skip to Main Content

L’Ue abbraccia le energie rinnovabili per emanciparsi dalla Russia

Prezzo Energia

I piani anti Russia della Commissione europea in materia energetica. L’articolo del quotidiano El Pais

 

La Commissione – scrive El Pais – vuole che il blocco si liberi completamente dei combustibili fossili entro il 2027. L’energia eolica e solare emergono come alternativa prioritaria.

Il Centre for Energy and Clean Air Research, un gruppo di analisti specializzati nella transizione energetica, ha creato un unico contatore digitale che mostra quanto l’UE sta pagando alla Russia per i combustibili fossili importati dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio. Sabato il conto era già di circa 9,5 miliardi di euro spesi in petrolio, gas e carbone. Bruxelles e le capitali europee sono ansiose di andare verso un completo distacco dai combustibili fossili di Vladimir Putin, come annunciato da Stati Uniti e Regno Unito. Ma la dipendenza dell’UE dai combustibili fossili è molto maggiore.

L’intenzione della Commissione europea è che il blocco rompa completamente con le importazioni di energia russa entro il 2027. E l’alternativa su cui scommette a medio e lungo termine sono le energie rinnovabili e l’elettrificazione dell’economia. Questo è stato confermato nei giorni scorsi dalla Commissione europea, dall’Agenzia internazionale dell’energia (AIE) e dal governo tedesco, il leader de facto del club. “Non è solo una questione ambientale o economica. È anche una questione decisiva per la nostra sicurezza”, ha riassunto il cancelliere tedesco Olaf Scholz questa settimana. Il cancelliere spagnolo, Pedro Sánchez, ha parlato di rompere il “ricatto energetico” a cui Putin sottopone l’economia europea venerdì al vertice di Versailles. “La nostra dipendenza sta finanziando questa guerra. Ogni giorno senza sanzioni energetiche ci rende complici”, ha detto Laurence Tubiana, direttore esecutivo della European Climate Foundation.

Lasciarsi alle spalle il pericoloso asservimento energetico alla Russia significa correre prima uno sprint di 100 metri e poi una maratona. A breve termine, la notizia non è esattamente positiva. In particolare, dal punto di vista ambientale: i risparmi a cui si appella l’alto rappresentante per la politica estera dell’UE, Josep Borrell, e l’entrata in funzione di nuovi impianti rinnovabili – tutti pianificati molto prima della decisione del Cremlino di invadere l’Ucraina – saranno tutt’altro che sufficienti a coprire il vuoto che la fine delle importazioni russe lascerebbe nella matrice europea.

Più gas dovrà essere portato via nave da paesi terzi (Stati Uniti, Qatar, Algeria e Nigeria, tra gli altri). Un’operazione molto più inquinante che portarlo attraverso un gasdotto. E diversi governi europei, compresi quelli di Italia e Germania, hanno attivato piani di emergenza per avere le loro centrali a carbone – che generano fino al 60% in più di anidride carbonica rispetto al gas – pronte per quello che potrebbe arrivare nei prossimi mesi.

“A breve termine, ci si può aspettare che le emissioni di gas serra aumentino man mano che il carbone e anche il petrolio per il riscaldamento vengono usati sempre di più; è inevitabile in questo momento a causa degli alti prezzi del gas naturale”, dice David Robinson, un ricercatore dell’Oxford Institute for Energy Studies. Questo aumento arriva con le emissioni legate al settore energetico globale a livelli record, nel mezzo di una ripresa post-pandemia, hanno avvertito gli esperti dell’AIE questa settimana.

A lungo termine, tuttavia, si aprono altri orizzonti. L’efficienza energetica avrà un ruolo importante, secondo i dati di Bruxelles. L’idrogeno proveniente da fonti non inquinanti avrà anche un ruolo chiave nel garantire la stabilità del sistema. E, soprattutto, le energie verdi, la chiave di volta di tutto il quadro e praticamente l’unica alternativa possibile per garantire l’indipendenza energetica del continente. “È fondamentale aumentare l’eolico e il solare al di là di ciò che è stato proposto finora. Dobbiamo sostituire la generazione a gas più velocemente di quanto si pensasse”, riassume Jan Rosenow, direttore europeo del think tank Regulatory Assistance Project. Nel 2021, l’elettricità generata dalla combustione del gas ha rappresentato il 18% della produzione totale nell’UE, mentre il carbone ha contribuito per un altro 15%.

Secondo i dati del think tank britannico Ember, tra il 2011 e il 2019 la graduale crescita delle rinnovabili nell’UE è andata quasi interamente a riempire il vuoto lasciato dalle centrali atomiche e a carbone. E il gas ha continuato a guadagnare quote. Dal 2019, tuttavia, l’aggiunta di sempre più capacità di produzione eolica e solare sta guadagnando terreno. Ciò, in misura uguale al gas e alla somma di carbone e nucleare. Quando l’Europa taglierà finalmente i suoi legami con la Russia, questa tendenza accelererà ancora di più. “Non vedo altra alternativa che accelerare il processo di decarbonizzazione, cioè aumentare le rinnovabili e le nuove fonti di flessibilità per integrare le rinnovabili”, aggiunge Robinson.

DIPENDENZA

La dipendenza dell’Europa dal gas russo è enorme. L’anno scorso, il 45% del gas consumato dall’industria, dalle famiglie e dal sistema energetico proveniva dalla Russia, per lo più via pipeline ma anche via nave. Per contestualizzare questa cifra, il secondo più grande fornitore, la Norvegia, ne fornisce la metà, e il terzo, l’Algeria, un quarto. Questo dovrà necessariamente cambiare ora: Bruxelles propone che quest’anno gli acquisti dalla Russia siano solo un terzo di quello che erano prima dell’invasione dell’Ucraina. Ed entro il 2027 questa dipendenza dovrebbe essere completamente spezzata. Questo, secondo la proposta presentata da Bruxelles per promuovere l’energia verde, che dovrebbe essere finalizzata a maggio.

Alcuni partner europei, come la Repubblica Ceca e la Lettonia, hanno la Russia come unico fornitore. E altri, come la Germania – insieme all’Italia, il paese in cui il blocco combatterà la madre di tutte le battaglie per sganciarsi da Mosca – hanno già verbalizzato che una disconnessione accelerata porterebbe distruzione al loro potente settore manifatturiero e, in definitiva, alla loro economia nel suo complesso.

Abituata ad essere uno degli anelli più deboli in una serie di settori economici, la Spagna gode di una situazione privilegiata, con una dipendenza inferiore al 9 per cento, che le permette di dare per scontato l’approvvigionamento nei prossimi mesi. A prezzi, però, che non sono in linea con la media storica. “All’interno dell’UE, la Spagna si trova in una situazione vantaggiosa. Oltre ad avere una bassa dipendenza dal gas russo, ha il 25% della capacità di rigassificazione dell’Europa”, ricorda Natalia Collado, ricercatrice dell’Esade specializzata in mercati energetici.

Nel 2020, il 22% di tutta l’energia consumata nell’UE proviene da fonti rinnovabili (principalmente solare, eolica e idroelettrica). L’ultimo piano climatico promosso da Bruxelles per combattere il riscaldamento globale e aiutare la ripresa economica, il cosiddetto Fit for 55, proponeva di raggiungere una quota di almeno il 40% entro il 2030. Sette mesi dopo che la Commissione ha presentato questa proposta e mentre i negoziati con gli Stati sono ancora in fase di completamento, la crisi ucraina potrebbe portare a un ulteriore aumento delle ambizioni e degli obiettivi.

Questo, a sua volta, porterà l’UE-27 ad aumentare i loro obiettivi nazionali, come ricorda Antxon Olabe, economista ed esperto di transizione energetica. Nel 2020, il 21,2% di tutta l’energia consumata in Spagna proveniva da fonti rinnovabili. Nel piano energetico e climatico del governo l’obiettivo è di raggiungere il 42% entro il 2030. Olabe sostiene che sarà necessario “accelerare gli obiettivi climatici” e cominciare a rivederli dal prossimo anno per aumentarli. Ma riconosce anche che “la decarbonizzazione in Spagna sta già andando più veloce di quanto previsto nel piano energetico e climatico”, che è stato finalmente approvato nel marzo dello scorso anno. L’uscita del carbone e la rapida implementazione dell’energia solare ed eolica grazie alle aste sono state decisive nel caso spagnolo.

RAGIONI ECONOMICHE

A parte i benefici ambientali, in termini puramente economici, gli argomenti a favore delle energie rinnovabili sono anche forti. Solo nel 2019 i paesi dell’UE hanno speso quasi 200 miliardi di euro per importare petrolio, due terzi del quale proveniva dalla Russia. Altri 60 miliardi spesi per il gas naturale – il 40% del quale proveniva da quel paese – secondo i dati dell’ufficio statistiche dell’UE. Con gli aumenti di prezzo degli ultimi mesi, un altro potente incentivo aggiuntivo per lasciare questi combustibili, queste cifre si moltiplicheranno esponenzialmente nel 2021 e, soprattutto, nel 2022.

Se questi combustibili potessero essere sostituiti dalle energie rinnovabili, se non interamente, in larga misura, rimarrebbero negli Stati membri. Ma questo richiede una massiccia strategia di elettrificazione dei trasporti e del riscaldamento in parallelo con un salto di qualità nell’efficienza per ridurre i consumi, come sostiene Rosenow: “Le pompe di calore [per sostituire il riscaldamento a gas] possono ridurre l’uso del gas fino all’80%, e un migliore isolamento delle abitazioni potrebbe ridurre la domanda di calore di un ulteriore 30%.”

Natalia Fabra, professoressa di economia all’Università Carlos III di Madrid, è piuttosto cauta, sottolineando che “l’ambizione” e “l’impegno” dell’UE per l’energia verde era già “totale” prima che l’Europa scegliesse di tagliare il gas russo. “Questo evidenzia due qualità delle rinnovabili. In primis che non dipendono da altri e che sono risorse indigene, ma non so quanto ancora avremo. E penso che ci sia un eccesso di ottimismo nei calcoli di riduzione della dipendenza dal gas russo”, dice.

Dove c’è spazio di manovra, dice Fabra, è nell’accelerare le procedure amministrative e i colli di bottiglia affrontati da molti progetti di energia eolica e solare. Oltre a superare il rifiuto locale in alcune aree. “Anche nei gas rinnovabili e nell’idrogeno verde, dove è possibile accelerare”. Collado sottolinea anche l’importanza delle misure normative che Bruxelles ha delineato. Tra queste: l’intenzione di ridurre i tempi di elaborazione per l’installazione di energie rinnovabili o la promozione dell’autoconsumo energetico collettivo. Quest’ultima, in particolare, per incoraggiare l’installazione di pannelli fotovoltaici nei condomini.

Ma il desiderio di sganciarsi rapidamente dal gas russo, paradossalmente, potrebbe anche portare a investimenti che perpetuano la dipendenza da questo combustibile fossile (ma da altrove). Le voci che sostengono la promozione di interconnessioni e gasdotti stanno crescendo. Come, ad esempio, il Midcat, progettato per collegare la penisola iberica con il resto del continente. E anche la Commissione ha indicato questa direzione. Anche se Collado ricorda che Bruxelles sta subordinando queste nuove infrastrutture al fatto che in futuro vengano utilizzate per trasportare idrogeno verde (quello generato da fonti rinnovabili). In questo caso, i 100 metri e la maratona potrebbero essere fusi in un’unica gara.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore