Energia

Ecco la nuova mappa geopolitica aggiornata dell’Eni

di

mondo

Dove l’Eni produce petrolio e gas. Tutti i dettagli sui Paesi dove nel 2018 ha prodotto di più e dove ha prodotto di meno

Eni cresce nel mondo. Scopre nuovi giacimenti (in Egitto, Cipro, Norvegia, Angola, Nigeria, Messico ed Indonesia), li mette in produzione e aumenta il fatturato, come testimoniano i numeri diramati oggi dal gruppo italiano.

Nel 2018 la produzione di idrocarburi è cresciuta e si è attestata a 1.85 milioni di barili di olio equivalente al giorno (boe/g), +2,5% rispetto al 2017 a prezzi costanti, nonostante la penalizzazione dovuta alla minore domanda di gas in alcuni paesi del mondo.

Ecco tutti i dettagli.

LA PRODUZIONE DI IDROCARBURI

Scendendo nei particolari, la produzione di idrocarburi è cresciuta in Italia, da 134 mgl di boe/giorno del 2017 a 138 mgl di boe/giorno, e nel resto d’Europa da 189 mgl di boe/giorno del 2017 a 194 mgl di boe/giorno. Scende la produzione nell’Africa Settentrionale, da 483 a 396 mgl di boe/giorno, con l’Egitto che fa eccezione e che vede aumentare la produzione da 230 a 300 mgl di boe/giorno.

Buoni i numeri dell’Africa Sub-Sahariana che passano da 347 a 356 mgl di boe/giorno, così come quelli del Kazakhstan (da 132 a 143). Nel resto dell’Asia la produzione è cresciuta da 119 mgl di boe/giorno a 178 mgl di boe/giorno. Piccolo incremento anche in Australia e Oceania da 22 mgl di boe/giorno a 23 mgl di boe/giorno.

Diminuisce la produzione in America, che passa da 160 a 123 mgl di boe/giorno.

Le vendite sono aumentate da 622 mgl di boe/giorno del 2017 a 625 mgl di boe/giorno del 2018.

eni

LA PRODUZIONE DI PETROLIO

Guardando al petrolio e ai condensati, la produzione nell’anno chiusosi da poco è cresciuta di 37 mgl di boe/giorno, da 852 a 887 mgl di boe/giorno.

In Italia la produzione si è attestata a 60 mgl di boe/giorno (53 nel 2017), mentre nel resto d’Europa Eni ha prodotto 113 mgl di boe/giorno, contro i 102 del 2017.

Anche la produzione di petrolio cala, in generale, nell’Africa settentrionale (da161a 157 mgl di boe/giorno), con l’Egitto che fa eccezione ancora una volta (da 72 mgl di boe/giorno nel 2017 a 77 mgl di boe/giorno nel 2018). Scende anche la produzione nell’Africa Sub-Sahariana e in America, rispettivamente a 247 mgl di boe/giorno e 60 mgl di boe/giorno.

Bene il Kazakhstan, dove la produzione passa da 83 mgl di boe/giorno a 94 mgl di boe/giorno, e il resto dell’Asia, dove Eni ha prodotto nel 2018 77 mgl di boe/giorno. Stabile la produzione in Australia e Oceania: 2 mgl di boe/giorno.

LA PRODUZIONE DI GAS

La produzione di gas nel 2018 è stata pari a quella del 2017: 149 mgl di boe/giorno, numeri negativi in Italia (da 13 a 12 mgl di boe/giorno) e nel resto d’Europa (da 14 a 13 mgl di boe/giorno).

Diminuisce la produzione in Africa Settentrionale, da 50 mgl di boe/giorno nel 2017 a 37 mgl di boe/giorno nel 2018, con l’Egitto che si conferma Regione di fondamentale importanza per gli affari del Cane a Sei Zampe (la produzione di gas è cresciuta da 24 a 34 mgl di boe/giorno).

Cresce la produzione nell’Africa Sub-Sahariana (da 15 a 17 mgl di boe/giorno) e nel resto dell’Asia (da 10 a 16 mgl di boe/giorno), mentre resta stabile in Kazakhstan (7 mgl di boe/giorno) e in Australia e Oceania (3 mgl di boe/giorno). Cala la produzione in America: da 13 mgl di boe/giorno del 2017 a 10 mgl di boe/giorno del 2018.

LA VENDITA DI GAS NEL MONDO

Ed ora passiamo alla parte più interessante: quella degli affari, delle vendite. Il Cane a sei Zampe ha aumentato le vendite di gas in Italia (passate da 37,43 mld di metri cubi a 39,03) e nel resto del Mondo (da 5,17 a 8,26 mld di metri cubi).

Male, invece, se si guarda al resto d’Europa, dove Eni ha venduto “solo” 29,42 mld di metri cubi nel 2018, contro i 38,23 mld di metri cubi del 2017. Ha venduto meno gas in Germania/Austria, In Francia e nella Penisola Iberica.

UN 2018 POSITIVO

Il 2018 è stato un anno positivo per la società di Oil&gas: Eni ha chiuso l’anno appena passato con un utile netto pari a 4.226 milioni di euro, in rialzo del 25% rispetto al 2017, e un utile netto adjusted di 4.592 milioni di euro (+93%).

“Per quanto concerne il portafoglio esistente, abbiamo raddoppiato il risultato operativo ed il risultato netto in presenza di un prezzo Brent in Euro cresciuto solo del 25% rispetto al 2017. La cassa operativa è cresciuta del 35% consentendo, dedotti gli investimenti rimasti sostanzialmente costanti a riprova della disciplina adottata, di coprire l’esborso per dividendi pari a €3 miliardi e di ridurre di importo pressoché uguale il debito netto, sceso a €8,3 miliardi. Upstream ha conseguito la produzione giornaliera più alta di sempre, pari a 1,85 milioni di barili al giorno, un flusso di cassa per barile pari a 22,5 $ che anticipa l’obiettivo che ci eravamo posti per il 2022, e un rimpiazzo delle riserve certe ancora una volta superiore al 100%, per una media triennale del 131%”, ha commentato Claudio Descalzi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati