Innovazione

Che cosa farà Poste con Tim e Open Fiber

di

Poste italiane tim fibra banda ultra larga

Fatti, numeri e scenari su Poste che si lancia nel settore della banda ultralarga: cosa farà con Open Fiber e Tim

 

Poste Italiane debutta nella fibra. E lo fa grazie a Open Fiber e Tim.

L’azienda guidata dall’amministratore delegato Matteo Del Fante ha rivisto i contratti di fornitura di Poste Pay, assegnando ad Open Fiber e Tim i contratti per la connessione in fibra a casa e a Vodafone i contratti per la telefonia mobile.

Ecco tutti i dettagli.

POSTE DEBUTTA NELLA FIBRA

Dopo Sky, il settore della banda ultralarga è pronto ad accogliere l’ingresso di un secondo operatore non tlc: Poste Italiane. L’azienda controllata da Cdp e Mef, a breve, fornirà servizi in fibra ottica, in linea con “la strategia di consolidamento dei servizi di telefonia fissa da parte di PostePay”.

CONTRATTI CON OPEN FIBER E TIM

Se per l’obiettivo, però, Sky si affida a Open Fiber e dovrebbe siglare a breve un accordo con Fastweb, Poste Italiane ha scelto di firmare due accordi strategici, sia con Tim sia con Open Fiber.

Quest’ultima permetterà a Poste Italiane, che lavora nel settore della telefonia tramite la controllata Postepay (e con il brand PosteMobile), di offrire i propri servizi nelle aree coperte dall’azienda co-partecipata, alla pari, da Enel e Cdp.

Tim, invece, dovrà prestare l’accesso alla propria infrastruttura nelle aree, scrive Repubblica, dove Poste ha la maggior parte dei suoi sportelli, e i servizi accessori come modem e assistenza.

TELEFONIA MOBILE: VODAFONE BATTE WIND-3

Postepay ha rivisto anche i contratti sul fronte della telefonia mobile: l’azienda ha scelto di affidarsi a Vodafone, che ha vinto la concorrenza di Wind3, con cui fino ad oggi Poste aveva il contratto.

IL MERCATO DELLA TELEFONIA MOBILE

Nel settore mobile, secondo i dati Agcom, ci sono in Italia 78,4 milioni di linee mobili (senza contare tablet, pc portatili e altri servizi mobili). Sono 6 milioni i clienti che hanno scelto di affidarsi ad operatori virtuali: ed è in questo settore che Poste stravince, con 4,2 milioni di clienti, superando anche Fastweb.

Nelle mani di Poste, in soldoni, è il 5,4% dei cellulari italiani. La società ha una percentuale di poco inferiore a quella di Iliad, che vanta il 7,4% dei clienti mobili.

POSTE: RUOLO CENTRALE NELLA DIGITALIZZAZIONE

Il debutto che ci sarà a breve nel settore di internet fisso, commenta la società, conferma “il ruolo centrale di Poste Italiane nel processo di digitalizzazione e di sviluppo economico” dell’Italia.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati