skip to Main Content

Petrolio

Petrolio e Ira: ecco come cambierà il mercato dell’energia

Ecco le cinque tendenze che guideranno i mercati dell’energia nel 2023, tra riaperture in Cina e sussidi in America. L'analisi di Darren Peers, analista degli investimenti azionari di Capital Group.

Storicamente, la traiettoria dei prezzi del petrolio ha rappresentato un buon indicatore delle prospettive per il settore, in quanto il prezzo ha un impatto diretto sui profitti di molte società. Tuttavia, finora nel 2023, sembrano esserci alcune deviazioni da questa comprovata correlazione. Infatti, i prezzi del petrolio hanno avuto un percorso tumultuoso lo scorso anno, di recente tornando quasi al punto di partenza del 2022. Per contro, i titoli energetici continuano a mantenere i loro guadagni.

1. La fase rialzista per le azioni petrolifere continuerà?

Siamo convinti di essere agli inizi di una fase rialzista pluriennale per i titoli petroliferi. Questo non significa che il settore energetico, guidato dai titoli petroliferi, si sposterà in linea retta. Nel contesto di una lunga tendenza al rialzo, vi sono anche dei mini-cicli, alcuni che durano da mesi a un anno o più, in cui i fattori a breve termine superano le tendenze a lungo termine della domanda/offerta. Ciononostante, intravediamo opportunità d’investimento nei prossimi tre-cinque anni. La riapertura e l’allentamento delle restrizioni legate al COVID-19 in Cina probabilmente spingeranno la domanda di petrolio a nuovi massimi, con una previsione dell’Agenzia internazionale dell’energia (AIE) di un aumento di quasi 2 milioni di barili al giorno. Al contempo, si verifica una carenza strutturale dell’offerta a causa di molti anni di sotto investimenti nella nuova capacità da parte delle società petrolifere, tagli alla produzione da parte dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC+) con uno scostamento verso il basso degli obiettivi di fornitura e il calo delle scorte di scisto negli Stati Uniti. Ci vorranno diversi anni prima che l’offerta si allinei alla domanda. Nel complesso, questi fattori dovrebbero sostenere i prezzi del petrolio oltre i 70 USD al barile.

2. Quali sono le principali priorità di spesa per le compagnie petrolifere?

Il business model del settore si è ampiamente concentrato sull’elevata crescita e sul reinvestimento della produzione, focalizzandosi su distribuzioni di dividendi più elevate e più disciplina in termini di capitale. Questo è stato uno dei maggiori cambiamenti che abbiamo osservato nel corso della nostra vita. E questa tendenza sembra destinata a continuare. Il flusso di cassa da record negli ultimi 12 mesi ha lasciato i produttori petroliferi con alcuni dei bilanci più solidi della storia. Circa il 40% dei dirigenti delle prime 100 società del petrolio e del gas statunitensi ha indicato che la riduzione del debito e i rendimenti per gli azionisti sono le maggiori priorità di allocazione del capitale, secondo uno studio del 2022 condotto da Deloitte. Questa rinnovata attenzione ai rendimenti per gli azionisti è emersa perché gli investitori richiedono una disciplina di investimento. Gli investitori che sono disposti a impegnarsi stanno ora esercitando pressioni per ottenere dividendi e riacquisti di azioni, anziché reinvestimenti a prezzi più elevati. Passeranno probabilmente altri 12-18 mesi prima che i produttori inizieranno a reinvestire nelle loro attività, pur mantenendo una forte attenzione alla disciplina del capitale e al rendimento degli investimenti.

3. Qual è l’impatto dell’Inflation Reduction Act sulle società energetiche?

L’Inflation Reduction Act del 2022 è un punto di riferimento legislativo. Il disegno di legge destina 369 miliardi di dollari USA di finanziamenti federali a incentivi fiscali, prestiti e sussidi al consumo e commerciali per l’energia pulita che hanno il potenziale per rendere il profilo di rendimento più interessante per gli investimenti in aree quali il sequestro di carbonio e lo sviluppo di infrastrutture a idrogeno pulito. Nel prossimo decennio, la normativa potrebbe contribuire a scatenare un’ondata di spese in conto capitale. Le società del petrolio e del gas, oltre ai produttori di prodotti chimici e auto, sono solo alcuni dei potenziali beneficiari. Solo alcuni dei colossi statunitensi hanno in corso progetti scalabili a basse emissioni di carbonio, ma le sovvenzioni dell’Inflation Reduction Act dovrebbero avvicinarne anche altri.

4. In che modo le società europee e statunitensi differiscono per i loro approcci alla decarbonizzazione?

Le società del petrolio e del gas, indipendentemente dalla regione, cercano nuovi modi per ridurre le emissioni nelle proprie attività. Uno dei fattori chiave di questo cambiamento di comportamento è la proliferazione di obiettivi di neutralità carbonica, in cui la quantità di emissioni di gas serra prodotte dall’uomo è bilanciata da una pari riduzione. Le società europee nel settore del petrolio e del gas stanno cercando proattivamente di sostituire le proprie attività nel settore dei combustibili fossili, mentre le società statunitensi si concentrano principalmente su come rimuovere le emissioni di carbonio dalle attività esistenti. Stanno sfruttando tattiche come il sequestro di carbonio, in cui l’anidride carbonica viene rimossa dall’atmosfera e mantenuta in forma solida o liquida, invece di cercare di diversificare il proprio mix energetico. Come le controparti statunitensi, le società europee sono incentivate da nuove normative. Il piano REPowerEU, adottato dalla Commissione europea a marzo 2022, destina circa € 210 miliardi di nuovi investimenti verso il settore dell’energia pulita nell’Unione europea. Il progetto di legge finanzia nuove partnership energetiche con fornitori di gas rinnovabili e a basse emissioni di carbonio, nonché progetti a idrogeno pulito e costruzioni a energia solare ed eolica.

5. Dove vedete aree di valore relativo?

È opinione piuttosto diffusa che i costi di produzione delle sabbie bituminose canadesi, situate nella regione dell’Alberta, siano elevati. Ma i fatti stanno cambiando. Negli ultimi due decenni, il costo della produzione petrolifera è diminuito. La natura a lunga durata e a basso declino di questi attivi indica che l’intensità di capitale necessaria a mantenere le operazioni è relativamente bassa rispetto alle controparti statunitensi e consente un’elevata generazione di flussi di cassa liberi, ossia un cash flow superiore alle spese operative e di capitale della società. Inoltre, i titoli canadesi relativi alle sabbie bituminose sono spesso scambiati a sconti di valutazione rispetto al gruppo di riferimento statunitense per l’esplorazione e la produzione, in parte a causa dei timori a livello ambientale e dell’elevata intensità di carbonio della produzione al barile. I team di gestione di alcuni giganti petroliferi statunitensi ed europei stanno operando con la più forte disciplina in termini di capitale osservata negli ultimi decenni e i dividendi offrono una certa protezione agli investitori, anche se i prezzi del petrolio sono scesi rispetto ai livelli attuali. In base alle valutazioni, i colossi europei effettuano negoziazioni a uno sconto più ampio del solito rispetto alle controparti statunitensi sui multipli prezzo-utile, nonostante caratteristiche aziendali molto simili.

Back To Top