skip to Main Content

È l’inizio della fine per Exxon e Shell? L’analisi di Le Monde

Shell
Gli attivisti climatici entrano nel consiglio d’amministrazione di Exxon, mentre Shell viene condannata per le emissioni. Cosa scrive Le Monde sul futuro delle Big Oil

Il 26 maggio, la maggioranza degli azionisti ha votato per la nomina di attivisti climatici nel Consiglio di amministrazione della Exxon. Lo stesso giorno, Shell è stata condannata a ridurre le emissioni di gas serra da un tribunale olandese. E’ l’inizio della fine per le Major? , si interroga Philippe Escande, editorialista economico di «Le Monde».

Quando è moderato, gli americani lo chiamano vento contrario, il vento che ti costringe a viaggiare in avanti. Quando è furioso, è una tempesta che travolge tutto ciò che incontra. Non ha senso andare avanti, è meglio cambiare rotta. È molto importante non confonderli. Exxon, il gigante petrolifero americano non l’ha capito, come testimonia lo spettacolare schiaffo che ha subito mercoledì 26 maggio. Alla sua assemblea generale, la maggioranza degli azionisti ha votato per nominare gli attivisti per il clima nel consiglio di amministrazione. Non era più Greenpeace a lavorare dietro le quinte, ma l’intera comunità finanziaria globale, da BlackRock a CalPERS, che è convinta che Exxon debba cambiare radicalmente prima che il suo valore crolli.

Questo terremoto è arrivato lo stesso giorno in cui Shell ha subito una brusca battuta d’arresto dai tribunali olandesi, che intendono costringerla a rafforzare i suoi obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2. Questo è ciò che alimenterà le conversazioni dei principali paesi produttori di petrolio che si riuniscono nel quadro dell’OPEC + (con la Russia) da martedì 1 giugno. Per loro, le battute d’arresto dei loro partner occidentali portano sia buone che cattive notizie.

La domanda riparte, le major sono ormai limitate

La buona notizia è che le critiche mosse a Exxon, Chevron, Shell, BP e Total costringeranno le cinque grandi major petrolifere del mondo a rivedere al ribasso le loro previsioni di investimento in ricerca e produzione nei prossimi anni, proprio nel momento in cui la domanda di petrolio e gas sta riprendendo con la ripresa economica post-confinamento. Ancora più radicale della finanza americana, l’Agenzia Internazionale dell’Energia sta addirittura consigliando alle aziende di fermare, fin da ora, qualsiasi nuovo investimento nei combustibili fossili se vogliono rispettare le promesse dell’accordo di Parigi in termini di limitazione del riscaldamento globale. Non esattamente il piano di Exxon, che prevede di investire 20 miliardi di dollari (16,3 miliardi di euro) in cinque anni in questo settore, rispetto ai soli tre per la riduzione delle emissioni.

La domanda si sta riprendendo, e le major sono ora frenate, così come i loro paesi produttori come gli Stati Uniti e il Canada. Di conseguenza, i prezzi continueranno a salire e questo andrà a vantaggio delle compagnie nazionali di Arabia Saudita, Nigeria o Russia, che rappresentano più della metà del mercato mondiale e sono molto meno sensibili alle critiche della finanza e della giustizia occidentali.

La cattiva notizia per l’OPEC è che il segnale è ormai chiaro: la fine dell’era del petrolio è iniziata e andrà più veloce del previsto, come dimostra l’aumento delle auto elettriche e delle energie rinnovabili nei paesi ricchi. Questo è solo l’inizio della fine, ma la direzione del vento è ormai nota.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore