skip to Main Content

I 3 shock che frenano la crescita della Cina. Report Economist

Debito

L’economia cinese è stata colpita da un triplo shock, derivante non solo dalle interruzioni di corrente ma anche dalla pandemia e da un rallentamento immobiliare esacerbato dai guai finanziari di Evergrande

 

In una scena di Manufactured Landscapes, un documentario uscito nel 2006, Edward Burtynsky, un fotografo di paesaggi, cerca il permesso di fotografare le montagne nere di carbone cinese in attesa di essere spedito a Tianjin, una città industriale vicino a Pechino. “Attraverso l’obiettivo della sua macchina fotografica, attraverso i suoi occhi, apparirà bellissimo”, assicura l’assistente di Burtynsky al suo scettico ospite. Questo non è del tutto vero. Attraverso l’obiettivo del fotografo, i mucchi di carbone hanno una geometria oscura e satanica, non proprio bella, ma impressionante nella loro immensità.

Guardando quelle foto, è difficile immaginare che la Cina possa mai rimanere a corto di questo combustibile. Ma negli ultimi mesi, le piramidi nere non sono state abbastanza immense. La scarsità di carbone, che rappresenta quasi i due terzi della produzione di elettricità della Cina, ha contribuito ai peggiori tagli di corrente in un decennio. E i blackout hanno, a loro volta, danneggiato la crescita. “La nostra economia si sta sviluppando molto velocemente”, gli dice il padrone di casa di Burtynsky, per giustificare la fuliggine e l’inquinamento nell’aria. Ma neanche questo è del tutto vero – scrive The Economist.

L’economia cinese è stata colpita da un triplo shock, derivante non solo dalle interruzioni di corrente ma anche dalla pandemia e da un rallentamento immobiliare esacerbato dai guai finanziari di Evergrande. I dati pubblicati il 18 ottobre hanno mostrato che la crescita economica è rallentata al 4,9% nel terzo trimestre, rispetto a un anno prima. La produzione industriale si è espansa solo del 3,1% su base annua a settembre, più lentamente che in qualsiasi mese durante la crisi finanziaria globale.

Consideriamo prima la crisi energetica. Le cause della carenza di carbone rientrano in due categorie: strutturali e accidentali. Gli imprevisti sfortunati includono le inondazioni nella provincia di Henan in luglio e nello Shanxi questo mese, che hanno costretto alcune miniere a chiudere. Inoltre, nella Mongolia interna, che rappresenta circa un quarto della produzione di carbone della Cina, un’indagine sulla corruzione ha coinvolto e ostacolato alcuni dei funzionari che avrebbero potuto approvare in precedenza l’espansione dell’estrazione del carbone. La provincia dello Shaanxi, il terzo produttore di carbone della Cina, ha rallentato la produzione per mantenere il cielo libero per un evento nazionale di atletica a settembre, a cui ha partecipato il presidente Xi Jinping. E l’espansione del carbone è stata anche inibita dagli ispettori della sicurezza, che hanno esaminato 976 miniere, dopo più di 100 incidenti industriali a livello nazionale l’anno scorso.

La ragione più profonda della crisi del carbone sta negli sforzi della Cina per ridurre la sua dipendenza dal combustibile, che è responsabile di una grande parte delle emissioni di carbonio del paese. Le autorità sono state riluttanti ad approvare nuove miniere o l’espansione di quelle esistenti negli ultimi anni, perché “sta chiaramente guidando l’autobus nella direzione sbagliata”, dice David Fishman di The Lantau Group, una società di consulenza energetica.

Quando l’offerta è scarsa, i prezzi dovrebbero aumentare, obbligando i clienti a risparmiare sul loro consumo. Ma quando il prezzo del carbone è salito, le centrali elettriche non sono state in grado di scaricare i loro costi più alti. L’importo che potevano far pagare alla compagnia di rete che compra la maggior parte della loro energia poteva aumentare solo fino al 10% sopra un prezzo regolato, che veniva cambiato di rado. E la tariffa pagata dagli utenti finali era basata su un catalogo di prezzi che era altrettanto inflessibile. Alcune centrali hanno semplicemente smesso di funzionare, rifiutandosi di generare in perdita.

Un altro shock all’economia è stato provocato dalla pandemia. Focolai di covid-19, come quello iniziato a Nanjing in luglio, hanno provocato rigide chiusure localizzate, deprimendo la spesa al dettaglio, specialmente la ristorazione, e i viaggi. Secondo il sito di viaggi Flight Master le compagnie aeree operavano a meno della metà della loro piena capacità in agosto e solo a due terzi di essa in settembre.

Lo shock finale è stato per il settore immobiliare del paese, un motore perenne di crescita, occupazione, leva e ansia. I regolatori stanno cercando di frenare la domanda speculativa di appartamenti e limitare l’eccessivo indebitamento dei costruttori di case. Questo sforzo per limitare il rischio finanziario ha portato a galla alcuni pericoli esistenti.

Evergrande, un’azienda enorme con 300 miliardi di dollari di passività, ha mancato un pagamento su un bond in dollari il 24 settembre, ed è stata seguita da altri. Alcuni acquirenti di case sono ora comprensibilmente nervosi nel consegnare il loro denaro a qualsiasi azienda di sviluppo immobiliare che potrebbe non essere in affari abbastanza a lungo per finire i progetti che sta vendendo.

In questo contesto, gli sviluppatori cinesi hanno iniziato a settembre il 13,5% in meno di case rispetto all’anno precedente e le loro vendite, misurate in termini di superficie, sono diminuite di una percentuale simile. La Cina ha anche riportato forti cali nella produzione di cemento (in calo del 13% a settembre rispetto all’anno scorso) e di acciaio (che è sceso del 14,8%).

Il 15 ottobre la Banca centrale cinese ha descritto Evergrande come un caso idiosincratico in un’industria generalmente sana. Questo avrebbe dovuto essere rassicurante, se non fosse che i politici non andranno in soccorso del settore immobiliare finché non saranno sufficientemente preoccupati della sua situazione. L’ansia tra i regolatori può essere una condizione necessaria per alleviare l’ansia dei costruttori di case e dei loro creditori.

La maggior parte degli economisti pensa che la crescita annuale della Cina rallenterà ulteriormente negli ultimi tre mesi dell’anno. Bank of America ha previsto una crescita del 2,5% in un caso base. La Cina manterrà la sua vigilanza contro il covid-19, e la flessione immobiliare ha ancora da correre. Ma uno dei tre mali dovrebbe almeno essere meno forte nel resto dell’anno. Le centrali elettriche, a differenza dei promotori immobiliari, hanno ottenuto un tardivo sollievo dalle autorità superiori. Alle miniere è stato ordinato di espandere la produzione. E il principale ente di pianificazione cinese ha minacciato il 19 ottobre di intervenire se i prezzi del carbone rimarranno alti in modo punitivo, provocando una brusca svendita dei futures sul carbone.

Quella minaccia di intervento nei prezzi a monte ha seguito un grande passo verso la liberalizzazione più a valle. Il governo darà alle centrali elettriche più libertà di trasferire i costi più alti alla società di rete. Costringerà anche i clienti industriali e commerciali (ma non le famiglie o gli agricoltori) a pagare i prezzi dell’energia negoziati sul mercato, non quelli stabiliti in un catalogo. Queste riforme erano in cantiere da molto tempo. Ma c’è voluta una crisi acuta per forzare la questione. I responsabili politici avrebbero potuto preferire un “lancio misurato delle riforme del mercato”, fa notare Fishman. Ma le cose sono cambiate “quando le luci hanno cominciato a spegnersi nelle fabbriche di tutto il paese”. Alla Cina piace attraversare i fiumi tastando le pietre. Ma quando una pietra cede, è il momento di fare un salto.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore