Pagamenti digitali / Fintech

Paypal paga (parecchio) iZettle per strattonare Square

di

E PayPal paga. Ben 2,2 miliardi di dollari. Venerdì scorso il gigante americano dei pagamenti digitali, PayPal, ha sborsato la cifra record per acquisire iZettle, startup svedese che produce dispositivi e tecnologie per accettare carte di credito, registrando la più grande acquisizione per la società di San Jose.

A CHI E QUANTO PIACE IZETTLE

iZettle, fondata nel 2010, ha messo a punto una piattaforma per la gestione delle transazioni al dettaglio, utilizzata da quasi mezzo milione di commercianti. La società con sede a Stoccolma prevede di gestire quest’anno transazioni per circa 6 miliardi di dollari, registrando un fatturato lordo di circa 165 milioni di dollari.

I suoi lettori mobili aiutano le piccole e medie imprese a elaborare pagamenti con carte di credito e di debito, un segmento a parte rispetto agli affari di PayPal che sono ancora in gran parte concentrati sulle transazioni online.

QUANTO CONTANO DELLE PICCOLE IMPRESE

Dopo la separazione dalla società madre eBay nel 2015 e l’annuncio che non sarà più il metodo di pagamento principale sulla piattaforma di compravendita lo scorso febbraio, PayPal è andata alla ricerca di nuovi modi per convincere gli acquirenti ad aprire i loro portafogli.

L’acquisizione di iZettle permetterà a PayPal di raggiungere quasi 500mila negozi in Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Messico, Paesi Bassi, Norvegia, Spagna e Svezia.

“Le piccole imprese sono il motore dell’economia globale e stiamo continuando ad espandere la nostra piattaforma per aiutarle a competere e vincere online, in negozio e tramite cellulare”, ha dichiarato in una nota il numero uno di PayPal Dan Schulman, “Nel mondo digitale di oggi i consumatori vogliono essere in grado di acquistare quando, dove e come vogliono”.

IL BIG AFFAIR DEL SETTORE DEI PAGAMENTI

Come puntualizza la newsletter finanziaria statunitense Finimize, il desiderio per i rivenditori di avere un fornitore di pagamenti “one stop shop” per tutti i loro negozi (ad esempio online e fisico) sta crescendo a causa della continua ascesa dell’e-commerce e PayPal lo sa. La società di San Jose resta una delle soluzioni preferite come pagamento end-to-end mentre sempre più retailer continuano a spostarsi verso l’online e i pagamenti vengono effettuati sempre più sui telefoni cellulari. Grazie a iZettle, per Paypal sarà più facile  raggiungerli.

LA SFIDA A SQUARE

Non è finita qui. Con l’ingresso in famiglia di iZettle, Paypal punta a battere la rivale più piccola Square, società fondata nel 2009 da Jack Dorsey (quel Dorsey di Twitter). La tecnologia di punta di Square è un lettore di carte di credito che trasforma smartphone o tablet in un dispositivo mobile per i pagamenti. Il “quadrato” è popolare soprattutto tra i piccoli commercianti in quanto consente loro di elaborare le transazioni effettuate con le carte di credito dei clienti senza dover disporre di un registratore di cassa o di sistemi costosi.

Se Square è diffusa prevalentemente negli Stati Uniti, iZettle al contrario in Europa e in America Latina. Per questo l’espansione di PayPal in profondità nei negozi rappresenta una minaccia per Square fuori dai confini nazionali al momento.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati