skip to Main Content

Come e perché il governo tedesco è diviso sul Nord Stream 2

Obbligo Vaccinale

Tutti gli scontri interni in Germania sul gasdotto Nord Stream 2. L’approfondimento del quotidiano Le Monde

Un nome, però, che è al centro della notizia, non compare nelle 177 pagine dell’accordo di coalizione del nuovo governo tedesco: Nord Stream 2, il gasdotto che dovrebbe portare il gas russo in Germania attraverso il Mar Baltico e la cui esistenza è così controversa che nessuno sa quando entrerà in servizio, o addirittura se sarà mai operativo. Scrive Le Monde.

Due settimane dopo l’investitura del governo, è comprensibile il perché di una tale assenza: in vista delle tensioni che Nord Stream 2 sta già causando nella squadra del nuovo cancelliere Olaf Scholz, era probabilmente prudente mantenere il tema a distanza durante la fase di redazione del contratto di coalizione.

Ostili al progetto fin dall’inizio, gli ambientalisti hanno deciso di metterlo in agenda nei loro primi giorni di governo. “Allo stato attuale, questo gasdotto non può essere approvato, perché non soddisfa i requisiti della legislazione europea sull’energia e perché le questioni di sicurezza rimangono aperte”, ha detto il nuovo ministro degli esteri, Annalena Baerbock, il 12 dicembre sul canale televisivo pubblico ZDF. “Da un punto di vista geopolitico, Nord Stream 2 è un errore. Inoltre, tutti i paesi sono sempre stati contrari, tranne la Germania e l’Austria”, ha dichiarato il suo collega responsabile dell’economia, Robert Habeck, il 19 dicembre nella Frankfurter Allgemeine Zeitung.

“Scholz gioca la carta legale”

Tra questi due interventi, lo stesso Olaf Scholz è intervenuto sull’argomento il 16 dicembre. Da Bruxelles, dove stava partecipando al suo primo Consiglio europeo, il nuovo cancelliere tedesco ha descritto Nord Stream 2 come un “progetto del settore privato”. Non spetta quindi al suo governo decidere se commissionare o meno il progetto, che in ogni caso non può avvenire prima della fine della procedura di certificazione intrapresa dall’Agenzia federale delle reti (Bundesnetzagentur), ha aggiunto. Tuttavia, dopo aver annunciato a metà novembre che stava sospendendo la procedura a causa di un ostacolo legale, l’agenzia ha annunciato poche ore prima che Olaf Scholz parlasse che non avrebbe preso la sua decisione prima del luglio 2022.

Nella sua intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung del 19 dicembre, il nuovo ministro dell’economia ha detto più o meno la stessa cosa della cancelliera: “Il gasdotto è ora costruito. La questione della sua messa in opera rimane aperta e deve essere decisa secondo il diritto europeo e tedesco”. Ma ha aggiunto un punto importante, riferendosi direttamente all’atteggiamento della Russia e alle sue attuali minacce all’Ucraina: “Qualsiasi ulteriore azione militare non può rimanere senza gravi conseguenze. E nulla dovrebbe essere escluso” nel caso di una “nuova violazione dell’integrità del territorio” dell’Ucraina, ha detto.

La differenza tra la posizione dei due ministri verdi e quella del cancelliere socialdemocratico, che già difendeva il progetto quando era ministro delle finanze e vice-cancelliere di Angela Merkel, è sottile ma essenziale. “Scholz sta giocando la carta legale: si affida all’Agenzia della rete e alla Commissione europea, il che gli permette di non essere coinvolto direttamente per non offendere i Verdi. Sta facendo esattamente quello che la Merkel ha fatto prima di lui: come cancelliere, sostiene il progetto, ma non può dirlo troppo forte, perché deve posizionarsi al di sopra della mischia per mantenere la sua maggioranza. I Verdi, invece, sono in politica. Sono nel loro ruolo di junior partner nella coalizione: sanno che probabilmente non vinceranno, ma devono mostrare ai loro elettori che stanno facendo tutto il possibile per avere più influenza possibile”, analizza un peso massimo nel partito socialdemocratico (SPD), che conosce bene la questione.

All’inizio della legislatura, il gioco è soprattutto politico. Per i Verdi, che non hanno ottenuto l’arresto della costruzione del Nord Stream 2, che è stato completato in autunno, l’unica leva è ora quella di impedire – o almeno ritardare – la messa in servizio del gasdotto. “La loro idea è di suggerire che c’è una sorta di automaticità tra le minacce russe all’Ucraina e l’arresto di Nord Stream. Se c’è una vera aggressione e violazione dei confini dell’Ucraina, si semplifica il problema per tutti, perché la messa in servizio di Nord Stream diventa inimmaginabile. Ma se questo non è il caso, sarà più complicato giustificare la mancata commissione”, spiega il leader della SPD.

Rivalità all’interno del governo

Al di là del caso specifico di Nord Stream 2, ciò che è in gioco è, più fondamentalmente, la questione della distribuzione del potere all’interno del nuovo governo, in particolare per quanto riguarda la condotta della politica estera. “Attraverso Nord Stream 2, la domanda è: chi avrà il ruolo principale nella definizione della politica estera? È il cancelliere, come ai tempi della Merkel? O il ministro degli esteri, come vogliono i Verdi? Tra Scholz e Baerbock, c’è chiaramente una dissonanza in termini di contenuto, ma anche una forma di lotta per l’influenza”, analizza Stefan Meister del German Council on Foreign Relations (DGAP), un think tank di Berlino.

“In ogni caso, entrambi sono consapevoli che gli Stati Uniti, i partner europei della Germania e Mosca guardano da vicino come si posiziona il nuovo governo tedesco. Ecco perché la Baerbock è molto chiara nella sua opposizione al progetto, mentre Scholz è più cauto e lascia abilmente tutte le opzioni sul tavolo”.

In ogni caso, la rivalità tra i due leader è già palpabile. Cominciò il giorno dell’investitura del nuovo governo, l’8 dicembre, quando il presidente del gruppo SPD al Bundestag, Rolf Mützenich, dichiarò che era “chiaro”, a suo parere, che la politica estera doveva essere guidata “soprattutto nella Cancelleria”. Una dichiarazione che ha provocato un’immediata risposta su Twitter da parte del deputato verde Omid Nouripour, candidato a succedere a Robert Habeck e Annalena Baerbock come presidente dei Verdi: “No. (…) Mettere il ministero degli Esteri in questo modo è una logica superata che stabilisce una gerarchia tra il leader e i suoi esecutori. Dobbiamo costruire un rapporto di fiducia sulla base del contratto di coalizione, non erigere presidenze di piazza.

Alla domanda su questo confronto durante la sua prima intervista televisiva come nuovo cancelliere, Olaf Scholz ha dato una risposta diplomatica. “Il governo lavora collettivamente per il nostro paese e agiamo insieme anche sulle questioni di politica europea ed estera”, ha detto, senza dare l’impressione di ingaggiare una lotta di potere con il suo ministro degli esteri, ma suggerendo abbastanza chiaramente che la sua autonomia sarebbe stata limitata.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore