skip to Main Content

Chi pagherà per l’audace piano dell’Europa sulle emissioni?

Carbon

Fatti, commenti e scenari in un approfondimento del Financial Times

All’inizio dell’anno, il governo tedesco ha discretamente lanciato un nuovo sistema di tariffazione del carbonio che potrebbe rivoluzionare chi paga il costo dell’inquinamento in Europa.
Da gennaio, la più grande economia dell’UE ha introdotto una tassa de facto di 25 euro per tonnellata di carbonio su benzina, diesel, olio combustibile e gas per aumentare il costo dell’energia sporca e incentivare modi di vivere più verdi. Ciò significa che milioni di tedeschi pagheranno di più alle pompe di benzina e nelle loro bollette del riscaldamento.

L’esperimento della Germania, noto come il National Emissions Trading Scheme, sta coinvolgendo i consumatori per aiutare il paese a raggiungere i suoi aggressivi obiettivi di riduzione delle emissioni.

Il modello tedesco di carbon pricing potrebbe presto essere esteso a tutta l’Europa. Bruxelles lo sta usando come modello per i suoi piani di estendere lo schema di scambio delle emissioni – il suo mercato dei prezzi del carbonio – a fasce dell’economia quest’estate come parte del suo obiettivo di diventare il primo continente a zero emissioni nette del mondo entro il 2050 – scrive il FT.

Gli scienziati del clima e gli economisti sono in gran parte d’accordo sul fatto che mettere un prezzo proibitivo sul CO2 – usando un sistema guidato dal mercato o più rozze tasse sul carbonio – è un modo indispensabile per incoraggiare i consumatori e le aziende a passare a modi di vita più verdi.

Frans Timmermans, vice-commissario UE per il Green Deal, ha salutato lo strumento europeo del prezzo del carbonio come una “pietra miliare” dell’agenda ambientale dell’UE “perché ha avuto così tanto successo”.
“Ha posto un prezzo sul carbonio”, ha detto. “È un enorme strumento di incentivazione ed è chiaro che abbiamo bisogno di espanderlo”.

Ma anche prima che il nuovo schema venga introdotto, sta generando una tempesta di opposizione. Per un numero crescente di governi dell’UE e alcuni attivisti verdi, le ambizioni di Bruxelles rischiano di gettare gli abitanti più poveri d’Europa nella povertà energetica, facendo loro sostenere il peso della corsa del gruppo verso la quota zero. Temono che senza un sistema di accompagnamento di sussidi statali di massa e di compensazione finanziaria, il carbon pricing sarà uno strumento regressivo che punirà milioni di famiglie più povere d’Europa che vivono in affitto o in case popolari e che sono bloccate con auto a benzina – in definitiva servirà a minare il sostegno pubblico per gli ambiziosi obiettivi climatici dell’UE.

I politici europei sono ben consapevoli dell’esperienza francese, quando il piano del 2018 del presidente Emmanuel Macron per l’aumento delle tasse sulla benzina ha provocato il movimento di protesta dei gilets jaunes.

Il contraccolpo politico è stato così duro che non è ancora garantito che Bruxelles vada avanti con il piano.

“In questo momento le persone direttamente colpite dal prezzo del carbonio in Europa sono poche migliaia di aziende piuttosto che milioni di persone”, dice Pascal Canfin, un deputato francese e capo della commissione ambiente del Parlamento europeo. Egli avverte che Bruxelles dovrà offrire modi per alleviare il colpo sui consumatori che affrontano bollette elettriche più alte, o rischiare di “creare un grande shock economico per le famiglie più povere”.

PAGARE LA TRANSIZIONE

Al centro della spinta dell’UE a ridurre le emissioni c’è il futuro dell’ETS europeo, che copre settori che rappresentano circa il 40% delle emissioni della Ue.

A luglio, la Commissione europea proporrà di espandere l’ETS a settori rivolti ai consumatori, come le case automobilistiche e gli edifici – una riforma che rispecchierebbe il modello tedesco e segnerebbe un cambiamento radicale nella tariffazione del carbonio guidata dal mercato che è osservata dai paesi ricchi di tutto il mondo.

Le conseguenze sociali dell’espansione dell’ETS significano che l’imminente riforma sta già dimostrando di essere una delle parti più sensibili e contestate dell’agenda radicale di decarbonizzazione dell’UE. Claude Turmes, ministro dell’ambiente lussemburghese, dice che il suo governo si opporrà a qualsiasi estensione per coprire le auto e gli edifici perché “rischia di penalizzare le parti a basso reddito della popolazione”.

In un vertice a Bruxelles in maggio, i leader dell’UE dei paesi orientali più poveri hanno anche avvertito che i loro cittadini – molti dei quali non possono facilmente permettersi di abbandonare le loro auto a gasolio o cambiare il sistema di riscaldamento negli alloggi in affitto – ne subiranno gli effetti negativi.

I governi europei hanno ragioni per temere un contraccolpo sociale. I gilets jaunes francesi hanno messo in luce il fragile consenso popolare che spesso è alla base di obiettivi radicali sulle emissioni – in particolare se sono visti come sproporzionatamente rivolti alle famiglie a basso e medio reddito anche in economie relativamente più ricche.

“Dobbiamo fare la [transizione verde] in modo che tutti i livelli di reddito possano mantenere il loro stile di vita”, ha detto Mark Rutte, primo ministro olandese, dopo il vertice di maggio a Bruxelles. “Se aumentiamo i costi a causa dei piani elaborati a Bruxelles o all’Aia, perderemo il sostegno per quello che stiamo facendo. È cruciale che portiamo la società con noi”.

Il dibattito sul futuro dell’ETS colpisce le questioni fondamentali al cuore dell’agenda verde europea: chi pagherà per la transizione e come?

Istituito nel 2005, l’ETS europeo ha creato un mercato del carbonio cap-and-trade per incentivare le grandi compagnie elettriche e i grandi inquinatori industriali a ridurre la loro impronta di carbonio, obbligandoli a comprare crediti che coprano le loro emissioni.

Le aziende che inquinano più della loro quota assegnata devono comprare più crediti, e meno se hanno emissioni in calo. Nell’ultimo anno, il costo dell’inquinamento determinato dall’ETS è salito alle stelle del 60 per cento – toccando il record di oltre 53 euro a tonnellata di carbonio nell’ultimo mese, mentre gli investitori scommettono sul fatto che l’UE raggiunga il suo obiettivo 2050 netto zero.

Bruxelles, che controlla efficacemente l’offerta di crediti fissando le assegnazioni per i settori e un tetto complessivo di emissioni, stima che il prezzo dovrà raggiungere i 60 euro a tonnellata per raggiungere l’obiettivo rivisto di un taglio del 55% delle emissioni di CO2 entro il 2030, sulla base dei livelli del 1990.

Se la riforma dovesse andare avanti, trasformerebbe l’ETS da uno strumento di mercato esoterico progettato per mettere un prezzo proibitivo sull’energia sporca come il carbone, a un sistema che fisserà un prezzo del carbonio de facto sulle aziende che rappresentano quasi tre quarti delle emissioni dell’UE.

Un alto funzionario dell’UE dice che la decisione finale sull’opportunità di portare avanti l’espansione sarà presa “all’ultimo minuto”, data la potenziale portata dell’opposizione degli stati membri. Bruxelles sta pianificando di minimizzare il disturbo iniziale dell’ETS istituendo uno schema più piccolo che copra solo le auto e gli edifici, ha detto il presidente della Commissione Ursula von der Leyen questo mese. Un elemento cruciale sarà il livello al quale il prezzo del carbonio è fissato nel sistema parallelo, con un funzionario che dice che è probabile che sia comodamente al di sotto dell’attuale prezzo ETS.

L’esperienza della Germania suggerisce che i costruttori di automobili e le imprese edili passeranno ai consumatori anche i costi modesti di CO2. Il prezzo del carbonio di 25 euro in Germania aumenterà il costo di un litro di diesel di 0,08 euro, la benzina di 0,07 euro e il consumo di olio da riscaldamento di 2.000 litri all’anno sarà tassato per 159 euro, secondo la Federazione delle organizzazioni dei consumatori tedeschi (VZBV).

In media, il sistema significherà che una famiglia di quattro persone con un’auto a benzina e riscaldamento a gas pagherà €204 in più all’anno nel 2021, per arrivare a €451 nel 2025, quando il prezzo del carbonio salirà a €55 a tonnellata.

Thomas Bobinger, responsabile delle politiche dell’UE presso il VZBV, afferma che il sistema è regressivo in quanto le famiglie più povere sono spesso “intrappolate in attività basate sui combustibili fossili e devono sostenere i costi del carbonio”. Egli aggiunge: “Quelli con il reddito più basso non hanno necessariamente i soldi per investire in efficienza energetica. Non possono semplicemente ridurre il loro consumo scegliendo di non guidare l’auto o accendere la lavatrice. Gli inquilini non possono cambiare i loro sistemi di riscaldamento o isolare i loro muri”.

Ci sono stati pochi segni di un contraccolpo in Germania, anche se Bobinger dice che è troppo presto per dire se il sistema è un successo. “Sono passati cinque mesi da quando la tariffazione è stata introdotta e la gente di solito riceve le bollette del riscaldamento più tardi nel corso dell’anno”.

COSTI ESPLICITI

A Bruxelles, il sistema cap-and-trade è stato visto come un’alternativa più appetibile all’imposizione di tasse dirette sul carbonio, che sono state contrastate dagli elettori che temono di far salire il costo della vita.

L’aumento del costo dei crediti di carbonio nell’ultimo anno è stato anche visto come un voto di fiducia nell’ETS, dato che gli investitori si sono accaparrati le quote, scommettendo che il loro valore salirà alle stelle se il sistema si espanderà per coprire più settori. Prima del 2020, il prezzo dei crediti ETS raramente ha superato i 30 euro a tonnellata.

Altre grandi economie stanno cercando di seguire l’esempio dell’Europa. All’inizio di quest’anno la Cina ha istituito il più grande mercato del carbonio del mondo che copre circa il 30% delle sue emissioni totali. Una manciata di stati americani, tra cui la California, hanno anche schemi cap-and-trade, mentre il Regno Unito post-Brexit ha lanciato a maggio il proprio ETS. Il prezzo del Regno Unito è salito sopra quello dell’UE a più di 50 sterline a tonnellata.

“Stiamo raggiungendo il punto in cui i costi della decarbonizzazione non possono essere nascosti”, dice Michael Pollitt, professore di economia aziendale all’università di Cambridge. “La ragione per cui molti sono preoccupati per l’ETS è che rende questo costo esplicito – è un prezzo diretto sull’inquinamento”, dice Pollitt, che sostiene l’espansione del sistema come un modo per “aiutare massicciamente ad aumentare la credibilità della politica del net zero”.

La riforma dell’ETS della Commissione includerà una serie di elementi significativi, tra cui la graduale eliminazione delle quote gratuite per settori come l’aviazione, che sono stati una caratteristica del sistema per decenni. Bruxelles includerà anche le industrie marittime e di trasporto nell’ETS per la prima volta – elementi che probabilmente contribuiranno a far salire il costo dell’inquinamento nel breve termine.

L’ETS giocherà un ruolo centrale nella strategia multipla dell’UE per ridurre drasticamente le emissioni. La filosofia del Green Deal di Bruxelles combina l’uso di strumenti come il mercato del carbonio con strumenti legislativi più duri, come l’imposizione di standard vincolanti sulle emissioni delle auto, obiettivi più alti per le energie rinnovabili, e schemi per incoraggiare gli investimenti del settore privato nelle tecnologie verdi.

Un alto funzionario dell’UE descrive l’uso del carbon pricing “come una rete di sicurezza minima” per la tassazione del CO2 “ma non una panacea” nella ricerca di decarbonizzare l’economia europea.

USARE LE ENTRATE DELL’ETS

Gli attivisti ambientali hanno messo in guardia contro un’eccessiva estensione del carbon pricing e contro il fatto che l’ETS porti il peso del raggiungimento degli obiettivi di emissione. Temono che i cambiamenti sistemici necessari per eliminare gradualmente i combustibili fossili, espandere la disponibilità di veicoli elettrici e decarbonizzare l’industria pesante possano essere raggiunti equamente solo attraverso la regolamentazione.

“Il Green Deal dell’UE può essere un esempio per il mondo di come fare una transizione rapida e giusta, ma solo se utilizza gli strumenti giusti”, dice Sofie Defour, responsabile del clima presso il gruppo di campagna per il trasporto pulito Transport & Environment. “Il lavoro pesante deve venire da cose come le auto senza emissioni, l’elettrificazione rapida e la costruzione di una rete di ricarica di livello mondiale”.

Uno studio di Cambridge Econometrics stima che l’estensione del carbon pricing alle auto e alle case porterebbe le quote ETS a 180 euro a tonnellata entro il 2030. La modellizzazione del rapporto dice che il costo del riscaldamento a gas per le famiglie francesi raddoppierebbe quasi nel prossimo decennio, e salirebbe del 188% per le case riscaldate a carbone in Polonia.

In un tale scenario, il rapporto avverte che il colpo all’economia dell’UE può essere mitigato solo se tutte le entrate ETS sono riutilizzate per compensare le famiglie vulnerabili e finanziare gli investimenti in tecnologie più pulite.

Eppure Bruxelles ha poteri limitati per costringere i suoi governi a fornire sussidi di massa o agevolazioni fiscali per i cittadini che devono pagarne il prezzo. Le entrate dell’ETS sono ripartite tra i 27 governi dell’UE che ricevono la maggior parte del denaro dal sistema, con fondi più piccoli progettati per aiutare gli stati membri a basso reddito a finanziare le tecnologie rinnovabili.

Gli stati membri dell’Europa sono ferocemente protettivi del denaro che recuperano e hanno già respinto il piano di Bruxelles di usare una parte dei proventi dell’ETS per ripagare centinaia di miliardi di debito comune dell’UE emesso per finanziare il recupero del Covid-19. “Ci sono molti clienti per i soldi dell’ETS e quasi tutti si ritroveranno con meno di quello che vogliono”, dice un funzionario UE.

Per Bobinger della federazione tedesca dei consumatori, la mossa dell’Europa verso un carbon pricing di massa non può avvenire senza una seria discussione a Bruxelles e nelle capitali europee su come offrire una compensazione diretta alle famiglie più colpite.

“I sistemi di welfare e i meccanismi di sostegno sociale variano molto in Europa. A differenza degli Stati Uniti, l’UE non può distribuire assegni di stimolo diretto. È ingiusto dire che gli individui possono risolvere il cambiamento climatico cambiando il loro comportamento”, dice Bobinger.

Pollitt dell’università di Cambridge avverte che anche se i più poveri della società possono essere protetti dall’intervento dello Stato, le famiglie più agiate saranno alla fine costrette a pagare o a cambiare le loro abitudini.

“Raggiungere lo zero netto in un periodo di 30 anni è una transizione storica e i politici devono smettere di fingere che possa essere fatto gratuitamente”, dice. “I governi possono cercare di esentare i più poveri da tutti i costi, ma la classe media dovrà pagare”.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore