Advertisement
skip to Main Content

Così il cambiamento climatico minaccia la sicurezza nazionale Usa (e di tutto il mondo)

Cambiamento Climatico

Il Wsj analizza il rapporto dell’intelligence americana in cui il cambiamento climatico viene ritratto come il nuovo campo di battaglia geopolitico

 

L’aumento delle temperature globali pone un rischio crescente per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, mentre le nazioni si scontrano su chi pagherà per i costi del cambiamento climatico, si muovono per avere un vantaggio in un Artico che si scioglie e sono alle prese con effetti come la siccità e le migrazioni. È quanto sostiene un nuovo rapporto di intelligence degli Stati Uniti.

Il National Intelligence Estimate è il primo rapporto di questo genere a guardare il legame tra cambiamento climatico e sicurezza nazionale. Prevede che le nazioni non riusciranno a rispettare i loro impegni di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi Celsius, superando tale limite intorno al 2030.

Il rapporto ritrae il cambiamento climatico come un nuovo campo di battaglia geopolitico, scrive il Wsj.

Le nazioni più povere, colpite in modo sproporzionato, chiederanno aiuto a quelle più ricche. La Cina, il più grande paese per emissioni di gas serra, e l’India, il quarto più grande, lotteranno per liberarsi dalla combustione del carbone. Alcuni paesi potrebbero unilateralmente impiegare tecnologie di geoingegneria per raffreddare i loro climi, scatenando conflitti.

Con i paesi alle prese con l’aumento delle temperature, “pensiamo che il rischio di tensioni geopolitiche aumenterà nei prossimi anni”, ha detto un funzionario dell’intelligence statunitense coinvolto nella stesura del rapporto.

Il rapporto è stato ordinato dal presidente Biden a gennaio ed è stato prodotto dall’Ufficio del direttore dell’intelligence nazionale. La versione declassificata rilasciata giovedì proietta le tendenze fino all’anno 2040 e si basa su “l’ampio consenso degli studi scientifici, la modellazione e le previsioni” del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, la valutazione nazionale del clima degli Stati Uniti e le agenzie governative statunitensi.

“Siamo consapevoli, ma in questa stima non facciamo affidamento su una piccola minoranza di prospettive scientifiche sul cambiamento climatico che vanno da coloro che lo considerano inesistente a quelli che lo vedono come una minaccia esistenziale a breve termine per l’umanità”, dice il documento.

La valutazione dell’intelligence arriva prima della conferenza internazionale sul riscaldamento globale che avrà luogo a Glasgow, in Scozia, il 31 ottobre.

“Lo slancio globale sta crescendo per una più ambiziosa riduzione delle emissioni di gas serra, ma le attuali politiche e impegni sono insufficienti per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi”, dice il rapporto, riferendosi agli accordi raggiunti nel 2015. “I paesi stanno discutendo su chi dovrebbe agire prima e competere per controllare la crescente transizione energetica pulita”.

Biden si è impegnato a rendere il cambiamento climatico un tema più centrale nella politica estera degli Stati Uniti. La sua amministrazione giovedì ha anche rilasciato un rapporto del Pentagono sui rischi strategici posti dal cambiamento climatico e ha detto che stava creando un gruppo di lavoro inter-agenzia per mitigare gli impatti del cambiamento climatico sulla migrazione umana.

Il rapporto dell’intelligence sostiene che due regioni – le isole del Pacifico e l’Africa centrale – sono particolarmente vulnerabili agli effetti dell’aumento delle temperature, così come 11 paesi al di fuori di queste regioni: Guatemala, Honduras, Nicaragua, Colombia, Haiti, Corea del Nord, Iraq, Afghanistan, Pakistan, India e Myanmar.

Mentre questi paesi chiederanno un aiuto esterno, alcuni governi come quello della Russia e gli Stati del Medio Oriente che dipendono dalle esportazioni di combustibili fossili per i loro bilanci “continueranno a resistere a una rapida transizione verso un mondo a zero carbonio perché temono i costi economici, politici e geopolitici”, afferma il rapporto.

La competizione globale crescerà anche sull’accesso ai minerali e alle tecnologie necessarie per produrre energia rinnovabile. La Cina è in una posizione forte per competere, prosegue il documento, dato che controlla più della metà della capacità globale di elaborazione di tali minerali, compresi i minerali di terre rare utilizzati nelle turbine eoliche e altri usati nelle batterie dei veicoli elettrici.

Le nazioni artiche e non artiche aumenteranno la loro concorrenza in quella regione, poiché lo scioglimento del ghiaccio marino ne apre l’accesso, si legge nel rapporto. “La concorrenza sarà in gran parte economica, ma il rischio di errori di calcolo aumenterà modestamente entro il 2040, poiché l’attività commerciale e militare cresce e le opportunità sono più contese”.

Il rapporto è l’ultimo rilasciato dalla comunità di intelligence degli Stati Uniti che si occupa di complesse questioni scientifiche. Altri hanno trattato le origini della pandemia Covid-19 e misteriosi oggetti volanti conosciuti come “fenomeni aerei non identificati”.

Il funzionario dell’intelligence statunitense ha riconosciuto che c’è stato un dibattito sul fatto che il cambiamento climatico sia una questione rilevante per le agenzie di spionaggio degli Stati Uniti. “Le opinioni sono cambiate – ha detto – penso che ci sia una crescente sensazione che il cambiamento climatico rappresenti una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti in tutto il mondo”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore