Advertisement skip to Main Content

Cina

La Cina sta riuscendo ad abbattere le emissioni? Report Le Monde

Grazie alle massicce installazioni di energie rinnovabili e alla crisi economica, la Cina potrebbe raggiungere il picco delle emissioni - le più alte al mondo - prima del previsto. Ma le incognite non mancano. L'articolo di Le Monde.

La Cina, il più grande inquinatore del mondo è in procinto di ridurre in modo duraturo le sue emissioni di CO2? Mentre il Paese installa pannelli solari e turbine eoliche a ritmo frenetico, questa è l’ipotesi avanzata da un ricercatore, che nota come le emissioni cinesi siano scese del 3% a marzo, dopo quattordici mesi consecutivi di aumenti in seguito alla revoca delle restrizioni legate alla pandemia.

L’esperto Lauri Myllyvirta, cofondatore del Clean Air and Energy Research Centre e attualmente associato all’Asia Society’s China and Climate Research Institute, ritiene che se questo slancio verrà mantenuto, la Cina potrebbe vedere le sue emissioni diminuire nel 2024 rispetto all’anno precedente.

“La Cina ha certamente la capacità di superare il suo picco ora, se mantiene le giuste scelte politiche e continua ad aggiungere tanta energia pulita come ha fatto l’anno scorso”, afferma Myllyvirta. Pechino supererebbe così di sei anni l’impegno di ridurre le proprie emissioni di CO2 “prima del 2030”. La traiettoria dell’economia cinese nei prossimi mesi sarà decisiva per determinare il superamento di questa pietra miliare, che sarebbe una notizia incoraggiante in un mondo di disastri climatici.

La Cina tra crisi economica e crescita delle rinnovabili

Sia gli sforzi della Cina nelle nuove energie che il rallentamento dei settori tradizionali della sua economia (immobiliare, industria pesante) hanno reso possibile questo progresso. Le cosiddette energie pulite sono diventate un motore di crescita fondamentale, spingendo la Cina, che installa più della metà della capacità mondiale, ad accelerare ulteriormente. I campi di pannelli solari e i parchi eolici si moltiplicano. In un Paese ancora dipendente dal carbone, questa spinta sta consentendo di ridurre la quota dei combustibili fossili nella produzione di elettricità dal 67,4% nel marzo 2023 al 63,6% nel marzo 2024, in un momento in cui la domanda è in aumento.

Il Paese ha installato 21 gigawatt (GW) di pannelli solari nel 2023, più del totale cumulativo degli Stati Uniti. Di conseguenza, quest’anno il Paese si appresta a superare l’obiettivo di 1.200 GW di capacità solare ed eolica per il 2030. L’Unione Europea, a titolo di confronto, è attualmente vicina ai 480 GW di energia eolica e solare.

Mercato immobiliare in crisi

La traiettoria delle emissioni della Cina beneficia anche delle difficoltà del Paese. Il mercato immobiliare è in crisi, con pesanti ripercussioni sulle famiglie della classe media che avevano investito i loro risparmi in un appartamento, ma allo stesso tempo sta frenando i settori altamente inquinanti. A marzo la produzione di acciaio è calata dell’8% e quella di cemento del 22%.

Tuttavia, molti osservatori cinesi sono cauti. Le autorità stanno cercando di adottare misure per stabilizzare il mercato immobiliare e hanno fissato un obiettivo di crescita del PIL del 5%, che dovrebbe garantire un certo livello di occupazione, soprattutto per i giovani.

Pechino sta bilanciando queste diverse priorità. “La Cina sta installando il 20% in più di energie rinnovabili ogni anno, ma ci sono anche molte incognite economiche. Quindi stabilire ora una data per il picco delle emissioni sarebbe piuttosto speculativo. Ecco perché il governo si attiene alla formula ‘prima del 2030′”, spiega Lin Boqiang, preside dell’Istituto di studi sulle politiche energetiche dell’Università di Xiamen, sulla costa sud-orientale della Cina.

La traiettoria delle emissioni una volta superato il picco è un’altra incognita, poiché le emissioni cinesi raggiungeranno un livello molto elevato. “Ci sono infatti due domande: quando la Cina raggiungerà il picco e a quale livello riuscirà poi a scendere? Perché, se in seguito rimarrà su un altopiano, sarà stato davvero importante accogliere il picco?”, si chiede Hu Min, direttore dell’Institute for Global Decarbonisation di Pechino.

Transizione energetica, futuro economico

I leader cinesi hanno fatto dell’economia di transizione una priorità. Si rendono conto che essere all’avanguardia nell’installazione di energie rinnovabili non solo permette al Paese di fare la sua parte nella lotta al riscaldamento globale, ma anche di creare nuovi posti di lavoro e di assumere una certa leadership politica su questo tema, nonostante il fatto che la Cina sia anche il più grande emettitore al mondo, con un terzo delle emissioni di CO2 per poco meno del 18% della popolazione mondiale. Gli attuali successi stanno rassicurando i leader politici sul fatto che la transizione energetica è anche il futuro economico.

Ma ci sono altri fattori in gioco. La guerra in Ucraina e le tensioni in Medio Oriente hanno fornito alla Cina nuovi esempi dei rischi che la geopolitica può comportare per le forniture di petrolio e gas. Il carbone, di cui la Cina è ricca, rimane una scommessa sicura. Il numero crescente di stagioni di siccità, come quella vissuta nel 2022, con fiumi a livelli estremamente bassi per le dighe idroelettriche e famiglie che si affrettano ad acquistare condizionatori d’aria per aumentare la domanda, ha anche sottolineato la necessità di fonti costanti. Ancora una volta, nonostante i suoi effetti nocivi, il carbone è servito a qualcosa.

D’altra parte, il ruolo crescente dell’energia solare ed eolica in Cina ha paradossalmente spinto i politici locali ad accelerare la costruzione di centrali termiche. Queste fonti sono volubili; per bilanciarle è necessario installare grandi capacità di stoccaggio, cosa che il Paese ha iniziato a fare, ma le centrali a carbone aiutano a compensare e a garantire ai governi locali una capacità sufficiente prima del declino. La Cina avrebbe avviato la costruzione di 70,2 GW di nuove centrali a carbone entro il 2023.

Prima di fare annunci trionfali, Pechino guarda a ciò che fanno gli altri: perché costringersi a farlo con il rischio di rinnegare in seguito se i suoi concorrenti non seguono l’esempio? Pechino osserva con attenzione le elezioni americane di novembre, con la possibilità che Donald Trump, se tornerà alla presidenza, indebolisca gli impegni americani. La Cina passerebbe da allievo cattivo a buono, ma non sarebbe spinta a fare di più. Ma Jun, fondatore dell’Institute of Public and Environmental Affairs, una ONG cinese, osserva: “La misura in cui gli altri mantengono i loro impegni è un fattore importante. La Cina ha investito così tanto che non tornerà indietro sui suoi impegni. Ma lo sforzo globale ha molto a che fare con la sua determinazione”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)
Back To Top