Innovazione

Come funziona l’accordo sindacale telematico

di

Accordo sindacale telematico, decalogo di emergenza. L’intervento di Alberto M. Gambino, direttore scientifico di Diritto Mercato Tecnologia

1) COMUNICAZIONE TELEMATICA INFORMATIVA

La parte datoriale invia la comunicazione informativa alle Organizzazioni Sindacali individuate secondo criteri di legge e/o convenzionali applicabili al caso specifico. La trasmissione potrà avvenire per via telematica, secondo i requisiti della posta elettronica certificata, all’indirizzo legalmente attribuito alla parte sindacale coinvolta (c.d. domicilio digitale). Resta salva la possibilità di utilizzare la posta elettronica semplice ove ciò corrisponda al mezzo abituale di comunicazione tra rappresentante sindacale e azienda (domicilio elettronico convenzionale).

2) ESAME CONGIUNTO E ACCORDO DI RISERVATEZZA

La richiesta di esame congiunto dovrà seguire le stesse modalità tecniche della comunicazione telematica informativa. Occorre prevedere esplicitamente un accordo di riservatezza tra le parti, in quanto le tecniche comunicative successivamente descritte consentono, se impropriamente utilizzate, di registrare facilmente audio e video degli interventi vocali dei partecipanti.

3) TAVOLO NEGOZIALE DIGITALE

La negoziazione in via telematica consta, nella modalità più semplice, della trasmissione on-line di comunicazioni scritte o vocali. L’archetipo digitale che, tuttavia, più si avvicina al “tavolo negoziale” ordinario, connotato da momenti di emotività e vivace dialettica, implica l’utilizzo di una piattaforma digitale audio-video in cui sia possibile rappresentare visivamente e contestualmente gli interlocutori con microfoni e video aperti.

4) CONVOCAZIONE DEL TAVOLO: TEMPO E LUOGO

Con debito anticipo, vanno definiti tra le parti il giorno e l’orario di inizio della riunione, con onere di sollecito a chi non si fosse tempestivamente connesso, e il luogo virtuale dell’indirizzo della piattaforma, dove si svolgerà la riunione del “tavolo negoziale digitale”.

5) PRIMA RIUNIONE TELEMATICA (VIDEOCONFERENZA)

La prima riunione serve, da un lato, per testare la familiarità dell’utilizzo della piattaforma da parte dei partecipanti e, quindi, per avviare la trattativa propedeutica ad un accordo sindacale e definire il calendario degli incontri successivi (che diversamente dai tavoli sindacali tradizionali sono temporalmente cadenzati con maggiore vicinanza). Le parti potranno in questa fase stabilire convenzionalmente che le successive modalità di comunicazione e di trasmissione dei documenti avvengano per posta elettronica semplice e all’uopo indicheranno ciascuna l’indirizzo di posta elettronica cui univocamente ricondurre la paternità dei contenuti dei messaggi e-mail. Durante la riunione si nomina un segretario che, al termine della stessa, redige un testo in cui si dà atto dell’incontro, si riporta il calendario degli incontri successivi ed eventualmente si indica la modalità convenzionale di comunicazione e di trasmissione dei documenti per e-mail. Tale testo, in formato pdf, è trasmesso per posta elettronica alle parti.

6) RIUNIONI FORMALI CON SCAMBIO DIGITALE DI DOCUMENTI

Le successive riunioni in videoconferenza, precedute da trasmissione di bozze di documenti di lavoro, richiedono maggiore formalità, coniugando la contestualità della riunione digitale con la trasmissione telematica della documentazione (verbalizzazione, singoli documenti). Il segretario della riunione funge da soggetto verbalizzante e al termine della stessa invia la minuta del verbale, in formato word modificabile, alle parti. Le stesse si trasmettono reciprocamente, in formato pdf, dichiarazione di conferma alla partecipazione alla riunione e di approvazione del verbale.

7) ULTIMA RIUNIONE CON ACCORDO TELEMATICO

La riunione formale con l’accordo sul testo definitivo potrà prevedere dei meccanismi di sottoscrizione digitale dell’accordo condiviso. È opportuno, anche per le inevitabili limature, che il testo condiviso venga comunque trasmesso elettronicamente per la sottoscrizione definitiva delle parti.

8) TRASMISSIONE DEL TESTO DIGITALE DEFINITIVO

La trasmissione del testo definitivo dell’accordo sindacale opera secondo le modalità della trasmissione dei documenti informatici di cui al Codice per l’Amministrazione Digitale (c.d. CAD), oppure, previo salvataggio in formato pdf, potrà essere scambievolmente trasmesso attraverso lo strumento della posta elettronica.

9) SOTTOSCRIZIONE ELETTRONICA DELL’ACCORDO

La sottoscrizione finale si realizza con l’apposizione definitiva della firma che potrà essere di tipo elettronico (secondo i requisiti del CAD); se manuale, la firma viene vergata su ciascun foglio del documento stampato dell’Accordo, il quale, scannerizzato e salvato in formato pdf, viene ritrasmesso alla controparte. Ove risulti gravoso l’utilizzo di scanner e/o fotocopiatrici, le parti stabiliscono che, ai fini della sua validità, l’Accordo finale sia trasmesso in formato pdf allegato ad una mail di accompagnamento nella quale si comunica: la propria identità, la qualità/qualifica, i poteri di rappresentanza e la dichiarazione di sottoscrizione, con accettazione integrale, dell’Accordo allegato. Alla medesima comunicazione di posta elettronica è allegata copia di documento di identità della parte. L’idoneità di tali testi a possedere valore probatorio sarà valutabile in relazione alle caratteristiche di sicurezza, integrità e immodificabilità del sistema elettronico utilizzato.

10) DEPOSITO TELEMATICO

Potranno prevedersi procedure di deposito dell’Accordo, secondo le modalità attuative e le specifiche tecniche relative al nuovo applicativo informatico del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali dedicato al deposito telematico dei contratti aziendali e territoriali.

Articolo pubblicato su dimt.it

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati