skip to Main Content

Perché gli Esg sono sopravvalutati. Parola dell’Economist

Esg

Secondo l’Economist, la sigla Esg dovrebbe essere ridotta a una lettera sola: la “e” di “emissioni”. Ecco perché

Se siete il tipo di persona che non ama investire in aziende che inquinano il pianeta, maltrattano i lavoratori e infarciscono i loro consigli di amministrazione di compari, conoscerete senza dubbio una delle tendenze più calde della finanza: gli investimenti ambientali, sociali e di governance (esg). Si tratta di un tentativo di far funzionare meglio il capitalismo e di affrontare la grave minaccia rappresentata dal cambiamento climatico. Negli ultimi anni ha avuto un’impennata; i titani della gestione degli investimenti sostengono che più di un terzo dei loro asset, o 35 miliardi di dollari in totale, sono monitorati attraverso una lente esg o un’altra. È sulla bocca di capi e funzionari di tutto il mondo.

Potreste sperare che da tutto questo nascano grandi cose. Vi sbagliereste. Purtroppo queste tre lettere si sono trasformate in una parola d’ordine per il clamore e la polemica. I politici americani di destra accusano un “cartello del clima” per l’aumento dei prezzi alla pompa di benzina. Gli informatori accusano l’industria di “greenwashing”, ingannando i propri clienti. Aziende, da Goldman Sachs a Deutsche Bank, si trovano ad affrontare indagini normative. Come conclude il nostro rapporto speciale di questa settimana, sebbene l’esg sia spesso animato da buone intenzioni, è profondamente difettoso. Rischia di fissare obiettivi contraddittori per le aziende, di derubare i risparmiatori e di distrarre dal compito vitale di affrontare il cambiamento climatico. È un pasticcio che deve essere razionalizzato senza pietà – scrive The Economist.

Il termine esg risale al 2004. L’idea è che gli investitori debbano valutare le aziende non solo in base alle loro prestazioni commerciali, ma anche in base ai loro risultati ambientali e sociali e alla loro governance, in genere utilizzando punteggi numerici. Diverse forze l’hanno spinta a diventare un fenomeno di massa. Un numero maggiore di persone vuole investire in un modo che sia in linea con le loro preoccupazioni per il riscaldamento globale e l’ingiustizia. Un numero maggiore di aziende, tra cui una consociata dell’Economist, offre analisi di esg. Con i governi spesso bloccati, molti ritengono che le imprese debbano risolvere i problemi della società e servire tutti gli stakeholder, compresi i fornitori e i lavoratori, non solo gli azionisti. E poi c’è l’interesse personale di un’industria di gestione patrimoniale a cui non si guarda in bocca: la vendita di prodotti sostenibili le permette di fatturare di più, alleviando la lunga piaga del calo delle commissioni.

Purtroppo l’esg soffre di tre problemi fondamentali. In primo luogo, poiché raggruppa una serie vertiginosa di obiettivi, non fornisce una guida coerente agli investitori e alle aziende per effettuare i compromessi che sono inevitabili in qualsiasi società. Elon Musk di Tesla è un incubo per la governance aziendale, ma diffondendo le auto elettriche sta contribuendo ad affrontare il cambiamento climatico. La chiusura di un’impresa di estrazione del carbone è un bene per il clima, ma è terribile per i suoi fornitori e lavoratori. È davvero possibile costruire rapidamente un gran numero di parchi eolici senza danneggiare l’ecologia locale? Suggerendo che questi conflitti non esistono o possono essere facilmente risolti, l’esg favorisce l’illusione.

Il secondo problema dell’industria è che non è sincera sugli incentivi. Sostiene che un buon comportamento è più redditizio per le aziende e gli investitori. In realtà, se si riesce a sopportare lo stigma, è spesso molto redditizio per un’azienda esternalizzare i costi, come l’inquinamento, sulla società piuttosto che sostenerli direttamente. Di conseguenza, il legame tra virtù e performance finanziaria è sospetto. Infine, l’esg ha un problema di misurazione: i vari sistemi di punteggio presentano incongruenze notevoli e sono facilmente aggirabili. I rating del credito hanno una correlazione del 99% tra le varie agenzie di rating. Al contrario, i rating esg corrispondono a poco più della metà delle volte. Le aziende possono migliorare il loro punteggio esg vendendo le attività a un altro proprietario che continui a gestirle come prima.

Gli investitori sono sempre più scettici di fronte a queste frodi. Questo, insieme alle turbolenze dei mercati finanziari, sta rallentando l’afflusso di denaro nei fondi sostenibili. È quindi giunto il momento di ripensarci. Il primo passo consiste nel disaggregare le tre lettere: e, s e g. Più obiettivi ci sono da raggiungere, meno possibilità ci sono di centrare uno di essi. Per quanto riguarda la lettera s, in un’economia dinamica e decentralizzata le singole imprese prenderanno decisioni diverse sulla loro condotta sociale nel perseguimento di profitti a lungo termine nel rispetto della legge. Le imprese tecnologiche possono fare appello ai valori dei giovani dipendenti per trattenerli, mentre le imprese dei settori in declino possono essere costrette a licenziare. Non esiste un modello unico. L’arte della gestione, o g, è troppo sottile per essere catturata da una casella. Le aziende britanniche quotate in borsa hanno un elaborato codice di governance e prestazioni pessime.

È meglio concentrarsi semplicemente sulla e. Ma anche questo non è abbastanza preciso. L’ambiente è un termine onnicomprensivo, che include la biodiversità, la scarsità d’acqua e così via. Il pericolo di gran lunga più significativo è rappresentato dalle emissioni, in particolare quelle generate dalle industrie che producono carbonio. In parole povere, la e non dovrebbe indicare i fattori ambientali, ma solo le emissioni. Gli investitori e le autorità di regolamentazione stanno già spingendo per rendere più uniforme e universale la divulgazione delle emissioni da parte delle imprese. Più saranno standardizzate, più sarà facile valutare quali aziende sono grandi responsabili delle emissioni di carbonio e quali stanno facendo di più per ridurle. I gestori di fondi e le banche dovrebbero essere in grado di monitorare meglio le impronte di carbonio dei loro portafogli e se si riducono nel tempo.

Insostenibile

Una migliore informazione da sola aiuterà nella lotta contro il riscaldamento globale. Rivelando con maggiore precisione quali aziende inquinano, aiuterà il pubblico a capire cosa fa davvero la differenza per il clima. Un numero crescente di consumatori e investitori altruisti potrebbe scegliere di favorire le imprese pulite anche se ciò comporta un costo finanziario. E anche se oggi possono farla franca inquinando, molte aziende e investitori si aspettano che prima o poi arriverà una regolamentazione più severa sulle emissioni di carbonio e vogliono misurare i loro rischi e adattare i loro modelli di business.

Ma non bisogna sbagliare: un’azione governativa più severa è ora essenziale. Da tempo sosteniamo la necessità di aumentare i prezzi delle emissioni di carbonio per sfruttare il mercato e salvare il pianeta. Oggi i sistemi di tariffazione coprono il 23% delle emissioni globali, circa il doppio rispetto a cinque anni fa. Ma occorre fare molto di più, non da ultimo in America. È l’azione del governo, unita a una divulgazione chiara e coerente, che può salvare il pianeta, non un’abbreviazione che rischia di essere sinonimo di sciocchezze esagerate e superficiali.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore