skip to Main Content

Che cosa succederà al mercato del carbonio

Europa Big Oil

Si può dare un prezzo alle emissioni? Sì, e alcune delle più grandi economie del mondo lo stanno facendo per mantenere l’impegno alla neutralità climatica. L’analisi Reuters

La situazione si sta facendo critica.

Cina, Giappone e Corea del Sud hanno seguito l’Unione Europea nell’impegno di ridurre le emissioni nette a “zero” nelle ultime settimane, dove rilasciano solo quanto tolgono dall’aria. Il Presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto la stessa promessa nella sua campagna elettorale.

L’anno prossimo si prevede di definire le prime misure pratiche per raggiungere questi obiettivi, come parte degli impegni assunti nell’ambito dell’accordo di Parigi sul clima, e mettere un prezzo al carbonio sarà la priorità assoluta, hanno detto gli esperti alla Reuters.

“Ogni paese dovrà trovare il proprio percorso per raggiungere lo zero netto, ma l’aspettativa è che il prezzo del carbonio sarà una parte molto importante”, ha detto Wendy Hughes, responsabile dei mercati del carbonio e dell’innovazione della Banca Mondiale.

COSA SIGNIFICA “DARE UN PREZZO” AL CARBONIO

Il principio è semplice: il prezzo del carbonio stabilisce quanto le aziende devono pagare per le loro emissioni. Più alto è il prezzo, maggiore è l’incentivo ad inquinare meno e ad investire in tecnologie a basse emissioni di carbonio.

I governi possono imporre questi pagamenti attraverso una carbon tax – una tassa che le aziende devono pagare quando inquinano – o attraverso un sistema di scambio di emissioni (ETS).

Un ETS stabilisce un tetto massimo sulla quantità di emissioni che un settore, o un gruppo di settori, può produrre. Crea “permessi di carbonio” per quelle emissioni, che le aziende possono acquistare per ogni tonnellata di CO2 emessa.

Molti Paesi, dall’Europa e dalla Corea del Sud, alla Cina e al Kazakistan, hanno già lanciato schemi, di varia portata.
Secondo la Banca Mondiale, più di un quinto delle emissioni globali è coperto da 46 schemi nazionali di prezzi del carbonio in vigore oggi o in fase di pianificazione, oltre a 32 sistemi regionali all’interno dei paesi.

L’EUROPA VUOLE RIFORMARE L’ETS

Il più grande di questi – il mercato del carbonio dell’UE – si sta preparando a un’importante revisione.
Da quando il sistema europeo è stato lanciato nel 2005, le emissioni delle centrali e delle fabbriche partecipanti sono diminuite del 35% – un calo più netto rispetto a quello registrato nei settori non coperti dallo schema.

“L’ETS ha dimostrato la sua efficienza”, ha affermato Frans Timmermans, responsabile della politica climatica dell’UE. “L’ETS mostra come il prezzo del carbonio sia un forte motore per un cambiamento immediato del consumo di energia”.

Nel settore dell’energia elettrica, il sistema ha contribuito a rendere le centrali a carbone antieconomiche, rispetto alle centrali a gas o alle energie rinnovabili meno inquinanti.

Ma il trucco per questi mercati è quello di ottenere il giusto prezzo del carbonio. Se è troppo basso, le aziende sono poco incentivate a contenere le emissioni; troppo alto, e rischiano di mettere a repentaglio l’industria.

L’UE, alla ricerca di una riduzione delle emissioni più drastica per raggiungere i suoi nuovi obiettivi climatici per il 2030, proporrà di espandere e riformare il suo ETS a partire dal prossimo anno.

I cambiamenti implicherebbero l’inclusione di un maggior numero di settori, come quello delle spedizioni, e la riduzione dei permessi gratuiti concessi all’industria dell’UE per aiutarla a competere con le aziende straniere che non pagano i costi del carbonio.

Il prezzo del carbonio – attualmente intorno ai 27 euro per tonnellata di CO2 – deve raggiungere livelli che spingano l’industria a investire in tecnologie di riduzione delle emissioni come l’idrogeno, dicono gli analisti.

“Il prezzo del carbonio deve raggiungere livelli abbastanza alti da permettere all’Unione Europea di raggiungere lo zero netto entro il 2050”, ha detto Mark Lewis, Chief Sustainability Strategist di BNP Paribas.

E LA CINA?

“Su questa base, penso che circa 90 euro a tonnellata siano una ragionevole aspettativa per il 2030”, ha detto.
Altre importanti economie stanno prendendo piede. La Cina, ora il primo emettitore di gas serra al mondo, ha in programma di lanciare il proprio ETS nazionale, possibilmente già l’anno prossimo. Questo sistema diventerebbe il più grande del mondo, e si prevede che coprirà diversi miliardi di tonnellate di CO2 provenienti dalle centrali elettriche ogni anno.

Gli esperti dicono che i preparativi della Cina per il lancio del suo ETS sono accelerati da quando il presidente Xi Jinping ha annunciato a settembre che la Cina diventerà neutrale dal punto di vista del carbonio entro il 2060.

“C’è un senso di urgenza che non si vedeva da molto tempo”, ha detto l’avvocato di Pechino Shawn He, che assiste le aziende nel rispetto delle norme sul carbonio.

LA COLLABORAZIONE UE-CINA

L’UE ha lavorato con il paese per sviluppare politiche di prezzi del carbonio per più di un decennio, sia sui mercati regionali pilota che la Cina è ora in funzione, sia su uno schema nazionale.

Jos Delbeke, un ex alto esponente delle politiche climatiche dell’UE che ha guidato lo sviluppo del sistema di scambio del blocco, ha detto che il suo consiglio alla Cina è stato quello di costruire un sistema che potesse essere gradualmente riformato nel tempo e che potesse resistere agli shock economici.

L’UE ha imparato questa lezione dopo la crisi finanziaria del 2008, quando fattori quali la mancanza di regole flessibili hanno impedito al mercato di rispondere a un calo delle emissioni indotto dalla recessione, e si è trovata ad essere afflitta da un’offerta eccessiva di permessi a basso costo.

Il prezzo dei permessi di emissione di carbonio non si è ripreso fino al 2018, quando l’UE ha dichiarato che avrebbe introdotto una “riserva di stabilità del mercato” a partire dal 2019, che ha eliminato dal sistema i permessi in eccesso.

Gli schemi pilota della Cina hanno già preso in considerazione l’utilizzo di un sistema di riserva simile, secondo Huw Slater, consulente senior per il carbonio con la società di consulenza ICF di Pechino.

“È un po’ presto a livello nazionale per sapere se faranno una cosa simile, ma è abbastanza possibile”.

UN PREZZO UNICO GLOBALE?

La fissazione di un prezzo unico globale del carbonio resta tuttavia una prospettiva lontana.

L “idea di un prezzo globale del carbonio è stata costruita partendo dal presupposto che ci sarebbero state decine di sistemi di scambio collegati. Questo non è successo”, ha detto David Hone, consulente climatico capo della Shell, che utilizza il prezzo del carbonio interno per raggiungere i propri obiettivi di sostenibilità.

I prezzi interni del carbonio contribuiscono anche a proteggere gli investimenti da qualsiasi politica futura di prezzi del carbonio.

I colloqui alle Nazioni Unite non sono riusciti per due anni a concordare una serie di regole comuni per i mercati internazionali del carbonio.

La mancanza di coordinamento globale ha portato l’UE ad iniziare a redigere una politica di tassazione alle frontiere del carbonio – un’imposta sulle importazioni in Europa di beni inquinanti come l’acciaio e il cemento. L’obiettivo è quello di proteggere l’industria europea dalle importazioni a basso costo provenienti da regioni con politiche climatiche lassiste.

Negli Stati Uniti, Biden si è impegnato a fare lo stesso, con un piano da 2.000 miliardi di dollari per ridurre le emissioni.

Rendere l’accesso ad alcuni dei più grandi mercati del mondo subordinato al pagamento di un prezzo per la CO2 dovrebbe indurre i paesi con politiche climatiche deboli “a cominciare a capire come si muoveranno in una direzione a bassa emissione di carbonio per rimanere competitivi”, ha detto Hughes della Banca Mondiale.

“È possibile creare collegamenti tra i sistemi di scambio nazionali”, ha aggiunto. “A lungo termine, un prezzo globale del carbonio è auspicabile… il fatto che non ne vediamo uno immediatamente non significa che non si stia muovendo nella giusta direzione”.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore