Energia

Tutti gli obiettivi di Snam su dividendi e investimenti

di

snam

5.7 miliardi di investimenti al 2022, dividendi in crescita e debito ridotto: tutti i numeri di Snam dal piano al 2022. Articolo di Giusy Caretto

Investimenti per 5.7 miliardi di euro, un ruolo di primo piano nella transizione energetica e un dividendo che dovrebbe crescere del 5% annuo. Si può riassumere così il piano al 2022 di Snam, approvato dal consiglio di amministrazione presieduto da Carlo Malacarne, e che è stato presentato oggi dall’amministratore delegato di Snam Marco Alverà.

Mentre la domanda di gas è destinata a crescere nelle Americhe e in Cina, nel Vecchio Continente cresce la consapevolezza sul ruolo del gas naturale come soluzione immediata ed economica per accrescere l’efficienza energetica nelle città e sostituire il carbone e il diesel rispettivamente nella produzione di elettricità e nei trasporti. Andiamo per gradi.

I NUMERI DI SNAM

Partiamo dai numeri della società, in crescita. Negli ultimi due anni, la politica industriale di Snam ha portato a una riduzione del costo medio del debito dal 2,4% del 2016 a circa 1,5% nei primi nove mesi del 2018 rispetto alla guidance dell’1,8% e all’aggiornamento all’1,6% del luglio scorso.

Rispetto al 2017, è previsto un aumento dell’EBITDA del 3,5% medio annuo nell’arco di piano; dell’utile netto di oltre il 4% annuo; dell’utile netto per azione (EPS) di oltre il 5% medio annuo nel periodo di piano, beneficiando dell’effetto del programma di acquisto di azioni proprie condotto nel corso del 2018. Nell’arco di piano, il rapporto debito/RAB è atteso sostanzialmente stabile in arco di piano.

Guardando a tempi più ristretti, per il 2019 Snam si attende un utile netto in crescita di circa il 4% rispetto al 2018 e un livello di indebitamento a fine anno pari a circa € 11,7 miliardi con un costo del debito in linea con gli attuali livelli.

INVESTIMENTI AL 2022

Sul fronte degli investimenti, Snam mette sul piatto fino a 5,7 miliardi di euro per lo sviluppo del sistema gas italiano e le nuove attività nella transizione energetica (circa il 10% in più rispetto ai € 5,2 miliardi del piano 2017-2021).

In particolare, la società prevede 4,8 miliardi di euro per lo sviluppo della rette di trasporto con particolare attenzione a Tap, ai collegamenti nel Nord-Ovest al servizio del mercato locale, l potenziamento dell’impianto di stoccaggio di Fiume Treste e alla rete in Sardegna. Gli altri 700 milioni di euro, invece, saranno destinati allo stoccaggio e alla rigassificazione.

200 MILIONI PER LA TRANSIZIONE ENERGETICA

Snam guarda anche alla transizione energetica, al biometano, alla mobilità sostenibile e all’efficienza energetica: la società punta su questo business circa 200 milioni di euro.

In particolare, 50 milioni di euro sono destinati alla realizzazione di stazioni di rifornimento di metano e biometano per auto e bus attraverso Cubogas, controllata da Snam4Mobility, e altri 50 milioni di euro alla realizzazione di almeno quattro piccoli impianti di liquefazione (SSLNG) per il trasporto pesante, l’industria e il residenziale.

DIVIDENDI IN CRESCITA

Numeri e prospettive fanno ben sperare gli azionisti. Secondo le previsioni aziendali, “Snam dovrebbe garantire agli azionisti una remunerazione attrattiva e sostenibile e il pagamento di un interim dividend. La crescita del dividendo è prevista essere del 5% annuo nell’arco di piano”, spiega il comunicato diffuso dalla società.

Per l’esercizio 2018, Snam dovrebbe distribuire nel 2019 un dividendo complessivo pari a € 0,2263 per azione. Di questo il 40%, a titolo di acconto con pagamento a gennaio 2019, come deliberato dal Consiglio di Amministrazione del 6 novembre 2018, mentre il restante 60%, a saldo con pagamento a giugno 2019, da sottoporre alla successiva approvazione all’Assemblea degli Azionisti che approverà il bilancio di esercizio 2018.

IL RUOLO CENTRALE DEL GAS

“Nel nuovo piano incrementiamo tutti i principali obiettivi, partendo dai risultati superiori alle aspettative che abbiamo raggiunto e dal miglioramento dello scenario di mercato. Infatti, in un settore energetico in profondo cambiamento, le infrastrutture del gas continueranno ad avere un ruolo centrale, considerando i trend di crescita delle importazioni in Europa e i nuovi utilizzi del gas naturale e del gas rinnovabile in vari settori, anche a supporto dello sviluppo del solare e dell’eolico”, ha commentato l’amministratore delegato di Snam Marco Alverà. “Su queste solide basi il nuovo piano traccia un percorso che consentirà a Snam di continuare a crescere e a creare valore per gli azionisti, cogliendo e anticipando le evoluzioni del mercato e contribuendo alla riduzione delle emissioni di CO2, al miglioramento della qualità dell’aria e al contenimento dei costi dell’energia. In particolare puntiamo a promuovere, con un ruolo da protagonisti, lo sviluppo in Italia e non solo del biometano e delle altre attività per la transizione energetica. Con i nuovi investimenti, il focus sulle nuove tecnologie, lo sviluppo dei nuovi business e le iniziative di finanza sostenibile, la Snam del 2022 sarà sempre più innovativa, efficiente e protagonista della transizione energetica in Italia e in Europa”.

APP Intesa Sanpaolo Mobile

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati