Innovazione

Che cosa cambia dopo la sfida lanciata da Disney a Netflix

di

netflix
Netflix

Nuova puntata dell’assalto dei concorrenti di Netflix. La scorsa settimana è stata la volta di Disney. Ecco tutti i dettagli.

CHE COSA HA ANNUNCIATO DISNEY

Arriverà il 12 novembre negli Stati Uniti il servizio di tv in streaming Disney+. E’ quello che ha annunciato venerdì scorso il colosso americano nel corso di un evento dedicato, rendendo noto anche il prezzo: 6,99 dollari al mese, senza alcuna pubblicità. Un duro colpo alla concorrenza, considerando che il costo è circa la metà di un abbonamento mensile a Netflix, fanno notare alcuni addetti ai lavori.

TUTTI I DETTAGLI DEL PIANO ANTI NETFLIX

Il servizio metterà a disposizione degli utenti tutti i contenuti classici del brand e quelli dei marchi controllati della Disney: Pixar, Marvel, Star Wars e National Geographic. Sarà disponibile su smart tv e su device mobili.

NUMERI E SERIE

Nel corso del primo anno, Disney+ offrirà 10 film originali e 25 serie originali, tra cui tre spinoff degli Avengers. Saranno disponibili dal giorno del lancio le 30 stagioni dei Simpsons, così come tutti i film della saga di Star Wars e l’intera collezione di film della Pixar.

I PERCHE’ DEL PREZZO

Interpellato da un analista sul motivo per cui ha fissato il prezzo di $ 6,99, il presidente e amministratore delegato della Disney, Bob Iger, ha dichiarato: “Questa è la nostra prima seria incursione in questo spazio, e vogliamo raggiungere quante più persone possibili”.

IL PIANO DI DISNEY

Disney + sarà interamente supportato dall’abbonamento, senza pubblicità, e dovrebbe sostenere perdite finanziarie per i suoi primi quattro anni di attività, prima di diventare redditizio per l’anno fiscale 2024 (che inizia nel quarto trimestre del 2023).

LE SPESE

Nell’anno fiscale 2020, Disney spenderà 1 miliardo di dollari in per la programmazione originale di Disney +, mentre avrà poco meno di 1 miliardo di dollari di spese operative. La sua spesa per gli originali Disney + dovrebbe salire a circa 2,5 miliardi di dollari entro il 2024.

L’ANALISI DI PRETA

Ha scritto Augusto Preta, analista e fondatore di ITMedia Consulting: “Le grandi major americane, le piattaforme digitali online, le telcos, gli operatori via cavo, le grandi pay tv, insomma tutti i soggetti colpiti direttamente e profondamente dal ciclone Netflix, si sono riorganizzati negli ultimi mesi, annunciando il lancio di nuovi servizi e dando vita a un processo di consolidamento che non ha precedenti nella storia dei media. Si va infatti dagli 85,7 miliardi di dollari dell’acquisizione AT&T/Time Warner ai 71,3 miliardi di Disney/21th Century Fox, ai 39 miliardi di Comcast/Sky”.

QUI L’ANALISI DI PRETA: Vi racconto le ultime battaglie tv fra Amazon, Apple e non solo (contro Netflix)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati