skip to Main Content

Energie Rinnovabili

Quanto costerà davvero la transizione energetica. Report Ft

Secondo il Fondo monetario internazionale, sarà possibile decarbonizzare l'economia globale senza mettere in crisi le finanze pubbliche. Ma è davvero così? L'articolo del Financial Times.

Nell’utopica visione delle promesse net zero, dal 2035 non ci saranno più nuove auto a benzina sulle strade dell’UE, l’industria americana funzionerà a idrogeno verde, le fattorie eoliche turbineranno nel Mare del Nord e l’energia solare porterà a tutti gli africani energia a prezzi accessibili. Scrive il Financial Times.

Il FMI sostiene che tutto questo potrà essere realizzato senza mettere a dura prova le finanze pubbliche.

Le stime del suo staff, presentate in una recente conferenza, suggeriscono che la cooperazione sulla decarbonizzazione potrebbe garantire ai Paesi di raggiungere i loro obiettivi di zero netto con un costo economico complessivo di appena lo 0,5% del PIL mondiale previsto per il 2030. Per la maggior parte dei Paesi, l’impatto fiscale sarebbe positivo o neutro entro la fine del decennio in corso, anche se alcuni subirebbero perdite in seguito.

LE STIME DEL FMI E GLI OSTACOLI ECONOMICI ALLA DECARBONIZZAZIONE

Prendendo in parola il Fondo, il raggiungimento dello zero netto appare “del tutto fattibile e sorprendentemente economico”, ha affermato Luis Garicano, professore della London School of Economics ed ex membro del Parlamento europeo.

Ma c’è un ostacolo. Le stime del FMI presuppongono un accordo globale per fissare un prezzo o una tassa sul carbonio e ridistribuire i proventi ai Paesi in via di sviluppo, eliminando anche gli attuali sussidi per i combustibili fossili.

La realtà dei tentativi dei Paesi di decarbonizzare le loro economie è ben lontana da queste ipotesi.

Meno di un quarto delle emissioni globali è attualmente coperto da una tassa o da un prezzo sul carbonio, mentre gli impegni dei governi nei confronti degli obiettivi verdi sono sempre più a rischio. “Lo scenario del FMI è auspicabile, ma non si realizzerà”, ha dichiarato Jean Pisani-Ferry, professore a Sciences Po.

La conseguenza, ha affermato Helen Miller, vicedirettore dell’Institute for Fiscal Studies del Regno Unito, è che quando si tratterà di raggiungere lo zero netto, i legislatori potrebbero optare per soluzioni politicamente convenienti ma economicamente meno efficienti.

A QUANTO AMMONTERANNO GLI INVESTIMENTI

Secondo una stima ragionevole, l’entità dei finanziamenti necessari per raggiungere lo zero netto è enorme. Nel 2021, l’Agenzia Internazionale dell’Energia ha calcolato che gli investimenti annuali dovrebbero passare da 2 milioni di dollari a quasi 5 milioni di dollari, pari al 2,5% del PIL mondiale, entro il 2030. Nel 2050 il totale sarebbe ancora di 4,5 milioni di dollari.

Lord Nicholas Stern, presidente dell’istituto Grantham della London School of Economics ed ex capo economista della Banca Mondiale, ritiene che siano necessari altri 3 milioni di dollari all’anno, per un totale di 100 milioni di dollari in 30 o 40 anni, per incrementare le energie rinnovabili, elettrificare i sistemi di trasporto, decarbonizzare il riscaldamento e il raffreddamento degli edifici e promuovere l’idrogeno verde.

Gli economisti concordano sul fatto che la maggior parte di questi investimenti deve provenire dal settore privato. “Alcune stime sulla transizione verso il cambiamento climatico sono stratosferiche”, ha dichiarato Mahmood Pradhan, responsabile della macroeconomia globale dell’Amundi Institute. “Le richieste di un’economia a zero emissioni sono troppo elevate [per essere soddisfatte dai soli governi]: devono provenire dal settore privato”.

Ma i governi stanno già spendendo centinaia di miliardi per incentivi e sussidi alle imprese e alle famiglie, per la ricerca e l’innovazione e per le infrastrutture pubbliche, dalle reti elettriche alle difese contro le inondazioni, fino alle piste ciclabili.

BASTERÀ LA TASSA SUL CARBONIO?

Nel frattempo, le entrate derivanti dalle tasse sul carbonio – se riusciranno a ridurre le emissioni – potrebbero non compensare la perdita di entrate che i governi ricevono attraverso le imposte sui carburanti.

“Anche se dovessero avere successo – e questo potrebbe essere di per sé un bene – non raccoglieranno molto”, ha dichiarato Judith Freedman, docente di diritto tributario all’Università di Oxford.

Una nuova modellizzazione dell’OCSE, basata su un mix di politiche più vicine alla realtà attuale, indica un costo fiscale più elevato rispetto alle proiezioni del FMI. A livello globale, le entrate pubbliche nette diminuiscono dello 0,4% del PIL nel 2030 e dell’1,8% nel 2050.

I costi fiscali varierebbero a seconda delle regioni, risultando più bassi laddove i governi si affidano maggiormente alla regolamentazione per ridurre le emissioni e salendo al 3,4% del PIL nelle Americhe, a causa dei generosi sussidi statunitensi contenuti in leggi come l’Inflation Reduction Act.

“Bisogna tenere conto dell’entità della trasformazione necessaria”, ha dichiarato Shardul Agrawala, responsabile della divisione per l’integrazione dell’ambiente e dell’economia dell’OCSE. “Non dovremmo presentare le cose come un pranzo gratis”.

Una grande incertezza è se gli investimenti verdi sostituiranno altri investimenti che potrebbero, nel breve termine, aver fatto di più per aumentare la produttività – o se saranno complementari, iniettando energia in economie mature che soffrono di una crescita lenta.

Stern ha sostenuto che, sebbene vi siano sfide significative per la spesa pubblica, gli investimenti verdi si ripagheranno ampiamente nel tempo, soprattutto se si tiene conto dei guadagni in termini di benessere, come una migliore qualità dell’aria, per le generazioni future.

“Viviamo ancora in un mondo in cui il risparmio programmato è superiore agli investimenti programmati”, ha affermato. “Questa è la storia di crescita del 21° secolo”.

Tuttavia, i pochi Paesi che hanno fatto i propri calcoli sui probabili costi della transizione verde prevedono un impatto maggiore rispetto al FMI.

L’Office for Budget Responsibility del Regno Unito ha dichiarato nel 2021 che il raggiungimento dello zero netto comporterebbe un aumento del debito pari al 21% del PIL entro il 2050, con la perdita dell’imposta sui carburanti che rappresenterebbe il costo maggiore.

Pisani-Ferry, che ha guidato un recente rapporto per il governo francese, ha stimato che potrebbe aggiungere fino a 25 punti percentuali di PIL al debito pubblico entro il 2040.

L’IMPATTO SULLE FAMIGLIE

Questa cifra più alta è in parte dovuta al fatto che i contribuenti probabilmente si faranno carico di una parte maggiore dei costi in un Paese in cui lo Stato svolge tradizionalmente un ruolo maggiore.

Pisani-Ferry ritiene inoltre che i governi abbiano sottovalutato la misura in cui dovranno aiutare le famiglie. Per i francesi con un reddito medio, l’installazione di un sistema di riscaldamento più ecologico costerebbe un anno di guadagni, ha osservato, aggiungendo: “È troppo ipotizzare che ciò avvenga senza un significativo sostegno pubblico”.

Il mantra è “nessun prestito aggiuntivo, nessuna ulteriore tassazione”, ha detto Pisani-Ferry. “Non vedo ancora come questo possa essere considerato”.

Senza nuove fonti di reddito, i governi dovrebbero valutare se un maggiore indebitamento pubblico possa finanziare la transizione verde – una richiesta importante se si considera l’impennata dei costi di indebitamento e la necessità di maggiori spese in altri settori, dalla difesa alle pensioni e alla sanità, con l’invecchiamento della popolazione.

Tuttavia, il conto per raggiungere lo zero netto deve essere saldato, non importa quanto sia alto. “Il vero metro di misura è: qual è il costo dell’inazione?”, ha detto Agrawala.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top