skip to Main Content

Diventeremo dipendenti dalla Cina per i pannelli solari?

Solare Cina

Cosa ha scritto l’Agenzia internazionale dell’energia in un report sul ruolo della Cina nella filiera dell’energia solare. L’approfondimento del Financial Times

L’Agenzia internazionale dell’energia ha avvertito che il dominio della Cina nella catena di fornitura dei pannelli solari potrebbe rallentare la transizione globale verso un’energia più pulita, scrive il Financial Times.

Un rapporto dell’AIE sull’argomento, il primo dell’organizzazione, ha rilevato che la quota della Cina nelle fasi di produzione del solare, dalla produzione di polisilicio ai pannelli stessi, supera l’80% e in alcune fasi potrebbe raggiungere il 95% entro il 2025.

“Il mondo dipenderà quasi completamente dalla Cina per la fornitura di elementi chiave per la produzione di pannelli solari fino al 2025”, afferma l’agenzia nel rapporto. “Questo livello di concentrazione in qualsiasi catena di approvvigionamento globale rappresenterebbe una notevole vulnerabilità”.

Il rapporto ha rilevato che i prezzi elevati delle materie prime e le strozzature esistenti nella catena di fornitura hanno già portato a un aumento del 20% dei prezzi dei pannelli nell’ultimo anno, con conseguenti ritardi nelle consegne in tutto il mondo.

“Uno dei motivi per cui abbiamo redatto questo rapporto è quello di evidenziare questa importante debolezza nella catena di approvvigionamento del solare fotovoltaico, per chiedere ai governi di diversificare e ridurre le vulnerabilità della catena di approvvigionamento”, ha dichiarato al Financial Times Fatih Birol, responsabile dell’AIE.

I rischi di una catena di fornitura di pannelli solari concentrata in Cina “non sono solo una questione geopolitica. Può trattarsi di un incendio nei principali impianti. Può trattarsi di inondazioni. L’interruzione [della filiera del solare fotovoltaico] ha implicazioni enormi per la nostra transizione verso l’energia pulita e la sicurezza energetica”, ha dichiarato Birol.

L’energia solare è un elemento chiave nello scenario dell’AIE che prevede il raggiungimento di emissioni nette zero entro il 2050. Questa fonte di energia dovrebbe rappresentare il 33% della produzione globale di elettricità entro quella data.

Un passaggio più rapido all’energia solare è una questione più urgente per l’Unione Europea, che deve liberarsi dalla dipendenza dal gas russo. Nell’ambito del piano “RePowerEU”, il blocco mira a installare più di 320GW di energia solare fotovoltaica entro il 2025 e quasi 600GW entro il 2030.

Birol ha già dichiarato al Financial Times che l’Europa deve prepararsi a un’interruzione totale delle esportazioni di gas russo.

I Paesi e i raggruppamenti come l’UE “devono avere politiche di investimento su misura” per stimolare gli investimenti nella produzione di pannelli solari e costruire le proprie catene di approvvigionamento, ha affermato Birol. Secondo il direttore dell’AIE, la Cina gode attualmente di un grande vantaggio nella produzione di pannelli solari, grazie ai minori costi energetici e di manodopera.

“Incentivi fiscali per i produttori, costruzione di impianti di produzione in cluster industriali per ridurre i costi dei terreni – queste potrebbero essere alcune politiche concrete e di rapida attuazione che potrebbero essere introdotte per fornire un vantaggio competitivo rispetto ai costi di produzione a basso costo in Cina”, ha detto Birol.

Il rapporto ha anche rilevato che la provincia cinese dello Xinjiang rappresenta il 40% della produzione globale di polisilicio. La Cina ha dovuto affrontare le accuse di diffuse violazioni dei diritti umani in quella regione e gli Stati Uniti, alla fine di giugno, hanno iniziato ad applicare un divieto sulle importazioni dalla regione, compresi i materiali per i pannelli solari.

Pur non menzionando il presunto uso del lavoro forzato nello Xinjiang, il rapporto afferma che il mondo deve “rafforzare la cooperazione internazionale per la creazione di standard chiari e trasparenti, tenendo conto dei criteri di sostenibilità ambientale e sociale”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore