skip to Main Content

Rame

Perché vanno tutti pazzi per il rame. Report Le Monde

Il rame è fondamentale per la transizione energetica. Ma il metallo rosso è ancora più ambito perché la capacità produttiva non riesce a coprire l'esplosione della domanda globale. L'articolo di Le Monde.

Il suo nome è Khoemacau. Ambita da tutti, questa miniera del Botswana, considerata una delle più grandi riserve di rame dell’Africa, è finalmente finita nelle mani della Cina alla fine del 2023. Con sede in Australia, ma di proprietà di China Minmetals, il potente gruppo statale cinese MMG si è aggiudicato l’offerta per 1,88 miliardi di dollari (1,73 miliardi di euro). Pochi mesi prima, era stato il gigante anglo-australiano BHP ad acquisire la rivale OZ Minerals, ricca di rame, per 6,38 miliardi di dollari. E l’americana Newmont aveva pagato 19 miliardi per acquistare Newcrest.

Al centro della competizione per i minerali, il rame sta scatenando una frenesia d’acquisto. Meno noto ai media rispetto al litio o alle terre rare, il metallo rosso è tuttavia altrettanto essenziale, se non di più, per la transizione energetica. “Il rame è il grande substrato invisibile che sostiene il mondo moderno come lo conosciamo. Senza di esso, siamo letteralmente lasciati al buio”, afferma lo scrittore britannico Ed Conway nel suo libro Material World. A Substantial Story of Our Past and Future (W. H. Allen, 2023): “Se l’acciaio fornisce lo scheletro del nostro mondo e il cemento la sua carne, allora il rame è il sistema nervoso della civiltà, i circuiti e i cavi che non vediamo mai ma senza i quali non potremmo funzionare”.

Utilizzato nell’edilizia, l’oro rosso si trova anche nelle reti elettriche e nei cosiddetti beni di consumo “a basse emissioni di carbonio”. Si prevede che i veicoli elettrici e le loro batterie assorbiranno da soli un terzo del fabbisogno futuro, con ogni auto che richiederà non meno di 80-100 chili di rame, rispetto ai circa 20 chili di un veicolo convenzionale. Per quanto riguarda l’energia solare, il fabbisogno sarà quintuplicato rispetto a quello di una centrale elettrica a gas. E non dimentichiamo le turbine eoliche offshore, che richiedono un numero considerevolmente maggiore di cavi per essere collegate alla costa. Stiamo tenendo d’occhio questo minerale”, conferma Christophe Poinssot, vicedirettore generale dell’Ufficio francese di ricerca geologica e mineraria (BRGM). Se c’è elettricità, c’è anche rame, e dato che viene utilizzato ovunque per decarbonizzare il pianeta, possiamo aspettarci delle tensioni.

L’esplosione della domanda di rame

In questo contesto, l’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) prevede un’esplosione del 40% della domanda globale da qui al 2040. Saremo in grado di soddisfarla? “Tra tutti i materiali critici, è chiaro che il rame sta diventando uno dei più preoccupanti in termini di domanda e offerta, se guardiamo alle curve che si intersecano tra due anni”, avverte l’ex capo dell’industria Philippe Varin, autore di un rapporto del 2021 sulla sicurezza dell’approvvigionamento di materiali minerali. A breve termine, il consenso sembra essere che “non ci sarà una carenza globale, ma piuttosto squilibri temporanei nel tempo e nello spazio”, come sottolinea Guillaume Pitron, ricercatore associato presso l’Institut des relations internationales et stratégiques (IRIS). A più lungo termine, tuttavia, sottolinea che “le preoccupazioni rimangono nella misura in cui investimenti insufficienti potrebbero portare a carenze nei prossimi quindici anni circa”.

Se guardiamo alle riserve mondiali di rame oggi, non sono mai state così alte. Nell’arco di un secolo, sono passate da 50 milioni di tonnellate riconosciute a livello mondiale a 870 milioni. In un momento di urgenza climatica, tuttavia, questo criterio da solo non è sufficiente. “La questione non è più se nel nostro sottosuolo ci sono abbastanza metalli per effettuare la transizione, ma se possiamo estrarli dalla crosta terrestre a un ritmo che corrisponda al ritmo di sviluppo che ci siamo dati”, sottolineano l’economista Emmanuel Hache e lo specialista di materie prime Benjamin Louvet nel loro libro Métaux. Le nouvel or noir (Editions du Rocher, 2023).

Ma i tempi possono sembrare molto stretti, addirittura irrealistici. Secondo l’AIE, rispettare l’Accordo di Parigi significherebbe prendere decisioni di investimento nel settore minerario prima del 2025. In altre parole, per quanto riguarda il rame, dovrebbero essere messe in produzione non meno di ottanta miniere, e tutto questo dovrebbe iniziare entro i prossimi due anni.

Un’impresa ardua, visto che dalla scoperta di un giacimento alla sua prima produzione passano in media diciassette anni. E le industrie estrattive sono riluttanti a spendere i loro budget di ricerca per nuove operazioni. “Dal 2015 sono state fatte solo quattro scoperte, che insieme contengono appena due anni di consumo globale”, notano gli stessi autori. A loro avviso, questa avversione è giustificata dall’aumento del costo dell’energia e dai requisiti normativi che tengono conto dell’ambiente e della sicurezza dei lavoratori.

Inquinamento e usi concorrenti del territorio

Inoltre, le miniere di rame sono progetti la cui entità suscita spesso una forte opposizione. Questa tendenza è aggravata dal declino della qualità dei giacimenti estratti. Nell’arco di un secolo, la percentuale di minerale contenuta nella roccia è scesa dal 3% allo 0,7%, costringendo le aziende a estrarre tonnellate sempre maggiori per ottenere le stesse quantità di metallo. “Esiste un vincolo fisico (termodinamico) per cui le tecnologie non possono essere migliorate all’infinito”, sottolinea Olivier Vidal, ricercatore del CNRS. In concreto, “la quantità di energia necessaria per estrarre un chilo di rame aumenterà, così come i costi di produzione”, prosegue. “Questo vincolo fisico si traduce in un vincolo economico”, aggiunge, sottolineando che è evidente nei suoi modelli fin dagli anni 2000. Attualmente, “non siamo mai stati così vicini a questo limite”.

Rispondere a questa ingiunzione significa sviluppare miniere sempre più grandi. “Gli anni ’80 hanno rappresentato un punto di svolta, con un crescente ricorso alle miniere a cielo aperto, che ha portato a una tendenza al gigantismo e a un notevole aumento dei rifiuti prodotti”, osserva William Sacher, professore all’Università Andina Simon Bolivar di Quito, in Ecuador, e ricercatore IRD-Iméra in residenza a Marsiglia. E aggiunge: “Un’operazione industriale di medie dimensioni produrrà centinaia di milioni di metri cubi di fanghi inquinati da metalli pesanti, causando un’acidificazione a lungo termine dell’ambiente”. La miniera è inoltre in competizione con altri usi del suolo e dell’acqua. “Una miniera di rame industriale a cielo aperto di medie dimensioni richiede oggi circa 500 litri di acqua al secondo, più di una città di 250.000 abitanti. In Sud America, questo fabbisogno sta già portando alcune miniere a desalinizzare l’acqua dell’Oceano Pacifico.

Come sottolinea Laurence Maurice, ricercatrice dell’Institut de recherche pour le développement (IRD), questi impatti sulla salute e sull’agricoltura, uniti al fatto che “le popolazioni locali beneficiano pochissimo di queste estrazioni”, alimentano il conflitto sociale e l’incomprensione quando questa ricerca di minerali, giustificata dalla transizione energetica, va a scapito della biodiversità.

In Ecuador, l’attivista Carlos Zorrilla si batte da trent’anni contro il progetto della miniera di rame di Llurimaga, situata a 80 chilometri a nord di Quito, in una foresta pluviale sul versante pacifico della Cordigliera delle Ande. Con suo grande disappunto, nel 2014 il governo ha autorizzato la compagnia nazionale e il suo partner cileno Codelco ad avviare le esplorazioni prima che queste venissero sospese nel 2023 da una sentenza del tribunale. Da allora, il governo teme che le esplorazioni possano riprendere. “Questo progetto minaccia non meno di 43 fonti d’acqua, foreste primarie e 81 specie in pericolo di estinzione, tra cui tre tipi di scimmie che figurano nella lista rossa dell’Ecuador e una in quella dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura”, afferma preoccupato.

Anche la geopolitica aggiunge tensione al quadro. Infatti, la produzione di rame è concentrata in pochi grandi Paesi, guidati dal Cile, una concentrazione che rende l’offerta globale ancora più fragile. In Perù, gli scioperi hanno aumentato l’incertezza. A Panama, la chiusura di una miniera e il ritiro della canadese First Quantum Minerals, a seguito di una sentenza del tribunale, hanno interrotto e ridotto la produzione.

La morsa della Cina

La Cina assorbe da sola non meno del 40% del rame mondiale. Il suo colossale fabbisogno la spinge ad acquisire il maggior numero possibile di asset per alimentare la sua industria di raffinazione (40% della capacità globale). “Pechino ha preso il controllo del 60% delle catene di valore dei metalli utilizzati nelle batterie (litio, nichel, cobalto) e nei motori (terre rare per i magneti)”, spiega l’industriale Philippe Varin. Per quanto riguarda il rame, controlla tra il 42% e il 45% di questo metallo, con una strategia di insediamento in Africa e in Sud America. “La sicurezza è stata pianificata attraverso l’iniziativa “Nuove vie della seta” e la strategia di sottomettere alcuni Stati attraverso il debito”.

Di fronte a questi rischi crescenti, l’Unione Europea (UE) ha elaborato per la prima volta un regolamento sui metalli critici nel marzo 2023. Questo stabilisce che entro il 2030 il settore estrattivo intraeuropeo dovrà soddisfare il 10% della domanda del mercato interno. Garantisce inoltre la diversificazione delle fonti di approvvigionamento per ciascun metallo, imponendo all’UE di non dipendere per più del 65% dalle importazioni di un singolo Paese terzo. Secondo i produttori, che si rivolgono ai parlamentari europei a pochi mesi dalle elezioni europee di giugno, questi progressi sono tuttavia difficili da trasporre. “Il quadro è pronto. Ora abbiamo bisogno di un piano d’azione e di accelerare il rilascio dei permessi”, insiste Bernard Respaut, direttore dell’Istituto europeo del rame a Bruxelles. Oggi in Europa paghiamo l’elettricità tre volte di più che negli Stati Uniti, anche se i prezzi del gas naturale sono tornati ai livelli pre-crisi”. E aggiunge: “Attirare gli investitori in un simile contesto è meno facile”.

In Europa, questi problemi di sovranità riguardano anche il rilancio dell’attività mineraria. In Polonia e in Spagna esistono alcuni giacimenti di rame. In Francia, nella seconda metà del 2024, la BRGM avvierà un inventario delle risorse minerarie del sottosuolo: “A priori, si tratta di piccole miniere e non sappiamo cosa ci sia lì sotto”, afferma Poinssot. Tuttavia, questo ritorno all’estrazione dei metalli rischia di provocare forti tensioni ecologiche. Sarà necessario un dibattito sociale. “Vogliamo mantenere lo stesso stile di vita? Questa è la domanda che dobbiamo porci”, insiste Poinssot. Se lo vogliamo, non dobbiamo forse affrontare il fatto che questo modello si basa anche sulla rapina delle popolazioni locali all’estero?

La necessità di sobrietà

Naturalmente, ci sono altre soluzioni possibili. A cominciare dalla sostituzione del rame con l’alluminio. Almeno dove possibile. “Se il prezzo [del rame] aumenta, potrebbe essere sostituito in alcune applicazioni elettriche e nelle automobili, ma questo avverrà caso per caso”, osserva Philippe Varin. Il rame è anche facile da riciclare, senza perdere alcuna qualità. A livello mondiale, circa la metà del metallo contenuto nei prodotti a fine vita è stato riciclato nell’arco di tre decenni. “Se ricicliamo il 50% del rame ogni trent’anni, perdiamo il resto, che deve essere sostituito da materiale primario”, aggiunge il ricercatore Olivier Vidal, suggerendo che il margine di manovra è ancora limitato.

In questo contesto, la tanto necessaria sobrietà rimane la grande assente della politica europea dei metalli. “Ridurre il consumo di materiali nell’UE è il modo migliore per garantire l’autonomia strategica del continente, e la situazione in Ucraina lo conferma”, aggiunge l’economista Emmanuel Hache. Qual è dunque la soluzione? “Il direttore della ricerca dell’IRIS insiste sulla necessità di esaminare più da vicino i nostri modelli di consumo e incoraggia la creazione di una “Yuka per i materiali”, in riferimento all’applicazione in grado di fornire un bilancio nutrizionale basato su una scansione di prodotti alimentari e cosmetici”.

Il ricercatore Guillaume Pitron, invece, ha cercato di informare soprattutto i produttori. Nell’arco di sei mesi, questo esperto ne ha incontrati a decine. “Approssimativamente, tra il 40% e il 50% delle aziende francesi non sono ancora consapevoli del problema. L’industria automobilistica e quella aerospaziale sono ben consapevoli del problema e hanno iniziato ad agire”, afferma l’autore di La Guerre des métaux rares (Les liens qui libèrent, 2019), che di recente ha co-fondato Psyché 16, una società di mineral intelligence: “Molti lo sanno ma non hanno ancora fatto nulla.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top