skip to Main Content

Tutte le pressioni sulle banche per fermare gli investimenti nei fossili. Report Bloomberg

Fossili

Un’organizzazione ambientalista ha fatto pressione su Goldman Sachs, Morgan Stanley e Wells Fargo per fermare il finanziamento di nuovi progetti sui combustibili fossili. L’approfondimento di Bloomberg

Sierra Club ha fatto pressione su Wells Fargo & Co., Goldman Sachs Group Inc. e Morgan Stanley per fermare il finanziamento di nuovi progetti di fornitura di combustibili fossili, compresi gli impianti a carbone, e ha appoggiato proposte simili per Citigroup Inc. e Bank of America Corp. Nessuna delle risoluzioni ha ricevuto il sostegno degli azionisti per più del 15% durante le votazioni della scorsa settimana.

Mentre alle banche è stato chiesto da Sierra Club e da altri investitori di porre fine al finanziamento di nuovi sviluppi di combustibili fossili, l’industria ha invece presentato l’idea come una richiesta di tagliare immediatamente i finanziamenti per tutti i progetti di petrolio, gas e carbone, ha detto Ben Cushing, il manager di Washington della campagna di Sierra Club – riporta Bloomberg.

“Le persone che confondono queste cose sanno meglio e sono abbastanza intelligenti da conoscere la differenza”, ha detto in un’intervista. “È difficile vedere come non sia un travisamento deliberato e intenzionale”.

Poco meno del 13% degli azionisti di Citigroup ha votato a favore della misura del Sierra Club, secondo un conteggio preliminare alla riunione annuale della società. Alla Bank of America e Wells Fargo, le proposte hanno attirato l’11% dei voti a sostegno.

Nel cercare di spiegare agli azionisti perché pensava che la risoluzione dovrebbe essere votata, l’amministratore delegato di Citigroup Jane Fraser ha detto che “non è fattibile per l’economia globale o per la salute umana o i mezzi di sussistenza per chiudere l’economia dei combustibili fossili da un giorno all’altro”.

Wells Fargo ha detto agli azionisti che l’approvazione della risoluzione “ci precluderebbe effettivamente l’offerta di prestiti generici al settore del petrolio e del gas”, mentre il CEO di Bank of America Brian Moynihan ha detto che la banca continuerà a monitorare le relazioni con i clienti e i portafogli per aiutare la transizione.

“Lavoriamo con gli amministratori delegati e altre aziende in tutto il mondo per favorire questa transizione”, ha detto. “Continueremo a farlo”.

Sierra Club, che esiste dalla fine del XIX secolo e si colloca tra gli attivisti più prolifici su questioni legate alla finanza sostenibile, ha detto che la sua richiesta di cessare il finanziamento di nuovi progetti era in linea con le raccomandazioni dell’Iniziativa finanziaria del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente e lo scenario dell’Agenzia internazionale dell’energia per le emissioni zero netto entro il 2050. In un rapporto del maggio 2021, l’AIE ha concluso che, per evitare una catastrofe climatica, non ci dovrebbero essere investimenti in nuovi progetti di approvvigionamento di combustibili fossili.

Wells Fargo ha detto nella sua dichiarazione di procura che il pronunciamento dell’AIE è “solo uno dei vari scenari, e questi altri scenari non fanno questo stesso presupposto”.

Per Cushing, mentre il livello assoluto di sostegno per le proposte bancarie è stato basso, è speranzoso che qualche progresso sia stato fatto. Questo perché qualsiasi risoluzione che ottiene più del 5% di sostegno può essere ripresentata l’anno successivo e qualsiasi risoluzione con più del 10% di sostegno è difficile da ignorare da parte del management.

E le risoluzioni di quest’anno “sono davvero una novità nel loro genere” perché vogliono limitazioni specifiche su prestiti e sottoscrizioni, piuttosto che chiedere obiettivi o informazioni, ha detto.

Al Credit Suisse Group AG, poco più del 20% degli azionisti ha appoggiato un tentativo di costringere la banca svizzera a rivelare di più sui suoi sforzi per affrontare il cambiamento climatico e ridurre i finanziamenti ai combustibili fossili. Mentre la proposta, che è stata presentata da Ethos Foundation, ShareAction e 11 azionisti istituzionali, è stata sconfitta, Credit Suisse ha sottolineato che il reporting ESG diventerà obbligatorio nel suo mercato nazionale dal 2024.

A Londra, alla riunione degli azionisti di HSBC Holdings Plc, i dirigenti hanno lottato venerdì per parlare sopra i manifestanti del clima che cantavano una versione leggermente modificata di “Money, Money, Money” degli Abba. L’anno scorso, gli azionisti della banca hanno appoggiato una risoluzione per eliminare gradualmente tutti i finanziamenti per l’energia a carbone e l’estrazione del carbone termico entro il 2040, e condividere piani dettagliati a medio e lungo termine per eliminare gradualmente i suoi finanziamenti per i combustibili fossili.

Barclays Plc e Standard Chartered Plc sono le prossime, con le loro riunioni annuali degli azionisti previste per la fine di questa settimana.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore