skip to Main Content

Perché le aziende minerarie si fanno la guerra sul nichel. Report Ft

Nichel

Cosa scrive il Financial Times sulla battaglia per il nichel tra BHP e Wyloo Metals

Nel remoto Ontario settentrionale, a centinaia di chilometri dalla più vicina ferrovia o strada asfaltata, il più grande gruppo minerario del mondo e un magnate australiano dei metalli sono in una guerra di rilanci per un deposito contenente milioni di tonnellate di nichel, riporta il Financial Times.

La battaglia tra BHP e Wyloo Metals di Andrew Forrest per la conquista della Noront Resources, arriva mentre i minatori corrono per soddisfare l’aumento della domanda di metalli per batterie, dovuto al diffondersi dei veicoli elettrici.

La domanda di nichel, che è usato nelle batterie delle auto elettriche più potenti e diverrà la chiave di volta per veicoli più grandi come i camion elettrici, è destinata a crescere di 19 volte entro il 2040, qualora il mondo riesca a raggiungere gli obiettivi climatici di Parigi, secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia.

Tuttavia, la maggior parte dell’aumento dell’offerta in questo decennio è destinata a provenire dall’Indonesia, un mercato alimentato in modo preponderante da elettricità alimentata a carbone, dove le aziende cinesi stanno costruendo progetti di lavorazione del nichel.

Questo ha provocato una corsa per assicurarsi nuove fonti di approvvigionamento, dato che le aziende delle nazioni ricche sono costrette a ridurre drasticamente le loro impronte di carbonio.

L’australiano IGO ha affermato il mese scorso che era in trattiva preliminare per quanto concerne l’acquisizione di Western Areas, mentre Rio Tinto ha sostenuto una miniera di nichel negli Stati Uniti sviluppata da Talon Metals. PolyMet, controllata da Glencore, sta sviluppando un grande progetto di rame e nichel in Minnesota.

Possiamo notare un aumento delle fusioni e acquisizioni nel settore del nichel che è guidato dal bisogno tanto di nichel sostenibile, quanto di quello al di fuori della catena di approvvigionamento cinese”, ha detto Steven Brown, un consulente di nichel. “C’è stata un po’ di geopolitica che ha influenzato questo processo – la gente sta cercando di de-rischiare la catena di approvvigionamento riducendo la dipendenza da un paese”.

L’offerta di BHP per Noront il 27 luglio faceva parte degli sforzi dell’amministratore delegato Mike Henry per ottenere una maggiore esposizione ai “metalli del futuro”, dopo la decisione dell’azienda di vendere le sue attività petrolifere il mese scorso.

Ma Wyloo Metals, una società creata da Forrest, che possiede già il 24% di Noront, ha replicato la settimana scorsa con un’offerta del 27% più alta di quella di BHP (325 milioni di dollari).

Come abbiamo dimostrato fin dal primo giorno di questo processo, Wyloo Metals è pienamente impegnata a lavorare rapidamente e in modo collaborativo per formalizzare una proposta superiore vincolante a beneficio degli azionisti di Noront”, ha detto Luca Giacovazzi, capo di Wyloo.

Le azioni di Noront sono salite del 146 per cento dall’offerta di BHP, arrivando a scambiare a 0,80 centesimi di dollari.

Alan Coutts, amministratore delegato di Noront, ha dichiarato che la sostenibilità della miniera era un fattore chiave dietro l’interesse dell’acquisizione. L’azienda prevede di smaltire i suoi scarti “tailings” sottoterra, piuttosto che dietro una diga sulla terraferma, e si affida anche all’energia idroelettrica e nucleare piuttosto che al carbone.

“Penso che la provenienza sia importante, e l’Ontario è una giurisdizione molto attraente, perché la rete elettrica non dipende dal carbonio in nessuna forma – tutte le centrali a carbone sono state dismesse”, ha detto. “Questo dà un vantaggio competitivo”.

Coutts ha dichiarato che il governo provinciale si è impegnato a costruire una strada di 300 km verso il deposito di Eagle Nest, in consultazione con un certo numero di comunità delle Prime Nazioni. Ha detto che si aspetta che la strada sia costruita entro il 2027.

Le compagnie automobilistiche sono disposte a pagare un premio per il nichel prodotto in modo sostenibile fuori dall’Indonesia, dicono gli analisti. Dal 2024 l’UE ha proposto che solo le batterie con la dichiarazione dell’impronta di carbonio possano essere vendute in Europa, rendendo difficile per loro fare affidamento sulla fornitura indonesiana.

Tesla ha già firmato accordi per comprare nichel da BHP in Australia, Vale in Canada e un consorzio sostenuto da Trafigura in Nuova Caledonia. Mentre, la compagnia coreana di batterie LG Chem ha firmato un accordo il mese scorso per comprare nichel per sei anni da Australian Mines, che sta sviluppando un progetto nel Queensland settentrionale.

L’amministrazione di Joe Biden è anche desiderosa di sviluppare una filiera nordamericana per minerali come il nichel, ha detto Henri van Rooyen, amministratore delegato di Talon Metals. Al momento l’unico nichel prodotto negli Stati Uniti viene inviato in Cina per entrare nella catena di approvvigionamento delle batterie, ha aggiunto.

Ma le compagnie minerarie occidentali lotteranno per competere con il volume di nichel proveniente dall’Indonesia, secondo Jim Lennon, un analista di Macquarie che prevede che l’offerta indonesiana costituirà il 60% dell’offerta globale entro il 2027, dal 30-40% di oggi.

“La differenza è che la Cina sta effettivamente costruendo tali impianti, mentre praticamente nessuno dei progetti al di fuori di quest’ultima è in costruzione”, ha detto. “Questi progetti sono parte della soluzione di fornitura, ma il grosso della fornitura verrà dall’Indonesia. Non c’è alternativa”.

Brown ha affermato che le aziende cinesi coinvolte nei progetti indonesiani, tra cui il produttore di acciaio inossidabile Tsingshan e il produttore di cobalto Huayou Cobalt, ripulirebbero anche le loro operazioni e passerebbero alle energie rinnovabili se ciò fosse richiesto dai clienti.

“Non è impossibile che i produttori indonesiani si muovano verso un prodotto più verde”, ha detto. “Una volta che lo faranno, questo green premium scomparirà”.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore