Energia

Come Google si elettrizzerà con eolico e solare

di

Google ha firmato 18 nuovi accordi per acquisti di energie rinnovabili. Tutti i dettagli


Google sempre più green, sempre più rinnovabile. Il colosso tecnologico americano ha siglato 18 nuovi accordi di acquisizione di energia eolica e solare in diverse parti del mondo, accrescendo il portafoglio mondiale di energia rinnovabile di oltre il 40%, a 5.500 MW.

Gli accordi non stupiscono: da sempre, infatti, Google ha guardato alla sostenibilità come valore fondante del suo operato. E dal 2007, come si legge sul blog aziendale, l’azienda a stelle e strisce è carbon neutral. Andiamo per gradi.

I NUOVI ACCORDI

Big G. ha siglato 18 nuovi accordi nel campo delle energie rinnovabili. Negli Stati Uniti, la società acquisterà energia da impianti fotovoltaici per 720 MW complessivi (155 MW in Nord Carolina, 75 MW in Sud Carolina e 490 MW in Texas), oltre il doppio dell’attuale capacità del portfolio di energia solare mondiale di Google.

Shopping green anche in Sud America, per 125 MW di capacità di energia rinnovabile utile a rifornire i data center in Cile. Ben 793 MW della nuova capacità di energia rinnovabile acquistata arriverà, invece, dall’Europa: Finlandia (255 MW), Svezia (286 MW), Belgio (92 MW) e Danimarca (160 MW).

PIU’ SOLARE E TECNOLOGIA IBRIDA

Si tratta di un’acquisizione da record, per la dimensione (ben 1.6000 megawatt totali) e per le scelte fatte. Google, infatti, fino ad oggi, ha stretto la maggiora parte degli accordi legati all’eolico, ma il costo decrescente dell’energia solare (diminuito di oltre l’80 per cento negli ultimi dieci anni) ha portato il colosso tecnologico a guardare anche al fotovoltaico.

Da segnalare, poi, la scelta fatta in Cile: l’energia arriverà da un impianto di tecnologia ibrida che combina solare ed eolico.

“Poiché il vento soffia in orari diversi rispetto al passaggio del sole, l’utilizzo combinato delle due fonti”, spiega l’azienda, “permetterà di alimentare il nostro data center in Cile con elettricità carbon-free per maggiori periodi di tempo durante la giornata”.

LA QUOTA RINNOVABILI

I nuovi accordi, per 1.600 megawatt (MW), accresceranno il portfolio mondiale di energia solare ed eolica di Google “di oltre il 40 percento, così da arrivare a 5.500 MW – equivalenti alla capacità di un milione di tetti fotovoltaici”, ha detto il Ceo di Google, Sundar Pichai.

“Una volta che tutti questi progetti saranno attivati, il nostro portfolio di energia carbon-free produrrà più elettricità di una zona come Washington D.C”, spiega l’azienda.

GLI SFORZI DI GOOGLE

Google ha sempre guardato alla sostenibilità: è un’azienda carbon neutral dal 2007 e negli ultimi due anni (2017 e 2018) è stata la prima azienda di grandi dimensioni a far corrispondere il consumo complessivo annuale di elettricità con altrettanta energia rinnovabile. Big G. è il maggiore acquirente aziendale di energia rinnovabile al mondo.

I FINANZIAMENTI DI GOOGLE.ORG

E ancora. Google.org ha deciso di finanziare progetti di accesso all’energia pulita: “Un finanziamento da 500.000 dollari andrà a Renewable Energy Buyers Alliance (REBA) negli Stati Uniti, mentre in Europa RE-Source riceverà 200.000 dollari”, ha detto l’azienda.

I finanziamenti hanno l’obiettivo di sviluppare nuovi modelli di acquisto, portare formazione e risorse ai consumatori, e rimuovere le barriere che impediscono una più ampia adozione dell’energia pulita.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati