Pagamenti digitali / Fintech

ICO e cripto-attività, come si muove la Consob

di

Consob

Portata e obiettivi del documento per la discussione “Le offerte iniziali e gli scambi di cripto-attività” della Consob

 

L’Italia è presente. Dopo le iniziative di Francia, del Regno Unito con la propria task force congiunta, e del Parlamento maltese, pochi giorni fa è scesa in campo anche l’Italia attraverso la Consob.

Il terreno sul quale ci si muove (perché ci vedrà coinvolti tutti direttamente) è arduo, talvolta caratterizzato da fallimenti (troppi) e al tempo stesso raffigura qualcosa di etereo: disciplinare “Le offerte iniziali e gli scambi di cripto-attività”. Questo è il titolo dato al “Documento per la Discussione” reso pubblico dalla Divisione Strategie Regolamentari della Consob.

La materia è molto vasta e, da come si può apprende dalla consultazione dello stesso paper, l’organismo di vigilanza chiede il coinvolgimento di tutti ovvero di quei «soggetti potenzialmente interessati».

Il tempo a disposizione entro il quale poter apportare un proprio contributo è circoscritto a soli sessanta giorni: pochi? Troppi? Troppo pochi? Se si vuole agire, contribuendo, si ritengono più che sufficienti.

Questa iniziativa da parte di Consob è di assoluta concretezza e rilevanza poiché coerente con quanto la stessa Commissione illustra nel proprio sito internet alla sezione “Le conoscenze finanziarie di base/Le Criptovalute” e specificatamente al Box 3 in materia di Initial coin offering (ICO) dove si può leggere come «Il “ciclo di vita” di una ICO – nella forma più ricorrente riscontrata sul mercato – riproduce, con alcune spiccate peculiarità, le fasi del processo di finanziamento diretto di una realtà imprenditoriale innovativa di piccole dimensioni e (usualmente) in fase di lancio alla ricerca di investitori».

Ed inoltre «i profili di attenzione per le autorità di supervisione dei mercati finanziari sollevati dalle ICOs sono molteplici, così come sono numerosi e differenti gli approcci finora seguiti per fornire una prima risposta ‘regolamentare’ al fenomeno».

Come detto, il terreno è ampio, e delimitato (per il momento) ad uno solo dei molteplici aspetti del mondo virtuale; un pianeta – quest’ultimo – divenuto maggiormente reale perché rappresentato non solo da numeri ma bensì perché oggetto di potenziale regolamentazione.

Nella premessa di Consob è presente un chiaro obiettivo privo di fraintendimenti: «Avviare un dibattito a livello nazionale». L’Italia si è sempre distinta per la propria lungimiranza in molti campi della quotidianità creando vera e propria materia di studio per i posteri.

Ora abbiamo la possibilità di poter iniziare, contribuendo, a questo ambizioso piano di sviluppo. Diamo il nostro apporto di conoscenza perché raramente accade di poter essere attori e non solo spettatori. Per una volta, almeno per questa volta, lasciamoci alle spalle i critici ricordando che – quest’ultimi – sapranno sempre cosa dire. Dopo. Sempre e solo dopo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati