skip to Main Content

Come Microsoft cambierà Linkedin in Cina

LinkedIn Cina

Microsoft ha deciso di chiudere LinkedIn in Cina. Le normative di Pechino relative ai contenuti sono diventate eccessive per il sito di proprietà di Microsoft, che sostituirà la sua attuale offerta con una bacheca di lavoro

Microsoft sta chiudendo il suo social network LinkedIn in Cina a causa della censura crescente e delle sempre maggiori restrizioni imposte.

Tuttavia, la società lancerà una versione del sito riservata ai lavori, chiamata InJobs, entro la fine dell’anno.

Ma questo non includerà un feed social o la possibilità di condividere o pubblicare articoli.

Il vicepresidente senior di LinkedIn Mohak Shroff ha scritto sul blog: “Stiamo affrontando un ambiente operativo significativamente più impegnativo e maggiori requisiti di conformità in Cina”.

Finora LinkedIn era l’unica grande piattaforma di social media occidentale operante in Cina, sottolinea la Bbc. La sua presenza nel Paese, dove conta oltre 45 milioni di utenti, è notevole perché molti altri social network occidentali, tra cui Facebook e Twitter, sono bloccati dal governo cinese.

Tutti i dettagli.

MICROSOFT CAMBIA LINKEDIN IN CINA

“Mentre stiamo per abbandonare la versione localizzata di LinkedIn in Cina entro la fine dell’anno, continueremo ad avere una forte presenza in Cina per guidare la nostra nuova strategia e siamo entusiasti di lanciare la nuova app InJobs entro quest’anno”, ha dichiarato l’azienda.

COME SARÀ INJOBS

In una lettera agli utenti della piattaforma in Cina, il presidente di LinkedIn China Lu Jian promette che il sito continuerà a “connettere opportunità di business globali”.

LinkedIn ha affermato che il nuovo servizio InJobs non includerà un feed social o la possibilità di condividere post o articoli.

PRESSIONI DI PECHINO

È difficile stabilire se la mossa di LinkedIn sia stata guidata dalla pressione della Cina o da quella degli Stati Uniti, nota la Bbc.

Di recente il governo cinese ha rafforzato il giro di vite sulle piattaforme Internet.

La repressione normativa negli ultimi mesi ha cancellato circa 3 trilioni di dollari dal valore di mercato delle più grandi aziende cinesi, ricorda la Cnn.

Il sito di notizie Axios ha riferito il mese scorso che LinkedIn aveva bloccato dalla sua piattaforma cinese i profili di diversi giornalisti e accademici statunitensi. Il motivo era che contenevano informazioni considerate sensibili da Pechino, citando “contenuti proibiti”.

All’inizio di quest’anno, LinkedIn ha sospeso le registrazioni di nuovi utenti in Cina per “assicurarci di rimanere in conformità con la legge locale”, secondo un portavoce. La società ha rifiutato di specificare quale legge locale stava rispettando.

Secondo il Wall Street Journal, i regolatori cinesi hanno imposto a LinkedIn una scadenza per monitorare meglio i contenuti del sito.

O DI WASHINGTON?

Tuttavia, LinkedIn ha anche attirato crescenti critiche in America per essersi piegato alle regole di censura di Pechino.

Quando Microsoft ha lanciato Linkedin in Cina, nel 2014, aveva accettato di aderire ai requisiti del governo cinese per operare. Ma ha anche promesso di essere trasparente su come condurre gli affari nel paese e ha affermato di non essere d’accordo con la censura del governo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore