Innovazione

Come Facebook, Twitter e Google faranno guerra ai complottismi. Report Ft

di

complotto

Esiste un modo per contrastare efficacemente le teorie del complotto? L’approfondimento del Financial Times

Durante la campagna elettorale statunitense del 2016, una teoria cospirazionista nota come #Pizzagate è diventata virale sui siti web di destra.

La teoria, che sosteneva che la candidata presidenziale democratica Hillary Clinton fosse coinvolta in un giro di sesso infantile gestito da una pizzeria di Washington, sembrava ridicola. Finché un credente di #Pizzagate non ha usato un fucile d’assalto per sparare al ristorante.

Per fortuna nessuno si è fatto male. Ma l’episodio ha sollevato due interrogativi che rimangono pertinenti a quattro anni di distanza, nel mezzo di una continua polarizzazione politica: perché proliferano le teorie cospirazioniste? E c’è un modo per contrastarle efficacemente? – scrive il FT.

I giganti della tecnologia americana hanno fatto ricerche approfondite su questo argomento, basate in gran parte sull’analisi di grandi dati e completate da riflessioni di psicologi. Ma l’anno scorso un team di ricercatori di Jigsaw, un braccio di Google, ha unito le forze con gli etnografi della società di consulenza ReD per adottare un approccio diverso: una ricerca qualitativa faccia a faccia che ha esplorato gli atteggiamenti di 42 teorici della cospirazione nel Regno Unito e negli Stati Uniti in relazione a idee che andavano dall’apparentemente benigno (diciamo, la terra è piatta) al pericoloso (la teoria del genocidio bianco) e, più recentemente, alle pandemie.

Una parte di questo materiale è rimasta nascosta. Ma il team di Jigsaw e ReD ha recentemente presentato ampie scoperte a un gruppo noto come Prassi Etnografica in Contesto – e sono stimolanti.

La questione chiave è come ci si avvicina ai teorici della cospirazione. Come ha sottolineato Joseph Uscinski, uno scienziato politico dell’Università di Miami, non è chiaro che i teorici della cospirazione siano oggi più diffusi di quanto lo fossero in epoche precedenti. “È una continuità“, dice.

Ma ciò che colpisce la nostra epoca moderna è la rapidità con cui le teorie cospirazioniste possono diffondersi su Internet, e venire captate dai media mainstream (e da alcuni politici). I gruppi tecnici cercano di fermare tutto questo con tattiche che i dirigenti di YouTube chiamano le “quattro R”: rimuovere contenuti pericolosamente fuorvianti; relegare tale materiale nei risultati di ricerca; aumentare le offerte migliori nelle classifiche di ricerca; e premiare i gruppi che  ricercano e debellano le cospirazioni. (Il notevole metabunk.org, creato dallo scrittore scientifico Mick West, ne è un esempio).

Questo approccio delle “quattro R” suggerisce che il problema è separare le cospirazioni pericolose da quelle meno pericolose. Ma secondo la ricerca di Jigsaw e ReD, questo potrebbe non essere sufficiente.

Quando gli etnografi hanno rintracciato i teorici della cospirazione, si sono resi conto che ciò che contava di più non era se le teorie fossero pericolose, ma il grado in cui le persone avevano (o non avevano) un attaccamento schiacciante per loro. “È più importante distinguere tra i tipi di teorici piuttosto che tra i tipi di teorie di cospirazione“, ha spiegato il loro lavoro.

Le persone che erano profondamente in preda a una mentalità cospirazionista avevano la stessa probabilità di credere a cospirazioni benigne che a quelle pericolose – non esiste “una cospirazione innocua di per sé”, hanno osservato i ricercatori. Ma alcune persone potevano essere persuase dalle loro idee – in modo che anche le teorie pericolose da loro sostenute diventassero meno minacciose.

Il team ha quindi suggerito la necessità di una strategia a più livelli. Chi è profondamente preso dalle cospirazioni non accetta controargomentazioni logiche, ma può rispondere a spunti emotivi che vengono presentati con empatia e rispetto (come ha sostenuto anche West). Nel frattempo, i teorici esitanti possono a volte essere influenzati da interventi “a monte” (per esempio elevando materiale che respinge le teorie cospirative nei motori di ricerca).

In ogni caso, ciò che fa sì che qualcuno si agganci a una teoria del complotto non è solo il risultato di problemi psicologici individuali (anche se questi hanno un ruolo), ma anche di affiliazioni sociali. In Montana, il team ha studiato “Jennifer”, che ha abbracciato le teorie cospirazioniste perché queste hanno definito il suo gruppo di amici.

Chi spera di sfatare queste idee deve anche pensare bene ai segnali culturali. Prendete il design del sito web. I professionisti del ventunesimo secolo danno tipicamente più credibilità alle informazioni che provengono da siti dall’aspetto raffinato.

Al contrario, gli etnografi hanno scoperto che i teorici della cospirazione sono più propensi a credere alle informazioni che provengono da siti più trasandati e amatoriali, poiché questi sembrano più “autentici”. Questo punto potrebbe non essere ovvio per i tecnici in luoghi come Google – e non è il tipo di intuizione che l’analisi dei grandi dati rivelerà. Ma è fondamentale.

Queste intuizioni possono essere sfruttate dalle aziende tecnologiche per evitare futuri #Pizzagates? Ci sono stati piccoli successi: la ricerca descrive come un utente, “Lois” a San Diego, si sia allontanato da una teoria cospirazionista legata ai chemtrails (i gas di scarico emessi dagli aerei) dopo che Google ha elevato il materiale alternativo al vertice del motore di ricerca.

Non sarà facile, però, scalare questi ultimi o contrastare la velocità con cui le nuove teorie cospirazioniste continuano a trasformarsi. (La sfatata teoria di #Pizzagate è recentemente riemersa inaspettatamente sulle piattaforme dei social media – questa volta trascinandoci il cantante Justin Bieber).

Questo è particolarmente allarmante se si considera che la ricerca di Uscinski suggerisce che il 51% degli americani ora crede in parte ad almeno una delle maggiori teorie di cospirazione che circolano; e che, con Covid-19 e il suo vaccino , stiamo assistendo a una nuova potente fonte di idee cospirative – indipendentemente dalle elezioni americane.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati