Advertisement
skip to Main Content

Il nucleare è necessario per la neutralità carbonica della Germania?

Nucleare Germania

L’approfondimento di Le Monde sull’energia nucleare in Germania

Anche se l’abbandono dell’atomo, che sembra essere stato definitivamente raggiunto, ha permesso un notevole sviluppo delle energie rinnovabili in Germania – leggiamo in un articolo di Le Monde – la strada verso un’economia decarbonizzata rimane lunga e costosa.

È stato uno dei momenti più significativi della campagna elettorale nell’estate del 2021. Durante un dibattito televisivo tra i candidati cancellieri, il leader del blocco conservatore, Armin Laschet, ha dichiarato: “È stato un errore uscire dal nucleare prima di uscire dal carbone”. Con questa frase, Armin Laschet ha regolato i suoi conti con una decisione emblematica della cancelliera Angela Merkel: quella presa nel 2011 all’indomani dell’incidente di Fukushima (Giappone), per abbandonare anticipatamente il nucleare.

Politicamente, ha anche riunito il suo campo: gli ambienti economici erano molto irritati con Angela Merkel per aver “sacrificato” l’atomo quando le centrali non presentavano, secondo loro, alcun rischio particolare di sicurezza, con lo scopo di neutralizzare il voto ambientalista. Dieci anni dopo, con l’ultimo reattore che sarà spento alla fine del 2022, è ripresa la discussione in certi ambienti economici e scientifici. Si devono davvero chiudere le ultime centrali, quando la necessità più urgente è quella di fare a meno del carbone? Non dovremmo, come i francesi, scommettere su mini-reattori nucleari?

L’obiettivo della neutralità del carbonio, che il governo ha posto quest’estate al 2045, sembra tanto più difficile da raggiungere in quanto la Germania ha raggiunto il suo obiettivo di riduzione dei gas a effetto serra solo per il 2020 a causa del calo di attività legato alla pandemia di Covid-19. In realtà, è improbabile che il paese torni mai al nucleare, essendo rifiutato da una gran parte della popolazione. Questa è la differenza essenziale con la Francia: la disputa nucleare ha diviso la società tedesca per decenni, e le immagini di Fukushima hanno fatto il resto.

Produzione troppo limitata

“Non conosco nessuno, né nei circoli politici né in quelli industriali, che stia seriamente considerando di riaprire il dibattito”, dice Carsten Rolle, un esperto di energia della Federazione industriale tedesca (BDI). Soprattutto in un momento in cui i Verdi, che sono cresciuti politicamente rifiutando l’atomo, stanno entrando al governo. Per quanto riguarda le compagnie elettriche (Vattenfall, E.ON, RWE e EnBW), che nel marzo 2021 hanno chiuso l’annoso contenzioso con lo Stato sulla chiusura anticipata dei loro reattori ottenendo un risarcimento di 2,4 miliardi di euro, nessuna di loro vuole riaprire questo capitolo.

Il previsto abbandono del nucleare ha portato a una notevole accelerazione nell’uso delle energie rinnovabili: rappresentano il 45% della produzione di elettricità nel 2020, secondo l’istituto nazionale di statistica Destatis, rispetto al 6% del 2000. Ma questo progresso ha avuto un costo elevato: a causa del sistema di finanziamento delle energie rinnovabili, tramite una tassa, le famiglie e le piccole imprese pagano attualmente circa 32 centesimi per kilowattora (kWh), uno dei più cari al mondo. Mentre i prezzi lordi dell’energia sono aumentati bruscamente negli ultimi mesi, il governo ha deciso a metà ottobre di tagliare questa tassa del 43%.

Scenderà da 6,5 centesimi per kWh a 3,7 centesimi nel 2022, “il suo livello più basso da dieci anni”, ha detto Peter Altmaier, il ministro dell’Economia e dell’Energia, ansioso di evitare un tumulto sociale. E la strada verso la neutralità del carbonio sarà ancora lunga e costosa, per due motivi. Il primo è che le centrali convenzionali sono ancora indispensabili per compensare i periodi, anche brevi, in cui le energie rinnovabili producono troppo poco per soddisfare i bisogni.

Questo è quello che è successo nella prima metà del 2021, a causa della mancanza di vento: “La produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili è stata del 12% inferiore al suo livello del 2020 nello stesso periodo”, dice l’Agenzia federale delle reti. Per compensare, le fonti convenzionali (fossili e nucleari) hanno aumentato la loro produzione del 22%, guidate dall’inquinante lignite. Ma questi impianti dovrebbero essere chiusi: i Verdi chiedono l’eliminazione del carbone entro il 2030. Nel 2020, il minerale nero rappresenterà il 23,7% della produzione di elettricità, contro il 16% del gas e l’11,3% del nucleare, secondo Destatis.

Bisogni crescenti

La seconda ragione è l’aumento della necessità che i combustibili fossili, che fino ad ora sono stati usati direttamente – benzina o diesel per i veicoli, gasolio per il riscaldamento, gas come combustibile nell’industria – siano sostituiti da elettricità rinnovabile o idrogeno verde. L’esempio dello stabilimento BASF di Ludwigshafen, uno dei più grandi complessi chimici del mondo, è particolarmente eloquente.

Da sola consuma 6 terawattora (TWh) di elettricità all’anno, o poco meno dell’1% del consumo annuale di elettricità della Germania. “Abbiamo intenzione di sostituire gradualmente l’attuale fornitura di energia basata sul gas per i processi di produzione chimica con l’elettricità da fonti rinnovabili. Stimiamo che il consumo di elettricità aumenterà da tre a quattro volte entro il 2050”, dice Thomas Nonnast, un portavoce del gruppo BASF.

Secondo una proiezione aggiornata del Ministero dell’Economia, pubblicata il 15 novembre, il consumo di elettricità del paese nel 2030 dovrebbe raggiungere 658 TWh, rispetto ai 545 del 2020. Una previsione minimalista, secondo il BDI, che arriva a un fabbisogno di elettricità verde di 722 TWh nel 2030. “Questo significa che l’aumento del consumo di elettricità della sola industria tedesca da qui ad allora sarebbe più o meno equivalente all’attuale consumo di elettricità del Belgio”, dice il signor Rolle.

“La Germania si è posta l’obiettivo di coprire il 65% del suo fabbisogno di elettricità con energia rinnovabile entro il 2030. È chiaro che dovremo accelerare considerevolmente”, dice Max Gierkink, un esperto dell’Istituto di Economia dell’Energia dell’Università di Colonia. Il gas giocherà ancora un ruolo decisivo nel 2030. La sua importanza dipenderà da quanto velocemente ci allontaneremo dal carbone. Con gli effetti di bilanciamento della fluttuazione della domanda e della produzione tra i paesi europei, la Germania potrebbe passare dall’essere un esportatore netto di elettricità a un importatore entro il 2030. Compresa, potenzialmente, l’elettricità nucleare prodotta in Francia…

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore