skip to Main Content

Antisemitismo

Il gas di Israele salverà l’Europa? Report Le Monde

Grazie all'accordo con il Libano, Israele potrebbe sostituire il 10 per cento delle forniture di gas russe all'Europa. L'articolo di Le Monde.

Lo Stato ebraico, che ha avviato un riavvicinamento con i suoi vicini arabi attraverso le sue esportazioni, promette inoltre di fornire agli europei l’equivalente del 10% delle forniture effettuate dalla Russia prima della guerra.

L’accordo sul gas siglato martedì 11 ottobre con il Libano promette di rafforzare la sicurezza energetica di Israele, modesto produttore, che ha iniziato a sfruttare i suoi giacimenti nel 2004. Queste risorse – scrive il giornalista di Le Monde – contribuiscono in larga misura alla produzione di energia elettrica e al funzionamento degli impianti di desalinizzazione dell’acqua ad alta intensità energetica. Ma l’accordo rafforza anche le sue ambizioni di esportazione.

Lo Stato ebraico promette di fornire gas all’Europa in un momento in cui la guerra in Ucraina fa salire i prezzi mondiali. Da questo punto di vista, il testo dell’accordo concluso con il Libano sui confini marittimi ha il principale merito di riconoscere la piena sovranità israeliana sul giacimento di Karish, una piccola riserva stimata in 1,75 trilioni di metri cubi. Il suo sfruttamento potrebbe iniziare entro poche settimane.

“Dal punto di vista strategico, questo accordo è un errore: premia Hezbollah, che potrebbe ritenere in futuro che Israele possa piegarsi alle sue minacce di guerra”, denuncia Yaakov Amidror, che ha guidato il Consiglio di Sicurezza Nazionale durante i precedenti negoziati sul confine marittimo con il Libano all’inizio degli anni 2010, e che ritiene il percorso stabilito martedì troppo favorevole a Beirut. “Ma è un buon accordo in termini economici – ammette – come per le nostre relazioni con gli Stati Uniti”, mediatore nelle discussioni tra i due Paesi.

Contribuire agli sforzi dell’Occidente

A settembre, a Berlino, il Primo Ministro Yair Lapid ha promesso: “Saremo parte degli sforzi per sostituire il gas russo in Europa”. Mentre Israele si rifiuta di fornire sostegno militare all’Ucraina, Lapid intende contribuire agli sforzi occidentali, fornendo all’Europa il 10% di quanto Mosca forniva prima della guerra, ovvero 15,5 miliardi di metri cubi. Sembra un obiettivo molto ambizioso.

Israele possiede lo 0,3% delle riserve mondiali e produce appena 20 miliardi di metri cubi all’anno. Ne esporta una decina, provenienti dal vasto campo di Leviathan. Il più antico giacimento di Tamar fornisce la maggior parte del consumo interno.

Queste esportazioni sono soprattutto regionali. Israele utilizza il suo gas per rafforzare i legami con due Stati arabi, l’Egitto e la Giordania, con i quali ha firmato trattati di pace nel 1979 e nel 1994. Nel 2020, lo Stato ebraico ha aperto loro le porte del Leviatano. Questo accordo ha suscitato forti critiche in Giordania, dove l’80% dell’elettricità è prodotta dal gas israeliano. Per quanto riguarda l’Egitto, a giugno ha firmato una lettera di intenti con Israele e l’Unione Europea per liquefare il gas sul suo territorio e trasportarlo in Europa. Anche in questo caso, le capacità sono limitate.

Dal 2019, la partecipazione di questi due Paesi arabi al Forum del gas del Mediterraneo orientale, accanto a Israele e all’Autorità palestinese, ha rafforzato questa logica di avvicinamento. Infine, normalizzando le relazioni con gli Emirati Arabi Uniti dal 2020, Israele ha nuovamente giocato la carta del gas. Nel settembre 2021, un’azienda nazionale ha venduto la sua quota del giacimento Tamar (22%) a un fondo sovrano emiratino, Mubadala.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top