skip to Main Content

Intelligenza Artificiale Donne

Come l’IA può diventare uno strumento di emancipazione per le donne

Anche gli algoritmi che regolano l'intelligenza artificiale sono sessisti, ma se venissero corretti i pregiudizi che le sono stati insegnati, alla potrebbe diventare un mezzo di liberazione, anche quando le donne sono invisibili e faticano a uscire dall'ombra. L'articolo di Le Monde

 

Da quando ChatGPT è arrivato sul mercato nel novembre 2022, si è parlato quasi esclusivamente dei rischi e dei pericoli di questi strumenti di intelligenza artificiale generativa (IAg): perdita massiccia di posti di lavoro, perdita di creatività, profili, immagini e informazioni false, ecc. Si è parlato molto anche dei vantaggi, soprattutto economici, per le imprese. Rapido nell’elaborare le informazioni o capace di tradurre in qualsiasi lingua, libera tempo che può essere dedicato a compiti a maggior valore aggiunto, come la verbalizzazione automatica di una riunione. Scrive Le Monde.

LE DISUGUAGLIANZE DELL’IA TRA UOMINI E DONNE

Ma questi rischi e benefici sono gli stessi per uomini e donne? Nulla è meno certo! La prima disuguaglianza è quella numerica nel settore digitale – e quindi nell’IA – dove le donne sono sottorappresentate. Sebbene siano relativamente aperti, i lavori legati alla tecnologia in generale e quelli digitali in particolare soffrono della sottorappresentazione delle donne nei settori scientifici e tecnici.

Il “Patto per la parità di genere nell’intelligenza artificiale”, lanciato dal Laboratoire de l’égalité, rileva che attualmente le donne rappresentano solo il 12% dei posti di lavoro nel settore e sottolinea che la loro assenza “è una delle ragioni principali del sessismo degli algoritmi progettati e sviluppati da e in un mondo dominato dagli uomini”.

IL RISCHIO PER LE DONNE DI DIVENTARE INVISIBILI…

Il rischio principale di questa sottorappresentazione è la graduale invisibilizzazione delle donne in molte professioni digitali. In un momento in cui l’IA si sta rapidamente affermando a tutti i livelli delle aziende, “le donne devono essere rappresentate e attive in tutte le professioni legate all’IA, in particolare per debuggare gli algoritmi, includere tutte le diversità, eliminare gli stereotipi e così via”, insiste Hélène Deckx van Ruys, direttrice della RSI e co-leader del gruppo IA dell’Equality Lab. “Altrimenti, i pregiudizi persisteranno e si amplificheranno”.

Questo è già il caso di un’area poco conosciuta del mondo del lavoro, quella della preparazione dei dati di cui si nutrono i modelli di IA. Paola Tubaro, direttrice di ricerca del CNRS e specialista di economia delle piattaforme digitali, si è interessata ai lavoratori ombra che svolgono micro-compiti sulle piattaforme digitali per alimentare strumenti come ChatGPT, in tutto il mondo e in particolare in Africa.

“Si tratta di attività semplici che richiedono solo competenze di base e che possono essere svolte da chiunque, anche a casa, e che potrebbero essere adatte a molte donne. Eppure, anche in questo caso, sono una minoranza. Lungi dal ridurre le disuguaglianze tra uomini e donne, questi lavori le esasperano”, riassume l’autrice. “Non solo aggiungono un ulteriore onere alle donne, che già gestiscono la vita domestica e familiare, ma poiché lo fanno occasionalmente, svolgono mansioni di livello inferiore e guadagnano meno degli uomini”. Di conseguenza, i centri di preparazione dei dati nell’Africa francofona impiegano ora una maggioranza di uomini.

…O DI PERDERE IL LAVORO

Un altro rischio di disuguaglianza è la perdita di posti di lavoro, che probabilmente avrà un impatto maggiore sulle professioni dominate dalle donne, come il marketing, gli affari legali, il servizio clienti, ecc. Secondo uno studio McKinsey sul mercato del lavoro statunitense, l’IA generativa potrebbe automatizzare il 30% delle ore di lavoro entro il 2030, in particolare nei lavori d’ufficio.

Tuttavia, l’automazione non comporterà necessariamente la perdita di posti di lavoro. “Nelle professioni a prevalenza femminile come il marketing, il SEO, ecc. l’uso dell’IA libererà tempo, consentendo alle persone di concentrarsi nuovamente sul proprio lavoro anziché su compiti ripetitivi, restituendo così un senso”, sottolinea Lorraine Gevrey, direttore delle attività di prevendita della piattaforma di data intelligence Databricks.

L’IA COME STRUMENTO DI EMANCIPAZIONE PER LE DONNE

Al di là di questi rischi di disuguaglianza, l’IAg può anche dare alle donne una reale opportunità di emanciparsi dal loro ambiente di lavoro, allo stesso modo di tutti i lavoratori. “ChatGPT è molto facile da accedere e costa solo 20 dollari al mese se si vuole fare di più di quello che la versione gratuita consente. Si tratta di una vera e propria democratizzazione della tecnologia digitale. Prima dovevi essere un geek per codificare, ma ora ChatGPT può codificare per te”, afferma Emmanuel Stanislas, fondatore dell’agenzia di reclutamento Clémentine.

Quando le donne incontrano un problema nell’utilizzo di un software, ad esempio, si rivolgono a qualcuno che può aiutarle nel loro ambiente professionale, che spesso è un uomo. Con l’IA, invece, possono trovare un aiuto immediato e risolvere da sole i problemi che incontrano. “L’IA è un vero strumento di liberazione, anche quando le donne sono invisibili”, afferma entusiasta Frédéric Bardeau, presidente e cofondatore di Simplon, un centro di formazione per le professioni digitali.

“Questi strumenti permettono loro di fare molte cose da sole, in autonomia. Restituiscono loro il potere di agire e riducono la loro dipendenza da coloro che sanno, che spesso sono uomini”. L’autore cita The Equality Machine (PublicAffairs, 2022), un libro di Orly Lobel, professoressa di diritto all’Università di San Diego e specialista in diritto del lavoro. L’autrice sostiene che l’intelligenza artificiale ci rende consapevoli del fatto che i pregiudizi di cui la accusiamo sono i nostri stessi pregiudizi e che può contribuire a dissuadere gli esseri umani. Questo potrebbe essere un modo per raggiungere l’uguaglianza.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top