Pagamenti digitali / Fintech

Virtù e vizi del Fintech secondo il Fondo monetario internazionale

di

business hand clicking fintech or financial technology button on search toolbar with vintage style effect

“Il cambiamento può apparire scoraggiante, destabilizzante, persino minaccioso” ma la chiave “è sfruttare i benefici mentre si gestiscono i rischi”. Che cosa dice e pensa il Fondo monetario internazionale

La moneta digitale? “Fondamentalmente, si tratta di cambiare: essere aperti al cambiamento, abbracciando il cambiamento, plasmando il cambiamento”. Lo ha detto il direttore del Fondo monetario internazionale (Fmi) Christine Lagarde intervenendo al Singapore Fintech Festival. “La tecnologia cambierà, e lo stesso vale per noi. Nel mondo di Fintech, dobbiamo sfruttare il cambiamento in modo che sia giusto, sicuro, efficiente e dinamico. Questo è l’obiettivo dell’agenda di Bali sul Fintech lanciata da Fmi e Banca mondiale lo scorso ottobre”.

LA RIVOLUZIONE TECNOLOGICA METTE IN DISCUSSIONE LE FORME DI DENARO

“Il cambiamento può apparire scoraggiante, destabilizzante, persino minaccioso. Questo è particolarmente vero per il cambiamento tecnologico, che sconvolge le nostre abitudini, il lavoro e le interazioni sociali”, ha sottolineato la Lagarde spiegando che la chiave “è sfruttare i benefici mentre si gestiscono i rischi. Quando si parla di Fintech, Singapore ha dimostrato una visione eccezionale – ha aggiunto -: pensate alla sua sandbox normativa dove le nuove idee possono essere testate. Pensate al Fintech Innovation Lab e alla collaborazione con le principali banche centrali per i pagamenti transfrontalieri”. Secondo la Lagarde occorre ricordare la “natura mutevole del denaro” e il fatto che “la rivoluzione tecnologica mette in discussione le forme di denaro” proprio come monete e depositi bancari commerciali. “E mette in discussione il ruolo dello Stato nel fornire denaro. E questa è la chiave: il denaro stesso sta cambiando. Ci aspettiamo che diventi più comodo e facile da usare, forse anche meno serio. Ci aspettiamo che sia integrato con i social media, prontamente disponibile per l’uso online e da persona a persona, compresi i micro-pagamenti. E, naturalmente, ci aspettiamo che sia economico e sicuro, protetto da criminali e occhi indiscreti. Quale sarà il ruolo del denaro contante in questo mondo digitale? Già firma nelle vetrine dei negozi con la dicitura ‘Contanti non accettati’. Non solo in Scandinavia, il manifesto figlio di un mondo senza contanti. Anche in vari altri paesi, la domanda di contante sta diminuendo, come dimostrato dai recenti lavori del Fmi. E tra dieci, venti, venti, trenta anni, chi scambierà ancora pezzi di carta?”.

ANCHE I DEPOSITI BANCARI SOTTO PRESSIONE

Stesso discorso, secondo il numero uno del Fmi anche per i depositi bancari che subiscono inevitabilmente la pressione delle nuove forme di denaro. “Pensate ai nuovi fornitori specializzati nei pagamenti che offrono moneta elettronica – da AliPay e WeChat in Cina, a PayTM in India. Queste forme di denaro sono progettate pensando all’economia digitale. Rispondono a ciò che le persone chiedono e a ciò che l’economia richiede. Anche le valute crittografiche come Bitcoin, Ethereum e Ripple si contendono un posto nel mondo senza contanti, reinventandosi continuamente nella speranza di offrire un valore più stabile, e un accordo più rapido ed economico”.

LE VALUTE DIGITALI DELLA BANCA CENTRALE

La Lagarde ha poi affrontato il ruolo delle banche centrali in questo nuovo panorama monetario. “Alcuni suggeriscono che lo Stato debba ritirarsi. I fornitori di moneta elettronica sostengono di essere meno rischiosi delle banche, perché non prestano denaro. Al contrario, detengono i fondi dei clienti in conti di deposito e regolano semplicemente i pagamenti all’interno delle loro reti. Dal canto loro, le valute crittografiche cercano di ancorare la fiducia nella tecnologia. Finché sono trasparenti – e se si è esperti di tecnologia – ci si può fidare dei loro servizi. Tuttavia, non ne sono del tutto convinta. Una corretta regolamentazione di queste entità rimarrà un pilastro della fiducia. Dovremmo andare oltre? Al di là della regolamentazione, lo Stato dovrebbe rimanere un attore attivo nel mercato del denaro? Dovrebbe colmare il vuoto lasciato dal ritiro del denaro contante?”. In sostanza “le banche centrali dovrebbero emettere una nuova forma di denaro digitale? Un gettone garantito dallo Stato, o forse un conto detenuto direttamente presso la banca centrale, a disposizione di persone e imprese per i pagamenti al dettaglio? E’ vero, i vostri depositi nelle banche commerciali sono già digitali. Ma una moneta digitale sarebbe una responsabilità dello Stato, come il contante oggi, non di un’impresa privata”. Il numero uno del Fmi ha evidenziato come diverse banche centrali in tutto il mondo stanno seriamente prendendo in considerazione queste idee, tra cui quelle di Canada, Cina, Svezia e Uruguay. “Credo che dovremmo considerare la possibilità di emettere moneta digitale. Potrebbe esserci un ruolo per lo Stato nel fornire moneta all’economia digitale. Questa moneta potrebbe soddisfare obiettivi di politica pubblica, come l’inclusione finanziaria, e la sicurezza e la protezione dei consumatori; e fornire ciò che il settore privato non può fare: la privacy nei pagamenti”.

INCLUSIONE FINANZIARIA

“La moneta digitale offre grandi promesse, attraverso la sua capacità di raggiungere persone e imprese in regioni remote ed emarginate. Sappiamo che le banche non sono esattamente affrettate a servire le popolazioni povere e rurali. Questo è fondamentale, perché il denaro contante potrebbe non essere più un’opzione in questo caso. Se la maggior parte delle persone adotta forme digitali di denaro, l’infrastruttura per il contante si degraderebbe, lasciando indietro coloro che si trovano nella periferia. Naturalmente, offrire una moneta digitale non è necessariamente l’unica risposta. I governi possono avere la possibilità di incoraggiare le soluzioni del settore privato, fornendo finanziamenti o migliorando le infrastrutture”, ha osservato Lagarde.

SICUREZZA E PROTEZIONE DEI CONSUMATORI

“Senza denaro contante, troppo potere potrebbe cadere nelle mani di un piccolo numero di fornitori di pagamenti privati di grandi dimensioni. I pagamenti, dopo tutto, naturalmente tendono verso i monopoli: più persone servite, più economico e utile è il servizio – ammette il direttore del Fmi -. La resilienza può anche soffrire: con pochi anelli della catena di pagamento, il sistema può smettere di funzionare se uno di questi anelli si rompe. Pensate a un cyber-attacco, a un guasto, a un fallimento o al ritiro di un’impresa dal mercato locale. La regolamentazione potrebbe non essere in grado di rimediare completamente a questi inconvenienti. Una moneta digitale potrebbe offrire dei vantaggi, come mezzo di pagamento di riserva. E potrebbe stimolare la concorrenza offrendo un’alternativa efficiente e a basso costo, come ha fatto suo nonno, la vecchia e affidabile banconota cartacea”.

PRIVACY

“Il terzo vantaggio della moneta digitale è il dominio della privacy – ha continuato Lagarde -. Il denaro contante, naturalmente, consente pagamenti anonimi. Ci procuriamo contanti per proteggere la nostra privacy per motivi legittimi: per evitare, ad esempio, l’esposizione all’hacking e alla profilazione dei clienti. Le banche centrali salterebbero in soccorso e offrirebbero una moneta digitale completamente anonima? Certamente no. In questo modo, sarebbe una vera e propria goduria per i criminali”.

I LATI NEGATIVI DELLE VALUTE DIGITALI DELLE BANCHE

“Quelli ovvi sono i rischi per l’integrità e la stabilità finanziaria. Ma vorrei anche sottolineare i rischi di soffocare l’innovazione. Dobbiamo affrontare questi rischi in modo creativo”, ha evidenziato il direttore del Fmi partendo dai rischi per l’integrità finanziaria: “Le banche centrali potrebbero progettare la moneta digitale in modo che le identità degli utenti siano autenticate attraverso procedure di due diligence della clientela e le transazioni registrate. Ma le identità non verrebbero divulgate a terzi o ai governi se non richiesto dalla legge. Così, quando acquisto la mia pizza e la birra, il supermercato, la sua banca e gli addetti al marketing non saprebbero chi sono. Nemmeno lo Stato potrebbe non sapere chi sono, almeno per difetto. I controlli contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo sarebbero comunque in secondo piano. Se sorgesse un sospetto, sarebbe possibile togliere il velo dell’anonimato e indagare. Questa configurazione sarebbe positiva per gli utenti, negativa per i criminali, e migliore per lo Stato, rispetto al denaro contante. Naturalmente, le sfide rimangono. Il mio obiettivo, a questo punto, è incoraggiare la ricerca”. Per quanto riguarda i rischi per la stabilità finanziaria “le valute digitali potrebbero esacerbare la pressione sui depositi bancari. Ma le banche non sono spettatori passivi. Possono competere con tassi di interesse più elevati e servizi migliori. Che dire del rischio delle operazioni bancarie? Esiste. Ma si consideri che la gente corre quando crede che i prelievi di denaro contante siano onorati in base al principio ‘primo arrivato, primo servito’. La moneta digitale, invece, poiché può essere distribuita molto più facilmente del contante, potrebbe rassicurare anche la persona rimasta sdraiata sul divano”. Infine i rischi per l’innovazione: “Se la moneta digitale diventasse troppo popolare, potrebbe ironicamente soffocare l’innovazione. Dov’è il vostro ruolo se la banca centrale offre una soluzione completa, dal portafoglio digitale, al token, ai servizi di regolamento back-end? In altre parole – ha concluso la Lagarde – la banca centrale si deve concentrare sul suo vantaggio comparativo – back end settlement – e le istituzioni finanziarie e le start-up devono essere libere di concentrarsi su ciò che sanno fare meglio – interfaccia cliente e innovazione. Si tratta di un partenariato pubblico-privato al suo meglio”.

APP Intesa Sanpaolo Mobile

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati