skip to Main Content

Decreto bollette, chi stronca il governo sulle rinnovabili

Anev

Anev, l’associazione dell’energia eolica, protesta contro il decreto del governo sul caro bollette, che taglia i ricavi dei produttori rinnovabili. “È come se per contrastare il Covid-19 si decidesse di colpire i vaccini”

 

L’Associazione nazionale energia del vento (ANEV), che riunisce gli operatori della filiera italiana dell’eolico, protesta contro la decisione del governo di tagliare i ricavi dei produttori energetici da fonti rinnovabili.

Rinnovabili, ecco perché le imprese strapazzano il decreto del governo

IL DECRETO SUL CARO BOLLETTE

Oggi il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto sui prezzi delle bollette dell’energia elettrica e del gas, aumentate anche nel primo trimestre del 2022 a causa principalmente degli alti prezzi – ormai da diversi mesi – del gas naturale, il combustibile più utilizzato per la generazione di elettricità.

La bozza del decreto, come riporta Energia Oltre, introduce un “meccanismo di compensazione” sul prezzo dell’energia prodotta dagli impianti rinnovabili, con l’obiettivo di ridurre gli oneri di sistema presenti in bolletta. Il meccanismo sarà attivo dal 1° febbraio al 31 dicembre 2022.

Prezzi alti dell’energia non sono un problema solamente per le famiglie ma anche per le imprese, in particolare quelle energivore, che stanno vedendo aumentare di molto le spese di produzione.

COSA DICE ANEV

Nel comunicato, ANEV scrive che “questa situazione di impennata dei costi energetici è […] causata dal crescente costo di produzione dell’energia da fonti fossili, in particolare dal gas, mentre le fonti rinnovabili per loro natura hanno un costo fisso di produzione, non bruciando combustibile”.

L’associazione pensa che il governo, piuttosto che tagliare la remunerazione ai produttori di energia rinnovabile, “sarebbe dovuto intervenire sia negli anni passati tramite la transizione energetica promessa e non attuata, sia tramite sistemi di approvvigionamento adeguati delle risorse necessarie”. E lamenta i ritardi nelle procedure di autorizzazione degli impianti energetici, “bloccate” – scrive – “dalle Sovrintendenze”.

Rinnovabili, ecco perché le imprese strapazzano il decreto del governo

“Al danno di non colpire chi è causa dell’aumento dei prezzi, cioè le fossili”, prosegue ANEV, “si aggiunga la beffa che invece viene colpito proprio chi questi costi contribuisce a ridurre; infatti le rinnovabili, e l’eolico in particolare, sono arrivati da alcuni anni a produrre energia elettrica a costi più bassi di quelli delle fossili, e in questo modo stanno facendo scendere il costo dell’energia elettrica nel nostro Paese”.

Secondo l’associazione, la proposta di penalizzare le rinnovabili e non il gas per la crisi dei prezzi dell’energia “è come se per contrastare il COVID-19 si decidesse di colpire i vaccini, le mascherine e gli ospedali”.

LA PROPOSTA DI ANEV

ANEV propone al governo di puntare sulle fonti rinnovabili “senza indugio” e di “scoraggiare l’utilizzo delle fonti fossili tagliando gli ingentissimi sussidi a loro riconosciuti”.

Rinnovabili, ecco perché le imprese strapazzano il decreto del governo

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore