Advertisement
skip to Main Content

L’India sta finendo il carbone? Report Economist

Carenza Carbone Cina

L’India si trova in cima alla quinta riserva provata di carbone più grande al mondo, ma ha un problema di carenza di combustibile. L’approfondimento dell’Economist

L’India è sull’orlo di un’interruzione di corrente a livello nazionale. Più di due terzi della sua elettricità proviene da 135 centrali termiche a carbone, e le scorte nella maggior parte di esse sono pericolosamente basse. Spesso tengono scorte pari a 30 giorni di fornitura, ma la settimana scorsa la riserva media di un sito è scesa a un decimo di quella. Alcuni hanno dovuto chiudere per mancanza di carburante. I 28 governi statali del paese sono responsabili del mantenimento della fornitura di energia, e molti di loro stanno protestando. Il Rajasthan sta programmando tagli di corrente di un’ora e di quattro ore in 12 distretti, inclusi diversi vicino a Delhi, la capitale nazionale, il cui capo ministro sta implorando l’aiuto del primo ministro, Narendra Modi. Il Maharashtra, sede della capitale industriale di Mumbai, è a un giorno e mezzo dal toccare il fondo; il suo dipartimento dell’energia ha detto che ha bisogno di 730 miliardi di rupie (9,7 miliardi di dollari) immediatamente, altrimenti lo stato ” andrà al buio”. In particolare, questi posti sono gestiti da partiti di opposizione. Il governo nazionale del signor Modi ha fatto appello alla calma. Il suo ministro del carbone ha detto che “non c’è assolutamente nessuna minaccia di interruzione di corrente”. In effetti, la maggior parte dei giornali del paese hanno tenuto la crisi in corso dalle loro prime pagine, anche se le riserve di carbone delle centrali si riducono. Ma se le luci si spengono nella terza economia più grande dell’Asia, sarà difficile non accorgersene. Perché l’India sta lottando per il carbone? – scrive The Economist.

L’India si trova in cima alla quinta più grande riserva provata di carbone del mondo, abbastanza per soddisfare il suo appetito annuale per più di un secolo. La domanda è tipicamente più alta in ottobre, e quest’anno diversi fattori hanno contribuito a soffocare l’accesso al carbone delle centrali termiche. L’economia indiana sta tornando alla vita dopo due terribili round con la pandemia: nell’anno successivo al primo, causato dal blocco draconiano di aprile e maggio 2020, l’economia si è ridotta del 7,3%. L’avvento da incubo della variante Delta in aprile e maggio 2021 ha inferto un colpo quasi mortale. Ora, mentre il covid-19 si placa, la domanda repressa sta aumentando. Il consumo è balzato di oltre il 16% da agosto 2019 ad agosto 2021. Coal India, il quasi-monopolio nazionale, non è riuscito a prevederlo (e ha comunque lesinato sugli investimenti negli ultimi anni).

Il maltempo ha creato problemi allo stesso tempo, poiché le piogge particolarmente tardive e pesanti nella cintura del carbone dell’India hanno inondato le miniere e ostacolato i trasporti. Proprio questa settimana, le piogge nella provincia cinese dello Shanxi hanno aggravato la crisi del carbone di quel paese. Il che indica un terzo colpevole: i prezzi sul mercato internazionale del carbone sono ai massimi storici. Mentre la maggior parte della fornitura di carbone dell’India è nazionale, gli impianti sulla costa richiedono materiale importato, che le compagnie elettriche possono a malapena permettersi in questi giorni.

Il nord dell’India ha subito quello che è classificato come il peggiore blackout del mondo nell’estate del 2012. L’approvvigionamento energetico del paese, come molte altre cose, è cambiato radicalmente da allora. Allora l’economia era in pieno boom e la produzione di energia faceva fatica a tenere il passo. Negli anni successivi sono state investite enormi somme sia in impianti a carbone che in fonti di energia rinnovabili (anche se un mix energetico sostanzialmente più verde è ancora lontano). Durante il mandato di Modi, l’India ha avuto un’eccedenza di capacità generativa. La lotta principale ultimamente è stata quella di trovare il modo di connettere più indiani a più energia, per il bene di ingranare l’industria per impiegare e sostenere una popolazione che sarà presto la più grande del mondo. L’ostacolo più grande è stato un sistema di finanziamento antiquato, che distorce i prezzi interponendo società di distribuzione statali in bancarotta tra gli impianti e gli utenti finali. I distributori, incapaci di esigere un pagamento sufficiente dai consumatori, falliscono e lasciano i generatori a loro volta a corto di denaro e implorano i governi per i salvataggi. Questa è una piaga perenne per la produttività dell’India. Nei prossimi cinque o sei mesi, la necessità urgente è quella di mantenere la ripresa economica in pista. Ai liberali piace dire che l’India cresce di notte, “mentre il governo dorme”, ma non può crescere durante un blackout.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore