SOLO L’INIZIO

Naturalmente questo è solo l’inizio. “Aspettatevi più prodotti hardware e nuove categorie di prodotti dai colossi della tecnologia, ma cercate anche Amazon e Google per continuare a incoraggiare altri produttori di hardware a incorporare i loro assistenti vocali nei loro prodotti – ha sottolineato Axios -. Non è chiaro se ciò che trattiene i consumatori da alcuni dei più costosi articoli per speaker intelligenti con telecamere sia una questione di privacy, di prezzo o semplicemente una mancanza di necessità. Ma per ora, sembra che la maggior parte dell’adozione da parte dei consumatori provenga da speaker tradizionali senza telecamere di fantasia o dispositivi di chat”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati