skip to Main Content

Cosa fa il governo per sbloccare l’eolico in Puglia, Sardegna e Basilicata

Eolico

L’attesa per le autorizzazioni è il principale ostacolo al progresso delle fonti rinnovabili, specialmente in Italia. L’articolo del Financial Times

Per anni, sei parchi eolici onshore che dovevano essere costruiti nelle pittoresche regioni italiane della Puglia, della Sardegna e della Basilicata sono rimasti bloccati in una serie di controversie burocratiche. Il Ministero della Cultura italiano sosteneva che la vista dei parchi eolici fosse un pugno nell’occhio. Il Ministero per la transizione ecologica ha reagito. Scrive il Financial Times.

L’ottenimento dell’autorizzazione per i parchi eolici in situazioni come questa può richiedere otto anni. A marzo, però, il più alto organo esecutivo italiano, il Consiglio dei Ministri, è intervenuto per ottenere le autorizzazioni. Roberto Cingolani, ministro italiano per la transizione ecologica, ha dichiarato che ciò evidenzia “l’impegno del governo per lo sviluppo di energia da fonti rinnovabili in tutto il Paese”.

Tutti gli Stati dell’UE si stanno accorgendo della necessità di aumentare l’energia da fonti rinnovabili, mentre si rendono conto dei pericoli legati alla dipendenza dal gas russo. Con la Russia che ha tagliato le forniture all’Occidente, in seguito all’opposizione all’invasione dell’Ucraina, il pensiero tradizionale di una transizione verso combustibili più puliti per combattere il cambiamento climatico è stato stravolto.

Il processo di passaggio dal carbone al gas alle fonti rinnovabili è diventato una questione di aumento della potenza del carbone per far superare ai cittadini l’inverno, puntando al contempo a una capacità di energia rinnovabile il più possibile elevata. Anche il nucleare è tornato in discussione per alcuni Paesi, anche per quelli storicamente contrari come la Germania.

Nelle proposte RePowerEU presentate a maggio, l’UE ha dichiarato di voler aumentare l’obiettivo già ampliato per le energie rinnovabili dal 32% della produzione totale di energia al 45% entro il 2030. Ma, nonostante i disperati tentativi di accelerare la produzione di energia pulita, gli ostacoli rimangono.

La crisi del gas “aumenta la motivazione e la determinazione” per le energie rinnovabili, afferma Graham Weale, professore di economia dell’energia all’Università della Ruhr di Bochum ed ex capo economista del produttore tedesco di energia RWE. “Ma, d’altro canto, aumentano i problemi di costo e così via, che ostacolano gli sviluppi proposti”. I nuovi obiettivi dell’UE in materia di energie rinnovabili, aggiunge, sono “cifre da favola”.

L’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili, un organismo intergovernativo con sede negli Emirati Arabi Uniti, ha registrato una crescita media della capacità dell’UE di parchi eolici onshore negli ultimi cinque anni pari a 8,3 GW, con un aumento massimo annuale di 9,9 GW. Per raggiungere l’obiettivo dell’UE, tuttavia, dovrebbero essere costruiti 26,8GW all’anno.

La storia è simile per i pannelli solari. La crescita media dell’UE negli ultimi cinque anni è stata di 13,7GW con un massimo raggiunto di 21,4GW. Ma l’obiettivo dell’UE richiede una crescita annuale di 55,4 GW.

L’attesa per le autorizzazioni è il principale ostacolo al progresso. La Commissione europea ha dichiarato che i progetti che richiedono mesi per essere costruiti possono impiegare fino a 10 anni per ricevere l’approvazione. La legislazione per accelerare il processo deve ancora essere adottata.

Nils Torvalds, membro del Parlamento europeo che sta lavorando alla Direttiva UE sulle energie rinnovabili, afferma che la lobby ambientalista può ostacolare la costruzione di parchi rinnovabili perché potrebbero danneggiare gli habitat naturali. “Tutti conoscono qualche piccola specie sull’orlo dell’estinzione e questa emotività rende difficile trovare soluzioni funzionanti”, afferma.

Nella fase di costruzione, i parchi devono affrontare grossi problemi di approvvigionamento. I pesanti aumenti dei prezzi dei materiali per le turbine eoliche e le celle fotovoltaiche sono in parte dovuti al ritardo di Covid in Cina, uno dei principali fornitori di componenti, e alla guerra in Ucraina.

L’ente industriale WindEurope afferma che il prezzo del legno di balsa necessario per le pale dei rotori è aumentato del 300% da febbraio. I prezzi dell’acciaio sono quasi raddoppiati e il costo del nichel, un bene necessario per la produzione dei componenti delle turbine, è aumentato del 35%.

Secondo Giles Dickson, direttore generale di WindEurope, i produttori di turbine eoliche hanno tipicamente firmato contratti a prezzi fissi con gli sviluppatori. Con pochi segnali di cessazione dell’aumento dei prezzi, però, questi sono diventati insostenibili.

La lentezza delle procedure di autorizzazione significa anche che gli sviluppatori stanno lottando per un numero limitato di siti disponibili: “Stanno competendo per una torta più piccola di quanto dovrebbero”, aggiunge Dickson. “Quindi i prezzi che si aggiudicano le aste non sono necessariamente i prezzi possibili per la produzione di turbine eoliche”.

In aprile, Sheri Hickok, direttore generale di GE Renewable Energy per l’eolico onshore, ha avvertito: “Abbiamo un mercato inflazionato che va oltre le previsioni dello scorso anno”. Ha notato che anche i fornitori stanno tagliando posti di lavoro. “Se il governo pensa che in un attimo la catena di approvvigionamento sarà in grado di girare e soddisfare una domanda due o tre volte superiore, non è ragionevole”.

Una volta costruiti i parchi eolici e solari, l’elemento finale è se la rete è pronta a gestire queste fonti di energia intermittenti. Laurent Schmitt, responsabile dei servizi di pubblica utilità presso la società di energia pulita Dcbel, afferma: “Sebbene finora le reti non abbiano rappresentato un grosso ostacolo all’integrazione delle fonti rinnovabili, dovremmo prevedere che diventeranno dei colli di bottiglia”.

Secondo Schmitt, è necessario investire maggiormente nella capacità di stoccaggio in prossimità delle fonti di energia pulita, come parte di uno sforzo più dinamico per sfruttare i benefici dell’energia solare ed eolica quando è disponibile.

Weale fa riferimento a una sentenza dell’Alta Corte di Giustizia tedesca che afferma che il governo deve fare di più per accelerare la transizione verde. Secondo Weale, potrebbero esserci ostacoli politici a un’introduzione più rapida delle energie rinnovabili, ma “qualsiasi problema può essere risolto gettando una grande quantità di denaro”.

Tuttavia, aggiunge che un investimento massiccio nelle energie rinnovabili per renderle un valido sostituto del gas russo rappresenterebbe una sfida a un principio fondamentale dell’UE: gli Stati membri non dovrebbero elargire enormi quantità di aiuti di Stato, per evitare di squilibrare la concorrenza leale nel mercato unico.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore