skip to Main Content
ads

La fusione nucleare è più vicina?

Fusione

Il risultato ottenuto dal progetto Jet in Inghilterra potrebbe aver avvicinato la commercializzazione delle tecnologie per la fusione nucleare

Un team di ricercatori del consorzio Eurofusion ha prodotto 59 megajoule da una reazione sostenuta della durata di cinque secondi – abbastanza energia per far bollire circa 60 bollitori – in un esperimento presso la struttura Joint European Torus a Oxford, in Inghilterra.

“Questi risultati storici ci hanno portato un enorme passo avanti nella conquista di una delle più grandi sfide scientifiche e ingegneristiche”, ha detto Ian Chapman, amministratore delegato della Atomic Energy Authority del Regno Unito.

JET, frutto della collaborazione tra gli stati membri dell’UE, la Svizzera, il Regno Unito e l’Ucraina, fondato nel 1978, è la macchina “tokamak” operativa più grande e potente del mondo. Il progetto, sperimentato per la prima volta da scienziati sovietici negli anni ’50, utilizza potenti magneti per tenere un plasma di due isotopi di idrogeno – deuterio e trizio – in posizione mentre viene riscaldato a temperature più calde del sole in modo che i nuclei atomici si fondano, rilasciando energia.

In mezzo secolo di esperimenti in tutto il mondo, gli scienziati non sono stati in grado di generare più energia da una reazione di fusione di quanta ne consuma il sistema ad alta intensità energetica.

Arthur Turrell, il cui libro The Star Builders traccia lo sforzo pluridecennale per raggiungere l’energia di fusione, ha detto che il test di successo, che raddoppia il precedente record di produzione di energia di 22 megajoule, raggiunto da JET nel 1997, è un grande passo avanti. “In termini di potenza è equivalente a circa quattro turbine eoliche. .. è vicino alla scala industriale”.

A differenza della fissione nucleare, quando gli atomi vengono divisi, la fusione non produce scorie radioattive significative. Ma la più grande sfida per rendere la fusione commerciale è come sostenere la reazione ed evitare che si estingua.

Questo significa che sostenere la produzione di energia per cinque secondi è stato particolarmente significativo, ha detto Turrell. “Potrebbe non sembrare così impressionante, ma cinque secondi sono un tempo incredibilmente lungo nelle scale temporali nucleari”, ha detto.

I progressi fatti al JET dovrebbero alimentare i futuri esperimenti di Iter, il più grande progetto di fusione nucleare del mondo, attualmente in costruzione in Francia ad un costo di più di 20 miliardi di dollari.

“Se possiamo mantenere la fusione per cinque secondi, possiamo farlo per cinque minuti e poi per cinque ore man mano che aumentiamo le nostre operazioni nelle macchine future”, ha detto Tony Donné, capo del consorzio Eurofusion che ha condotto l’esperimento.

L’energia di fusione ha un sacco di scettici, visto quanto tempo ha impiegato per fare progressi, ma la sua promessa come strumento per combattere il cambiamento climatico ha aumentato l’interesse negli ultimi dieci anni.

L’energia da fusione non emetterebbe gas a effetto serra e le forniture degli input chimici sono essenzialmente inesauribili. Ci sono circa 5 g di deuterio in ogni vasca da bagno di acqua di mare e mentre il trizio è meno accessibile, può essere estratto dal litio, metallo comunemente presente, o generato nella reazione stessa. Un piccolo bicchiere di combustibile potrebbe teoricamente alimentare una casa per centinaia di anni.

JET e Iter sono due dei numerosi grandi progetti di fusione finanziati pubblicamente in tutto il mondo, ma anche il denaro del settore privato è confluito nelle start-up dell’energia da fusione. Il finanziamento totale del settore privato ha raggiunto più di 3 miliardi di dollari entro la fine del 2021, con alcune delle imprese che mirano a fornire energia commerciale nel 2030.

George Freeman, ministro britannico per la scienza, la ricerca e l’innovazione, ha detto che il Regno Unito è impegnato ad aiutare l’energia di fusione ad avere successo. “Siamo determinati ad assicurarci di adottarla nel nostro mix energetico e a rendere chiaro al settore energetico che questa tecnologia sta arrivando”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore