skip to Main Content

Come sarà tassa sul carbonio alla frontiera dell’Ue

Clima

La tassa sul carbonio alla frontiera è la pietra angolare del tentativo di Bruxelles di proteggere l’industria europea dai concorrenti stranieri non sono soggetti a severi obiettivi climatici. L’approfondimento del Financial Times

Bruxelles si aspetta di ricavare quasi 10 miliardi di euro all’anno da una carbon tax sulle importazioni come parte del suo sforzo per affrontare il riscaldamento globale e userà il denaro per ripagare centinaia di miliardi di debiti di recupero comuni dell’UE.

I dettagli del prossimo Carbon Border Adjustment Mechanism (CBAM) dell’UE, riportati in un testo legale, visto dal Financial Times, rivelano come funzionerà il sistema. La cosiddetta carbon border tax costituisce la pietra angolare del tentativo di Bruxelles di proteggere l’industria europea dai concorrenti stranieri che non sono soggetti ai severi obiettivi climatici del blocco.

I documenti mostrano che il meccanismo raccoglierà circa 9 miliardi di euro all’anno di entrate una volta che sarà pienamente operativo entro il 2030. La Commissione europea intende introdurre la tassa gradualmente a partire dal 2023 per consentire alle imprese un periodo di “transizione” per adattarsi e garantire “il minor onere possibile sui flussi commerciali e sugli operatori commerciali”, si legge nel testo.

L’industria europea, in particolare i produttori di acciaio, vogliono che lo strumento entri in vigore il più presto possibile, in modo da non dover sostenere l’onere di pagare un prezzo del carbonio crescente nell’UE mentre i concorrenti al di fuori del gruppo non lo fanno.

La Commissione europea svelerà mercoledì prossimo le misure per aiutare a raggiungere il suo obiettivo di ridurre le emissioni medie di carbonio dell’UE del 55% nel 2030, rispetto ai livelli del 1990. Oltre al CBAM, esso include un rinnovamento del mercato del carbonio dell’UE, norme più severe sulle emissioni di CO2 per le auto e proposte per una tassa sul cherosene in tutta l’UE.

Ma è il CBAM che ha provocato la maggior preoccupazione da parte dei partner commerciali dell’UE, guidati dalla Russia, che temono di essere i più colpiti.

Le entrate del CBAM sono state stanziate per aiutare a coprire il costo del fondo di recupero di 750 miliardi di euro dell’UE, denaro che Bruxelles ha preso in prestito per sostenere i suoi stati membri a rilanciare le loro economie sulla scia della pandemia.

Sebbene sia un importo relativamente modesto, il denaro è stato sostenuto dal Parlamento europeo e da paesi come la Francia che vogliono che Bruxelles generi le sue “risorse proprie” per ripagare il debito del fondo di recupero nei prossimi decenni.

Il denaro probabilmente assumerà un significato aggiuntivo dopo che i piani della Commissione europea per una tassa digitale UE sono stati ritardati a causa della preoccupazione di Washington che la tassa sia incompatibile con i negoziati in corso per un accordo fiscale globale.

Il CBAM è stato sostenuto come un modo per prevenire il cosiddetto “carbon leakage”, in cui le aziende possono spostare le loro operazioni al di fuori dell’UE per evitare i rigidi regolamenti sul clima.

La tassa avrebbe inizialmente come obiettivo un numero limitato di importazioni tra cui ferro, acciaio, cemento e fertilizzanti. Secondo le stime interne dell’UE, le imprese russe costituiranno la maggior parte delle entrate a causa dell’alta intensità di carbonio delle loro importazioni.

“Man mano che l’UE aumenta le sue ambizioni climatiche, si prevede che la divergenza con il livello di azione climatica dei paesi terzi aumenti, con un maggiore rischio di fughe di carbonio per l’UE”, si legge nel testo.

I partner commerciali dell’Europa hanno avvertito che il meccanismo non deve essere contrario alle regole dell’Organizzazione Mondiale del Commercio. I funzionari dell’UE si dicono fiduciosi che lo strumento non rischierà azioni di ritorsione in quanto è progettato per colpire le aziende e non i paesi e si applicherà solo alle nazioni che non hanno sistemi equivalenti di prezzi del carbonio.

Il CBAM è anche progettato per integrare un rinnovamento del sistema di scambio di emissioni dell’UE (ETS) in cui l’industria europea paga un prezzo del carbonio guidato dal mercato per coprire il costo delle loro emissioni. La Commissione ha detto che eliminerà gradualmente i crediti di carbonio gratuiti nell’ETS per settori come l’aviazione e poi introdurrà il CBAM per proteggere le imprese dall’aumento dei costi e dalla concorrenza.

I funzionari hanno detto che il testo finale sarà soggetto a cambiamenti prima di essere adottato dalla commissione la prossima settimana.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore