Energia

Ecco cosa non va nelle piroette di Arcelor Mittal (ex Ilva)

di

Bentivogli

Nel nuovo piano industriale di Arcelor Mittal ci sono 3300 esuberi già nel 2020 e non solo. Tutte le critiche nell’intervento di Marco Bentivogli, segretario generale Fim-Cisl, sull’ex Ilva

 

Come sempre siamo gli ultimi a conoscere i contenuti dei piani industriali ma i primi a pagarne il conto.

Arcelor Mittal Italia ha presentato ieri sera ai ministeri dell’Economia, dello Sviluppo economico e del Lavoro il nuovo piano industriale.

Da alcune indiscrezioni, si apprende che il piano presentato non sarebbe lontano dall’accordo raggiunto a marzo scorso al Tribunale di Milano, quando si chiuse il contenzioso tra Ilva in amministrazione straordinaria e Arcelor Mittal.

Accordo mai concordato con il sindacato a marzo e che prevede di risalire nel 2025, alla produzione di 8 milioni di tonnellate da farsi anche attraverso forno elettrico, e non solo altoforno.

Non sono accettabili gli esuberi dichiarati intorno alle 3300 unità e una produzione che si assesterebbe intorno ai 6 milioni di tonnellate annue. ArcelorMittal avrebbe fatto presente che lo scenario, rispetto all’accordo di marzo, è profondamente cambiato a causa del lockdown.

Ottimo alibi per ritardare ancora la ripartenza dell’Afo5 e continuare a smantellare lo stabilimento e a non proseguire le opere ambientali. Nel frattempo, nell’indotto non si pagano stipendi da mesi e in molti casi non arrivano le risorse degli ammortizzatori sociali.

L’accordo del 6 settembre 2018 prevedeva zero esuberi e 8 mln di tonnellate nel 2023.

Ora, esuberi, Cassa Integrazione e ritardi negli investimenti e i 10.700 al lavoro nel 2025 sono solo teorici e senza nessuna consistenza.

Complimenti a chi ha tolto lo scudo penale dalla scorsa estate e ha dato un ottimo alibi all’azienda per disimpegnarsi.

+++

+++

Articolo della redazione di Start Magazine

Gli accordi siglati il 4 marzo prevedevano da parte della società la garanzia di mantenere i livelli occupazionali di 10.700 posti, in linea con gli impegni del settembre 2018 siglati con Governo e Sindacati. Quello di settembre è il solo accordo che i sindacati riconoscono e che si traduce nei fatti in zero esuberi “Se Mittal ha deciso di andarsene se ne andasse e la finiamo qui” – scandisce il ministro Patuanelli non nascondendo irritazione “Troviamo il modo per farlo andar via. ci sono delle clausole, delle penali che lo rendono possibile” dice in un’intervista mattutina a Radio anch’io dopo aver ribadito che pur comprendendo le difficoltà della filiera, il Governo considera i tagli “inaccettabili”. Patuanelli è pessimista: “Do’ ormai per scontato che arriverà un piano che non è assolutamente in linea con quanto abbiamo discusso per mesi fino a marzo e con quanto si aspetta il governo” ammette. A non avere fiducia in Mittal c’è anche l’indotto. La ditta d’appalto Ferplast ha ritirato i lavoratori dallo stabilimento siderurgico di Taranto. Si tratta di un’azienda con oltre 200 addetti tra contratto a termine e a tempo indeterminato, lamentando una ‘situazione insostenibile’ che riguarda i pagamenti: “hanno promesso un acconto che non è mai arrivato”. Patuanelli, uno dei ministri di punta del M5S non nasconde che preferirebbe avere le mani libere sull’Ilva di Taranto per mettere a punto il suo piano nazionale strategico dell’acciaio, annunciato nei giorni scorsi, una piano che porti tutta la filiera a una rivoluzione eco-sostenibile, già intrapresa da altre acciaierie come Arvedi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati