skip to Main Content

Covid, l’Europa si vaccinerà con AstraZeneca

Passaporto Vaccinale Vaccini Sanofi Anticorpi Eli Lilly

L’Ue acquisterà in anticipo 400 milioni di dosi del vaccino prodotto di AstraZeneca. All’accordo ha aderito anche l’Italia

 

La Commissione Ue ha acquistato il vaccino Oxford anti-Covid. E lo ha fatto a nome dei Paesi membri, Italia (e Inclusive Vaccine Alliance) compresa.

Tutti i dettagli.

IL PRIMO CONTRATTO

La Commissione europea ha firmato con la società svedese-britannica Astrazeneca il primo contratto di acquisto anticipato di vaccini anti-Covid a nome dei Paesi membri Ue. Non si tratta di una novità assoluta: già il 14 agosto, infatti, le due parti avevano firmato un primo protocollo.

FINO A 400 MILIONI DI DOSI

L’accordo siglato in queste ore conferma quanto già deciso tra le parti: gli Stati potranno acquistare 300 milioni di dosi del vaccino noto come Oxford, alla cui realizzazione ha collaborato anche l’italiana Irbm, da distribuire in proporzione alla popolazione. Prevista anche un’opzione per la prenotazione di altre 100 milioni di dosi.

ITALIA E INCLUSIVE VACCINE ALLIANCE INCLUSA

Tra i Paesi che dovranno spartirsi le dosi c’è anche l’Italia, già interessata al vaccino Oxford e membro della “Inclusive Vaccine Alliance“, insieme a Germania, Francia e Paesi Bassi. L’alleanza aveva avviato i negoziati con AstraZeneca nei mesi scorsi, prima di un intervento pubblico della Commissione, per poi subentrare nell’accordo.

COSA SUCCEDE IN CASO DI DANNI?

Il vaccino, in terza fase di sperimentazione, dovrebbe arrivare sul mercato nei prossimi mesi, ma i tempi celeri non possono escludere danni o inefficacia dopo la somministrazione. Ove dovesse accadere qualcosa, L’Ue “non cambierà le regole sulla responsabilità” sulla sicurezza dei farmaci, gli Stati membri potranno indennizzare il produttore per le responsabilità sostenute, ma, come da indicazioni di Bruxelles, la responsabilità per la sicurezza del farmaco resta in capo alle società.

NON SOLO ASTRAZENECA. LA STRATEGIA UE

Quello con AstraZenca dovrebbe essere il primo di una serie di contratti. L’Ue, infatti, si muove su più fronti e ha già tenuto i colloqui con Sanofi-GSK (31 luglio), Johnson & Johnson (13 agosto), CureVac (18 agosto) e Moderna (24 agosto).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore