Advertisement
skip to Main Content

Chi godrà di più per gli accordi energetici della Russia con la Cina? Analisi Ft

Cina Russia

Mosca ha molta influenza sull’Europa come fornitore di gas, ma un’eccessiva dipendenza da Pechino comporta rischi strategici a lungo termine. L’analisi del Financial Times

 

La crisi energetica simultanea in Europa e in Cina – i due maggiori mercati per gli idrocarburi russi – ha fornito a Mosca l’opportunità di concludere un nuovo lucrativo accordo sul gas con Pechino.

L’accordo permetterà alla Russia di vendere gas alla Cina dagli stessi giacimenti che riforniscono i suoi clienti europei. Questo rappresenta una sfida per la sicurezza energetica dell’Unione europea.

Tuttavia, nel tempo, una crescente dipendenza dal mercato cinese creerà sfide anche per il Cremlino, se vuole evitare una dipendenza unilaterale da Pechino. Scrive il Financial Times.

Con i prezzi del gas alle stelle in Europa, il Cremlino ha dimostrato ancora una volta quanta leva abbia sul mercato energetico europeo. Ciò rimane vero nonostante le battute d’arresto temporanee per Mosca, come la decisione di questa settimana del regolatore energetico tedesco di sospendere la certificazione del controverso gasdotto Nord Stream 2. La mossa di Berlino ha immediatamente fatto salire i prezzi del gas in Europa del 15%.

È vero, l’interruzione potrebbe essere di breve durata, dato che Nord Stream 2 è già impegnato a soddisfare i requisiti del regolatore. Ma Mosca sa anche che, nel lungo periodo, le capitali dell’Ue faranno sforzi congiunti per limitare l’influenza di Gazprom, il gruppo energetico statale russo, in Europa. Per mantenere la leva del gas della Russia in Europa, quindi, e per capitalizzare le enormi riserve di gas del paese fino a quando potranno essere monetizzate, il presidente Vladimir Putin guarda verso Pechino.

Gazprom ha annunciato che sta concludendo un accordo su un gasdotto dalla Siberia alla Cina. Power of Siberia 2, nome del progetto, dovrebbe essere approvato all’inizio del prossimo anno.

Il Cremlino sa che deve cogliere l’opportunità dall’attuale crisi energetica in Cina. Pechino vede il gas naturale come parte della risposta per trasformare la sua economia dipendente dal carbone in un futuro decarbonizzato.

Nel prossimo decennio, la Cina intende raddoppiare sua capacità di generazione di gas a circa 200 gigawatt, quindi Gazprom ha una finestra temporale per entrare nel mercato. La crisi energetica sta creando un senso di urgenza a Pechino. Mosca è ansiosa di capitalizzare la crescente ossessione della Cina per la sicurezza energetica e la sua preferenza per un oleodotto da uno Stato amico su rotte marittime vulnerabili pattugliate da navi da guerra statunitensi.

A differenza dell’attuale gasdotto Power of Siberia, che è stato concordato da Putin e dal presidente Xi Jinping nel 2014 e lanciato nel 2019, il nuovo progetto sino-russo potrebbe rappresentare una vera minaccia per l’Ue.

L’originale Power of Siberia pompa gas da due campi nella Siberia orientale – Kovykta e Chayanda – per i quali la Cina è l’unico mercato. La costruzione di un gasdotto di 3.000 km attraverso la taiga con una capacità annuale di 38 miliardi di metri cubi non ha fornito a Gazprom una vera leva sull’Europa.

Tuttavia, ha dato al Cremlino una fonte supplementare di entrate. È servito anche ad arricchire enormemente due appaltatori di Gazprom di proprietà di Gennady Timchenko e Arkady Rotenberg. Questi due sono amici di lunga data di Putin ed entrambi sono sotto sanzioni Usa dal 2014.

Power of Siberia 2, tuttavia, utilizzerà gli stessi giacimenti di gas nella penisola di Yamal che sono la base delle risorse di Gazprom per i suoi contratti europei. Con un volume annuo massimo di 50 bcm – paragonabile al progetto del gasdotto Nord Stream 2 che corre sotto il Mar Baltico – un nuovo gasdotto verso la Cina fornirà alla Russia un’opzione per diversificare realmente i suoi flussi di gas, dando a Gazprom una mano ancora più forte nelle contrattazioni con l’Europa.

Questo approccio, nel lungo periodo, avrà inevitabilmente degli effetti collaterali indesiderati per la Russia stessa. Se Mosca raddoppia la costruzione di più gasdotti verso la Cina come contrappeso alla sua dipendenza dalle esportazioni di energia verso l’Europa, potrebbe scoprire entro un decennio di essere altamente dipendente da un unico consumatore all’altra estremità del gasdotto.

La Cina ha diversificato le sue fonti di importazione di idrocarburi, e sarà in grado di sfruttare l’accesso al mercato per estrarre concessioni commerciali e politiche, proprio come fa già con l’Australia e altri paesi.

Se un giorno, per esempio, Pechino volesse che la Russia smettesse di armare l’India e il Vietnam, come farà Mosca a rifiutare se il mercato cinese è la principale fonte di entrate che riempie le casse del Cremlino?

Probabilmente, la leadership russa potrebbe essere consapevole di questo rischio. Allo stesso tempo, il pensiero a lungo termine sembra essere a corto di risorse a Mosca – un po’ come il gas in Europa in questo momento.

Quei politici russi che esprimono cautela probabilmente perderanno le battaglie interne nei corridoi del potere del Cremlino. I vincitori saranno le persone il cui obiettivo principale è quello di costruire un gasdotto attraverso mezza Eurasia ad un prezzo gonfiato.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore