Innovazione

Banda ultralarga, la sfida tra Tim e Open Fiber fa slittare la terza gara Infratel

di

banda ultralarga

Audizione al Senato sullo sviluppo della banda ultralarga. Slitta il terzo bando Infratel a causa dei nuovi piani di Telecom 

 

Telecom vs OpenFiber. Torniamo a parlare di banda ultralarga e delle due aziende che su fronti opposti, fanno a gara a cablare l’Italia. In queste ore, la sfida è arrivata nelle aule del Senato, per una serie di audizione sullo sviluppo della fibra ottica: ora che Tim ha annunciato gli invetimenti nelle aree bianche (quelle a fallimento di mercato), la terza gara Infratel slitta. Ma andiamo per gradi.

Open Fiber si aggiudica le prime 2 gare Infratel

Sarà Open Fiber, società di Enel e Cdp, a portare la fibra in 3.043 comuni, di sei regioni d’Italia (Abruzzo, Molise, Toscana, Emilia Romagna, Lombardia e Veneto) incluse nel primo bando Infratel, la cui procedura di assegnazione si è conclusa con la firma del contratto di concessione tra Infratel e Open Fiber.

banda ultralargaIl bando era stato pubblicato lo scorso 3 giugno ed era stato suddiviso in cinque lotti, tutti ottenuti da Open Fiber. Alla firma, avvenuta nella sede del ministero dello Sviluppo economico, erano presenti tra gli altri il ministro per la Coesione territoriale Claudio De Vincenti, il sottosegretario con delega alle Comunicazioni Antonello Giacomelli e il presidente di Open Fiber Franco Bassanini. Open Fiber si è aggiudicata questa prima gara con un importante ribasso rispetto alla base di asta: 675 milioni di euro contro gli 1,45 miliardi previsti da bando.

Open Fiber si è aggiudicata anche la seconda gara bandita da Infratel per le aree a fallimento di mercato. Il bando vale 1,2 miliardi di euro e riguarda 3.710 comuni, ovvero 5,5 milioni di persone e 3,9 milioni di unità abitative o aziendali in dieci regioni, più la provincia autonoma di Trento (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata, Sicilia. Sono coinvolti 3.710 comuni divisi in sei lotti di gara).

La società guidata dall’amministratore delegato Tommaso Pompei (ex Wind) e presieduta da Franco Bassanini (ex Cdp) avrebbe presentato la migliore offerta in tutti e sei i lotti.

Entro l’estate verranno aperti i cantieri: verrà posato il primo cavo. Open Fiber ha tempo 36 mesi dalla firma della concessione per portare la fibra ottica in queste aree non tradizionalmente redditizie perché in zone complesse, rurali o periferiche (come in montagna). Con ogni probabilità quindi entro la fine del 2020 i Comuni del primo e secondo bando potranno godere dei vantaggi di internet superveloce.

L’Agenda digitale italiana prevede che entro il 2020 sia coperto l’85% del territorio con il web veloce, in particolare 100 megabit al secondo per le aree C (i piccoli comuni) e 30 megabit al secondo nelle aree più remote e rurali (case sparse).

Banda ultralarga: Tim e Governo ai ferri corti

banda ultralargaIntanto, visti i risultati del primo Bando di gara, Tim ha deciso non solo di fare ricorso al Tar (ma lo ha perso), ma anche di ritirarsi dal secondo bando ed investire in modo privato in queste ore. Ed è per questo che la società guidata da Flavio Cattaneo è arrivata ai ferri corti con il Governo, che aveva bandito le gare per la copertura delle aree a fallimenti di mercato proprio dopo aver consultato gli operatori e aver appurato che non erano di interesse dei privati.

I piani di Tim cambiano le cose e  secondo il sottosegretario Giacomelli e il Mise, potrebbe anche portare a un intervento dell’esecutivo. Sull’argomento si era espresso nelle scorse ore, il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, che ha fatto sapere che il governo non ha alcuna intenzione di impedire o ostacolare gli investimenti di Telecom Italia, purchè risultino compatibili con gli impegni legali assunti e la normativa comunitaria di riferimento ma, diversamente, agirà per tutelare l’interesse pubblico (il conto economico della concessione per la gestione della rete pubblica non prevede la concorrenza).

Slitta il terzo bando

Del terzo (e ultimo) bando Infratel, invece, ne ha parlato il presidente di Open Fiber, Franco Bassanini, in una audizione al Senato, alle commissioni Lavori pubblici e Industria. Secondo quanto spiegato da Bassanini, la terza gara Infratel per la banda larga e ultralarga doveva partire a inizio settembre ma a causa dei nuovi piani di Telecom Italia sarà rinviata di qualche settimana o mese. A differenza delle altre due gare l’annuncio di Telecom è avvenuto prima che fosse partita la procedura di gara e si deve tener conto dell’aggiornamento.

Un investimento di lungo termine

banda ultralarga“L’investimento nella rete in fibra è un classico investimento di lungo termine che impegna e attira investitori di lungo termine in grado di essere pazienti, come chi ha investito sulla ‘Autostrada del Sole‘”, ha detto Franco Bassanini in audizione al Senato. “Questo è importante perchè noi siamo una società che ha alle spalle investitori di lungo termine che hanno come azionista di controllo ultimo lo Stato. Siamo attenti alla redditività, ma nel lungo termine: gli invstitori non pretendono ritorni immediati perché sanno che l’investimento infrastrutturale si ripaga nel tempo”.

“Questo ci pone in una condizione particolare rispetto ad altri operatori che hanno azionisti che pretendono ritorni immediati”, ha continuato Bassanini. “Non abbiamo da difendere il valore di un vecchio asset che nel tempo verrà gradualmente sostituito dalla nuova infrastruttura”. Queste parole fanno riferimento alla rete in rame di Telecom, che col tempo e la diffusione della fibra perderà valore.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati