skip to Main Content

Acqua

L’acqua è già esaurita ma i governi fanno finta di nulla. Report Guardian

Un documento del 2017 ha stimato che per adeguare la produzione di colture alla domanda prevista, l'uso dell'acqua per l'irrigazione dovrebbe aumentare del 146% entro la metà di questo secolo. Tutta quest'acqua però non esiste e i governi confidano nella sola tecnologia, ma senza misure politiche ed economiche non può funzionare. L'articolo del Guardian

 

C’è una falla nel piano. E non è piccola: è un buco di dimensioni terrestri nei nostri calcoli. Per tenere il passo con la domanda globale di cibo, la produzione agricola deve crescere di almeno il 50% entro il 2050. In linea di principio, se non cambia nulla, questo è fattibile, grazie soprattutto ai miglioramenti nella selezione delle colture e nelle tecniche agricole. Ma tutto il resto cambierà, scrive il Guardian.

Anche se mettiamo da parte tutti gli altri problemi – l’impatto del calore, il degrado del suolo, le malattie epidemiche delle piante accelerate dalla perdita di diversità genetica – ce n’è uno che, senza l’aiuto di nessun’altra causa, potrebbe impedire di sfamare la popolazione mondiale. L’acqua.

Un documento pubblicato nel 2017 ha stimato che per adeguare la produzione di colture alla domanda prevista, l’uso dell’acqua per l’irrigazione dovrebbe aumentare del 146% entro la metà di questo secolo. Un piccolo problema. L’acqua è già esaurita.

In generale, le zone aride del mondo stanno diventando più secche, in parte per la riduzione delle precipitazioni, in parte per la diminuzione della portata dei fiumi a causa del ritiro dei ghiacci e delle nevi di montagna e in parte per l’aumento delle temperature che provoca una maggiore evaporazione e una maggiore traspirazione da parte delle piante. Molte delle principali regioni di coltivazione del mondo sono ora minacciate da “siccità improvvise”, in cui il clima caldo e secco succhia l’umidità dal suolo con una velocità spaventosa. Alcuni luoghi, come il sud-ovest degli Stati Uniti, ora al 24° anno di siccità, potrebbero essere passati definitivamente a uno stato più secco. I fiumi non riescono a raggiungere il mare, i laghi e le falde acquifere si stanno riducendo, le specie che vivono in acqua dolce si stanno estinguendo a un ritmo circa cinque volte superiore a quello delle specie che vivono sulla terraferma e le grandi città sono minacciate da un estremo stress idrico.

L’agricoltura è già responsabile del 90% dell’utilizzo di acqua dolce nel mondo. Abbiamo pompato così tanta acqua dal suolo che abbiamo cambiato la rotazione della Terra. L’acqua necessaria per soddisfare la crescente domanda alimentare semplicemente non esiste.

Questo documento del 2017 avrebbe dovuto mettere tutti in allarme. Ma, come al solito, è stato ignorato dai politici e dai media. Solo quando il problema arriva in Europa si riconosce che c’è una crisi. Ma se da un lato c’è un comprensibile panico per la siccità in Catalogna e Andalusia, dall’altro c’è un’incapacità quasi totale da parte dei potenti interessi di riconoscere che questo è solo un caso di un problema globale, un problema che dovrebbe essere in cima all’agenda politica.

Sebbene le misure contro la siccità abbiano scatenato proteste in Spagna, questo è ben lungi dall’essere il punto di infiammabilità più pericoloso. Il bacino idrografico del fiume Indo è condiviso da tre potenze nucleari – India, Pakistan e Cina – e da diverse regioni altamente instabili e divise, già afflitte da fame e povertà estrema. Oggi il 95% del flusso del fiume nella stagione secca viene estratto, soprattutto per l’irrigazione. Ma la domanda di acqua in Pakistan e in India sta crescendo rapidamente. L’offerta – temporaneamente incrementata dallo scioglimento dei ghiacciai dell’Himalaya e dell’Hindu Kush – raggiungerà in breve tempo un picco e poi un declino.

Anche nello scenario climatico più ottimistico, il deflusso dai ghiacciai asiatici dovrebbe raggiungere il picco prima della metà del secolo e la massa dei ghiacciai si ridurrà di circa il 46% entro il 2100. Alcuni analisti vedono nella competizione idrica tra India e Pakistan una delle cause principali dei ripetuti conflitti in Kashmir. Ma a meno che non venga stipulato un nuovo trattato sulle acque dell’Indo, che tenga conto del calo delle forniture, questi scontri potrebbero essere il preludio di qualcosa di molto peggiore.

È convinzione diffusa che questi problemi possano essere risolti semplicemente migliorando l’efficienza dell’irrigazione: in agricoltura si sprecano enormi quantità d’acqua. Permettetemi quindi di presentarvi il paradosso dell’efficienza dell’irrigazione. Quando il miglioramento delle tecniche garantisce che sia necessaria meno acqua per coltivare un determinato volume di colture, l’irrigazione diventa più economica. Di conseguenza, attira più investimenti, incoraggia gli agricoltori a coltivare piante più assetate e più redditizie e si espande su un’area più ampia. È quello che è successo, per esempio, nel bacino del fiume Guadiana in Spagna, dove un investimento di 600 milioni di euro per ridurre l’uso dell’acqua migliorando l’efficienza dell’irrigazione lo ha invece aumentato.

Il paradosso può essere superato attraverso la regolamentazione: leggi che limitino il consumo idrico sia totale che individuale. Ma i governi preferiscono affidarsi alla sola tecnologia. Senza misure politiche ed economiche, non funziona.

Né altri rimedi tecnologici sono in grado di risolvere il problema. I governi stanno progettando enormi opere di ingegneria per convogliare l’acqua da un luogo all’altro. Ma il deterioramento del clima e l’aumento della domanda fanno sì che anche molte delle regioni donatrici siano destinate a rimanere a secco. L’acqua proveniente dagli impianti di desalinizzazione costa in genere cinque o dieci volte di più di quella proveniente dalla terra o dal cielo, mentre il processo richiede grandi quantità di energia e genera grandi volumi di salamoia tossica.

Soprattutto, dobbiamo cambiare la nostra dieta. Chi ha la possibilità di scegliere la propria dieta (in altre parole, la metà più ricca della popolazione mondiale) dovrebbe cercare di ridurre al minimo l’impronta idrica del proprio cibo. Scusandomi per l’insistenza, questo è un altro motivo per passare a una dieta priva di animali, che riduce sia la domanda totale di colture sia, nella maggior parte dei casi, l’uso di acqua. Il fabbisogno idrico di alcuni prodotti vegetali, in particolare mandorle e pistacchi in California, è diventato un tema importante nelle guerre culturali, in quanto gli influencer di destra attaccano le diete a base vegetale. Tuttavia, per quanto eccessiva sia l’irrigazione di queste colture, in California si utilizza più del doppio dell’acqua di irrigazione per coltivare piante foraggere destinate all’alimentazione del bestiame, in particolare delle mucche da latte. Il latte ha un fabbisogno idrico molto più elevato anche della peggiore alternativa (il latte di mandorla), ed è astronomicamente più alto delle migliori alternative, come il latte di avena o di soia.

Questo non vuol dire che tutti i prodotti vegetali siano esenti da responsabilità: l’orticoltura può richiedere ingenti quantità di acqua. Anche nell’ambito di una dieta a base vegetale, dovremmo passare da alcuni cereali, verdure e frutta ad altri. I governi e i rivenditori dovrebbero aiutarci attraverso una combinazione di regole più severe e un’etichettatura informativa.

Invece, fanno il contrario. Il mese scorso, per volere del commissario europeo per l’agricoltura, Janusz Wojciechowski, la Commissione europea ha eliminato dal suo nuovo piano per il clima l’invito a incentivare le fonti proteiche “diversificate” (senza animali). La presa normativa non è mai così forte come nel settore agroalimentare.

Non vorrei aggiungere altro, ma alcuni di noi devono cercare di contrastare l’infinito pregiudizio contro la rilevanza della politica e della maggior parte dei media. Questa è un’altra di quelle enormi questioni trascurate, ognuna delle quali potrebbe essere fatale per la pace e la prosperità su un pianeta abitabile. In qualche modo, dobbiamo recuperare la nostra attenzione.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top