skip to Main Content

Perché Shell, Total e Bp stanno comprando energia rinnovabile

Shell

Shell, Total e BP stanno acquistando energia rinnovabile da vendere alle grandi aziende come Amazon e Microsoft. L’approfondimento del Wall Street Journal

Le compagnie petrolifere europee tra cui BP PLC e Royal Dutch Shell PLC stanno costruendo nuovi progetti eolici e solari e stringendo accordi per fornire elettricità a grandi acquirenti aziendali come Amazon.com Inc. e Microsoft Corp. entrando nel dominio delle compagnie elettriche tradizionali – scrive il WSJ.

Le mosse arrivano mentre sempre più aziende cercano di limitare le loro emissioni di carbonio, con le aziende che hanno acquistato una quantità record di energia rinnovabile l’anno scorso e sulla buona strada per raggiungere un nuovo massimo quest’anno, secondo i dati di BloombergNEF.

Le compagnie petrolifere dicono che assicurarsi accordi a lungo termine per la fornitura di elettricità fornirà una nuova fonte di reddito e sosterrà la loro espansione nell’energia eolica e solare, mentre cercano di ridurre la loro dipendenza dai combustibili fossili e si preparano per un’economia a basse emissioni di carbonio.

La fornitura di energia elettrica è tradizionalmente regionale, con le utility che generano e forniscono elettricità alle case e alle aziende in un’area, uno stato o un paese. Alcuni di questi fornitori tradizionali di energia elettrica hanno attinto alla domanda delle imprese per l’energia verde per diversi anni, e hanno decenni di know-how operativo.
Tuttavia, i dirigenti del petrolio dicono che la loro portata globale e le loro vaste operazioni commerciali danno loro un vantaggio in quanto le aziende adottano un approccio più internazionale all’approvvigionamento di energia.

“Siamo attivamente aperti a diverse forme di energia in un modo che le aziende rinnovabili pure-play non hanno”, ha detto Dev Sanyal, capo della BP per il gas e l’energia a basse emissioni di carbonio. “Stiamo fondamentalmente prendendo il nostro vento dai paesi nordici, e stiamo prendendo il solare dalla Spagna… Stiamo fornendo un’offerta mista”.

Gli accordi aziendali di acquisto di energia sono un’area di interesse per la joint venture di energia solare della BP, Lightsource BP, che quest’anno ha firmato accordi per fornire Amazon, Verizon Communications Inc. e un’unità dell’assicuratore Allianz SE.

Sanyal ha detto che c’è domanda crescente dai clienti che cercano di ridurre le loro emissioni e che questi affari hanno fornito a BP una fonte dei flussi di cassa e dei ritorni stabili e a basso rischio.

Tuttavia, BP dice che i rendimenti in questo business sono dell’8%-10%, più bassi di quelli che ottiene dal suo business tradizionale di petrolio e gas. La fornitura di energia verde è ancora un business nascente accanto alle operazioni di idrocarburi giganti della BP.

Exxon Mobil Corp. e Chevron Corp. non sono entrate in questo business, un altro esempio della divergenza di strategie tra le major americane ed europee. Quelle compagnie statunitensi si sono approvvigionate di energia rinnovabile per il proprio uso.

In Europa, Shell e Total SE stanno anche cercando accordi per rifornire le aziende di energia rinnovabile mentre iniziano ad allontanarsi dal petrolio in previsione del calo della domanda e cercano di aumentare le loro credenziali nell’energia a basso contenuto di carbonio.

Giovedì, la francese Total ha detto che ha accettato di fornire energia solare alla casa farmaceutica statunitense Merck & Co. All’inizio di quest’anno Shell ha accettato di fornire ad Amazon, il più grande acquirente di energia rinnovabile al mondo, elettricità da un parco eolico nei Paesi Bassi. Amazon prevede di alimentare tutte le sue operazioni con energia rinnovabile entro il 2025.

“Ci sono poche aziende che possono offrire la natura delle soluzioni che stiamo offrendo a un’azienda come Amazon”, ha detto il capo esecutivo di Shell Ben van Beurden agli analisti all’inizio di quest’anno, notando che l’azienda potrebbe essere uno sportello unico per l’elettricità, il carburante per aerei e il gas naturale per i camion.

L’approvvigionamento aziendale è una piccola parte del mercato complessivo dell’energia rinnovabile, ma sta crescendo rapidamente. Le aziende hanno acquistato un record di 25 gigawatt di energia rinnovabile a livello globale l’anno scorso, con un aumento del 25% rispetto all’anno precedente, secondo il BNEF. Questa quantità di energia rinnovabile è equivalente a circa quattro volte la capacità di generazione di energia eolica della California alla fine dello scorso anno, secondo la U.S. Energy Information Administration.

I nuovi accordi continuano ad essere conclusi ad un ritmo rapido, aumentando del 75% nei primi quattro mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo di un anno fa, secondo i dati del BNEF.

“I fornitori di energia hanno davvero riconosciuto che i grandi consumatori di energia che hanno un significativo potere d’acquisto hanno reso la loro preferenza per l’energia a zero carbonio molto chiara, e stanno cercando modi per servire questo mercato”, ha detto Miranda Ballentine, amministratore delegato della Renewable Energy Buyers Alliance, un gruppo che rappresenta gli acquirenti aziendali.

Quando le aziende firmano accordi di acquisto di energia, in genere accettano di comprare energia per 10 o 20 anni, spesso direttamente da uno sviluppatore di energie rinnovabili, o da un commerciante di energia il cui portafoglio include elettricità da progetti a basse emissioni di carbonio.

Gli accordi danno agli acquirenti certezza sui costi futuri dell’energia, anche se c’è il rischio che l’elettricità possa diventare più economica del previsto.

“Questo è un modo molto competitivo per le aziende di affrontare i loro obiettivi di sostenibilità”, ha detto Frank Nicklaus, partner di Nomura Greentech Capital Advisors LLC, aggiungendo che il costo dell’energia rinnovabile è sceso e che usarla potrebbe migliorare la reputazione delle aziende.

Ma le major del petrolio devono affrontare una forte concorrenza. Grandi utility come la spagnola Iberdrola SA e l’italiana Enel SpA stanno anche cercando di acquisire grandi clienti aziendali.

Enel, la più grande azienda di rinnovabili al mondo per capacità al di fuori della Cina, dice che più della metà della sua produzione rinnovabile prevista tra il 2021 e il 2023 è coperta da contratti a lungo termine con i clienti.

A marzo, Enel ha iniziato a costruire il suo primo parco eolico combinato su larga scala e il sito di stoccaggio delle batterie in Texas, per fornire circa il 50% dell’elettricità necessaria agli impianti di produzione nordamericani di Kellogg Co.

Iberdrola – per anni un gruppo domestico, focalizzato sui combustibili fossili, prima di espandersi nelle energie rinnovabili – sta anche cercando di capitalizzare il crescente appetito per l’energia a basso contenuto di carbonio e ha firmato accordi di fornitura con Apple Inc. e Heineken NV.

“Iberdrola ha iniziato la corsa nelle rinnovabili 20 anni fa, ora ci sono molti altri attori in gara e molti potenziali fornitori”, ha detto Eduardo Insunza Gaminde, il suo direttore globale dei clienti aziendali. Mentre la concorrenza sta aumentando, ha detto che Iberdrola e altre utility beneficerebbero della loro esperienza nel trovare terreni disponibili e connessioni di rete.

“La competenza è diversa”, ha detto delle compagnie petrolifere. “Naturalmente la loro esperienza globale e le loro tasche profonde è qualcosa che hanno”.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore