skip to Main Content
ads

Perché la Sec sfruculierà i fondi sugli investimenti Esg. Report Ft

Sec Esg

La Sec si prepara a una stretta sugli investimenti che si professano “sostenibili” ma non lo sono. L’approfondimento del Financial Times

L’autorità statunitense di regolamentazione dei titoli è pronta a dare un giro di vite alle credenziali ambientali, sociali e di governance esagerate nei prodotti di investimento, preparando gli standard per il settore dei fondi sostenibili che ha raggiunto un boom di quasi 3 miliardi di dollari. Scrive il Financial Times.

Le regole che la Securities and Exchange Commission sta preparando specificherebbero le informazioni che i fondi d’investimento devono fornire quando hanno termini come “ESG”, “sostenibile” o “low-carbon” nel loro nome. Le regole dovrebbero richiedere informazioni su come i fondi ESG vengono commercializzati, su come l’ESG viene incorporato negli investimenti e su come questi fondi votano alle assemblee annuali delle società, secondo quanto riferito da persone che hanno familiarità con le riflessioni della SEC.

Il patrimonio globale dei fondi sostenibili ammontava a 2,77 miliardi di dollari alla fine del primo trimestre del 2022, in crescita rispetto a 1 miliardo di dollari nel 2019, secondo il fornitore di dati Morningstar. La più ampia categoria degli investimenti ESG comprende considerazioni ambientali e climatiche, investimenti “d’impatto” per il bene sociale e fondi che escludono settori come il tabacco o le armi da fuoco.

“Attualmente esiste un’ampia gamma di concetti che i gestori patrimoniali possono intendere con determinati termini e di criteri che possono utilizzare”, ha dichiarato a marzo Gary Gensler, presidente della SEC. “È facile dire se il latte è privo di grassi. Forse è giunto il momento di rendere più facile capire se un fondo è davvero quello che dice di essere”, ha affermato.

La SEC, composta da quattro membri, tra cui Gensler e altri due di nomina democratica, dovrebbe votare mercoledì per rendere pubblica la bozza di regolamento.

L’agenzia ha già segnalato una posizione più dura sulla questione, annunciando lunedì un accordo legale da 1,5 milioni di dollari – il primo relativo alle descrizioni ESG dei fondi – contro la divisione di BNY Mellon che si occupa di consulenza agli investimenti, accusata di aver dichiarato in modo errato e omesso informazioni sui criteri ESG dei fondi comuni gestiti. BNY Mellon ha dichiarato che nessuno dei fondi sostenibili da lei offerti è stato preso di mira dall’autorità di regolamentazione e che ha aggiornato i materiali dei suoi fondi.

“Il greenwashing è un problema enorme e la SEC fa bene ad affrontarlo”, ha dichiarato Jonathan Macey, professore alla Yale Law School, aggiungendo che l’azione esecutiva dell’autorità di regolamentazione contro BNY Mellon e le sue proposte sulle definizioni ecologiche “avranno un impatto significativo sulle informazioni dei fondi comuni di investimento in materia di ESG”.

Secondo Morningstar, negli Stati Uniti 65 fondi sono stati riconvertiti in fondi ESG dall’inizio del 2019. I fondi che faticavano ad attrarre afflussi hanno cambiato nome e prospetto per cavalcare l’onda degli investimenti sostenibili, ha dichiarato Jon Hale, direttore della ricerca sulla sostenibilità per le Americhe di Sustainalytics, una società di Morningstar.

“Molti consulenti finanziari sono disposti a raccomandare gli investimenti ESG se i clienti li richiedono, ma non sono sicuro della loro capacità di discernimento”, ha detto Hale. “I consumatori si chiedono: “Che cos’è e se è autentico?””.

La bozza di regole della SEC deriva da un’analisi del mercato ESG condotta nell’aprile 2021. Esse si basano su una “regola di denominazione”, adottata nel 2001, che impone ai fondi di investire almeno l’80% del proprio patrimonio nel modo suggerito dal nome. Ad esempio, un fondo azionario non può avere più del 20% in liquidità o in obbligazioni del Tesoro.

Jill Fisch, professore di diritto dei valori mobiliari presso la Penn Law, ha avvertito che una “regolamentazione pesante” in un campo “in evoluzione” come quello dell’ESG “potrebbe avere un effetto di freno sull’innovazione del mercato in questo spazio”. Le informazioni dei fondi sono già diventate più “espansive” in un settore in cui non c’è “consenso di mercato su ciò che costituisce un fondo ESG”, ha aggiunto.

Non si tratta di prodotti standardizzati…”. Una norma che tenti di standardizzare ciò che costituisce un fondo ESG sarà un grande passo indietro per chi vuole investire in questo spazio”, ha affermato Fisch. “La standardizzazione non è la stessa cosa della chiarezza”.

Anche la SEC ha proposto una posizione più severa in materia di divulgazione delle informazioni sul clima delle società; a marzo l’autorità di regolamentazione ha pubblicato le regole, attese da tempo, che obbligherebbero le società pubbliche a rivelare le loro emissioni dirette di gas serra e a farle verificare da una terza parte. L’agenzia non ha risposto alle richieste di commento.

Anche la Commissione si sta mettendo al passo con le autorità di regolamentazione europee. La tassonomia della finanza sostenibile dell’UE, che prevede un elenco di attività economiche ecocompatibili, dovrebbe essere approvata dal Parlamento europeo a luglio.

L’associazione dei consulenti per gli investimenti, un gruppo di categoria, ha esortato la SEC a lasciare spazio, nella sua proposta ESG, ai doveri fiduciari dei professionisti nei confronti dei clienti. “Saremmo preoccupati se la SEC limitasse o imponesse ai fiduciari di prendere in considerazione qualsiasi fattore, compresi quelli ESG”, ha dichiarato Gail Bernstein, consigliere generale della IAA.

Jennifer Han, responsabile degli affari normativi globali della Managed Funds Association, i cui membri includono gli hedge fund, ha dichiarato: “Qualsiasi norma dovrebbe contribuire a fornire chiarezza ai gestori di asset alternativi che si impegnano in strategie ESG ed essere calibrata sulle diverse esigenze degli investitori istituzionali e retail”.

L’Investment Company Institute, i cui membri comprendono fondi comuni e fondi negoziati in borsa, non ha voluto commentare.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore