Energia

Nord Stream 2, che cosa si sono detti Merkel e Putin

di

Germania e Russia stringono i bulloni delle intese energetiche (in primis sul Nord Stream 2) e non solo. E’ questo il senso dell’incontro tenuto ieri fra Vladimir Putin e Angela Merkel a Berlino. Ecco tutti i dettagli.

LE INTESE PUTIN-MERKEL ANTI TRUMP

Il progetto che Donald Trump vuole sanzionare fornisce il terreno di intesa fra Berlino e Mosca, alla ricerca di un riavvicinamento pragmatico, in chiave anti Casa Bianca trumpiana. Ed è Merkel a sottolineare subito “la responsabilità della Russia e della Germania” nel trovare “soluzioni ai conflitti internazionali”.

LA DICHIARAZIONE DI PUTIN E MERKEL

Nella breve dichiarazione, rilasciata prima del pranzo di lavoro, il leader russo si è dipinto come partner affidabile dell’Europa, sottolineando la dipendenza dal gas di Mosca (con toni diversi, ovviamente, da quelli sferzanti usati recentemente da Trump): negli ultimi 50 anni, ha detto, “la Russia ha sempre assicurato in modo stabile l’approvvigionamento energetico europeo”.

LE INTESE SUL GAS

“La Germania è uno dei maggiori consumatori del gas russo. Il consumo cresce di anno in anno, e l’anno scorso è aumentato del 13%. Ora lavoriamo insieme ai partner tedeschi al progetto della condotta di Nord stream 2, la cui implementazione permetterebbe il completamento del sistema di trasporto di gas in Europa, minimizzando i rischi del transito, e assicurando il rifornimento energetico”.

IL DOSSIER UCRAINA

Il ruolo dell’Ucraina, su cui si sono registrate delle frizioni, ha avuto peso in entrambe le dichiarazioni: “Ribadisco che dal mio punto di vista l’Ucraina, anche quando ci sara’ Nord Stream 2, dovrà avere un ruolo nel transito del gas verso l’Europa”, ha affermato Merkel. E Putin l’ha parzialmente assecondata: “L’importante è che questo transito, che in Ucraina è tradizionale, risponda ad esigenze economiche”. “Nord Stream 2 è solo un progetto economico”, ha detto il presidente.

CAPITOLO IRAN E SIRIA

Allineati sul sostegno all’accordo nucleare con Teheran, i due leader hanno fatto riferimento poi a dossier cruciali come Ucraina e Siria. “Sull’Ucraina purtroppo non andiamo avanti, e vorremmo sottolineare anche stasera l’imprescindibilità della realizzazione degli accordi di Minsk”. “Parleremo della missione Onu, che vorremmo avesse un ruolo nella pacificazione”, ha affermato dal canto suo Merkel. E’ poi sul fronte siriano che Putin ha citato esplicitamente le sue aspettative nei confronti dell’Ue: “E’ importante rafforzare il sostegno comunitario per la Siria, mi riferisco in particolare alle prestazioni degli aiuti umanitari”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati