skip to Main Content
ads

Perché la Bulgaria è l’anello debole della catena del gas russo

Stoccaggi Gas

La Russia ha bloccato le esportazioni di gas naturale verso la Bulgaria, che ne è estremamente dipendente. Quali sono le alternative per il paese? L’approfondimento di El Pais

La Russia sta cambiando il volto della sua relazione con l’Unione europea, di gran lunga il suo più grande partner commerciale. Mercoledì mattina presto – leggiamo su El Pais – il governo di Vladimir Putin ha chiuso il rubinetto del gas naturale a Polonia e Bulgaria, due dei paesi più dipendenti dal combustibile russo, nel primo taglio delle forniture a un paese dell’Unione europea dall’inizio della guerra. La decisione ha scatenato la tensione nell’UE e nei mercati del gas, che temono sia solo la prima di molte altre mosse.

Perché Mosca sta tagliando il gas ora?

Il Cremlino sostiene che il problema risiede nel rifiuto di entrambi i paesi di pagare il gas in rubli, come la Russia sta chiedendo da un mese per stabilizzare la sua moneta, che ora è tornata ai livelli pre-crisi. Tuttavia, ci sono forti ragioni per credere che la mossa sia più una forma di sfida all’unità d’azione dell’UE, che finora è stata unilaterale in questo settore.

La regione di gran lunga più suscettibile di ulteriori tagli è l’Europa orientale, dove la dipendenza è più alta. Nei paesi più occidentali del continente, e soprattutto in Spagna, il gas russo rappresenta una piccola frazione di quello che viene consumato: tra gennaio e marzo ha rappresentato meno del 7% del totale, secondo gli ultimi dati del gestore del sistema del gas, Enagás. La penisola iberica ha anche la più grande rete di rigassificatori del continente, il che le dà un’ulteriore dose di sicurezza.

L’UE, che ha definito l’azione di Mosca “un ricatto inaccettabile”, rimane fedele alla sua posizione: gli stati membri non dovrebbero essere tentati di pagare il gas in rubli per liberarsi del problema. Anche se Gazprom ha riferito, tramite Bloomberg, che quattro – non identificati – paesi dell’UE hanno ceduto, non c’è alcuna conferma ufficiale che queste informazioni siano accurate.

Chi ha da perdere?

A breve termine, i paesi beneficiari. Per la Russia, che ha guadagnato 63 miliardi di euro da gas, petrolio e carbone venduti all’estero dall’inizio della guerra, le esportazioni di combustibili fossili in Polonia e Bulgaria sono residuali nel totale. Dal punto di vista di Varsavia e Sofia, tuttavia, il gas russo è essenziale per soddisfare le esigenze delle loro famiglie e imprese.

Nessun momento è un buon momento per smettere di ricevere gas russo, ma ora – con la stagione fredda ormai finita – è la fase meno critica dell’anno. La primavera, tuttavia, è un momento chiave per riempire i depositi in vista del prossimo inverno, che sembra particolarmente teso anche se la guerra dovesse finire presto.

Quanto dipendono la Polonia e la Bulgaria dal gas russo?

Secondo gli ultimi dati della Commissione europea, il 55% del consumo di gas naturale della Polonia proviene dall’Eurasia. La sua seconda fonte primaria di gas è il Qatar, con una quota totale inferiore al 14% del totale. Il caso bulgaro è ancora più grave: la Russia fornisce più di tre quarti della sua domanda.

Quali sono le alternative?

La prima e più immediata alternativa è quella di raddoppiare la solidarietà tra i paesi europei: che la Germania, la Repubblica Ceca e la Slovacchia – nel caso della Polonia – e la Romania e la Grecia – nel caso della Bulgaria – forniscano loro il gas di emergenza per superare questa prima difficoltà. Questo urgente riorientamento dei flussi sta già avvenendo: “Sia la Polonia che la Bulgaria ricevono ora gas dai loro vicini dell’UE”, ha confermato mercoledì il presidente dell’esecutivo UE, Ursula von der Leyen. Paradossalmente, la fonte primaria della maggior parte di questo combustibile è anche la Russia. Inoltre, una frazione non trascurabile del combustibile arriva attraverso l’oleodotto Yamal-Europe, che attraversa la Polonia nel suo percorso verso la Germania.

La seconda opzione è quella di aumentare le importazioni di gas naturale liquefatto (GNL) da altri fornitori, come Norvegia, Algeria, Qatar, Australia e Stati Uniti. Ma i prezzi elevati, la tensione del mercato globale – c’è più domanda che offerta – e, soprattutto, la fragilità delle infrastrutture di rigassificazione – il trasferimento avviene con il combustibile allo stato congelato e poi deve essere riportato allo stato gassoso in impianti appositamente preparati per questo scopo – emergono come i principali ostacoli alla sua realizzazione.

Secondo l’ultimo conteggio di Gas Infrastructure Europe (GIE), la Polonia ha solo un impianto di questo tipo, che sarà ampliato nel corso di quest’anno. Il secondo, già pianificato, non entrerà in funzione prima del 2025. La Bulgaria, d’altra parte, non ha una simile struttura: dovrà aspettare fino al prossimo anno prima di poter utilizzare l’impianto galleggiante che condividerà con la Grecia, che è ancora in costruzione.

Per quanto tempo possono resistere?

Tutto dipende da due fattori: quanto gas possono fornire i loro vicini dell’UE e il ritmo con cui consumano il combustibile che hanno in deposito. E in entrambi i casi, la Polonia è in una posizione notevolmente più comoda: le sue interconnessioni con il resto del continente sono molto più robuste e le sue riserve di gas sono al 76%, il secondo livello più alto nell’UE dietro solo al Portogallo. In Bulgaria, invece, i punti di stoccaggio sono solo al 17% della capacità, il secondo livello più basso del blocco dopo il Belgio, secondo i dati del GIE.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore