Advertisement
skip to Main Content

Boris Johnson avverte l’Ue: scegliete tra l’Ucraina e il Nord Stream 2

Nord Stream 2 Ucraina

Mentre l’Ue teme che la Russia stia preparando un’invasione in Ucraina, Boris Johnson mette alle strette i 27 sul gasdotto Nord Stream 2

Hanna Maliar, vice ministro della Difesa di Kiev, ha dichiarato al Financial Times che l’intelligence occidentale ipotizza una “alta probabilità di destabilizzazione” dell’Ucraina da parte della Russia già da questo inverno, dopo che Mosca ha ammassato più di 90.000 truppe al suo confine.

La costruzione del gasdotto Nord Stream 2, che porterà il gas russo direttamente attraverso il Mar Baltico fino alla Germania, è stata ritardata dalle sanzioni statunitensi ed è fortemente osteggiata dai paesi dell’Europa orientale come la Polonia, che credono che sia progettato per affamare l’Ucraina di tasse di transito per la spedizione del gas russo.

I funzionari ucraini temono anche che la via alternativa del gas verso l’Europa occidentale potrebbe rendere più facile per la Russia invadere il paese, dove ha sostenuto i combattenti nella regione orientale del Donbass dal 2014, lo stesso anno in cui ha annesso la Crimea.

Dmytro Kuleba, ministro degli Esteri dell’Ucraina, ha dichiarato in un’intervista a FT: “Per noi Nord Stream 2 è una questione di sicurezza. Pensiamo che l’uso di migranti da parte della Bielorussia, la situazione intorno al Nord Stream 2, le campagne di disinformazione, il rafforzamento militare da parte della Russia, sono tutti elementi che fanno parte di un quadro più ampio. La Russia è coinvolta in tutte queste situazioni”.

Lunedì sera, in un discorso alla Guildhall di Londra, il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha detto: “Quando diciamo che sosteniamo la sovranità e l’integrità dell’Ucraina non è perché vogliamo essere avversari della Russia o che vogliamo in qualche modo strategicamente accerchiare o minare quel grande paese. È perché abbiamo un impegno verso la democrazia e la libertà che è condiviso ora in tutta la maggior parte del continente europeo. E quando i nostri amici polacchi hanno chiesto il nostro aiuto per affrontare una crisi artificiosa al loro confine con la Bielorussia, siamo stati pronti a rispondere”.

“E speriamo – ha concluso – che i nostri amici possano riconoscere che a breve si presenterà una scelta tra il rifornimento di sempre più idrocarburi russi in nuovi giganteschi oleodotti e il difendere l’Ucraina e sostenere la causa della pace e della stabilità”.

Liz Truss, ministro degli Esteri britannico, ha anche invitato il presidente della Russia Vladimir Putin a intervenire nella crescente crisi dei migranti al confine tra Bielorussia e Polonia.

Il Regno Unito ha accusato il leader autoritario della Bielorussia Alexander Lukashenko di orchestrare una crisi, incanalando migliaia di migranti dal Medio Oriente verso i confini della Bielorussia con l’Ue e incoraggiandoli ad entrare illegalmente nel blocco.

Scrivendo su The Sunday Telegraph, Truss ha esortato “gli amici di tutta Europa” a rimanere uniti nell’opporsi al gasdotto Nord Stream 2: “Rischia di minare la sicurezza europea, permettendo alla Russia di stringere la presa su quelle nazioni che dipendono dal suo gas”.

I commenti di Johnson e Truss segnano un inasprimento dei toni nei confronti del progetto del gasdotto Nord Stream 2 da parte del Regno Unito, in un momento di crisi delle forniture di gas che ha minacciato la ripresa economica dalla pandemia, costretto molti fornitori di energia del Regno Unito fuori dal mercato e alimentato i timori di una crescente crisi del costo della vita.

I legislatori dell’Europa dell’Est hanno dato la colpa delle scarse forniture di gas di questo inverno alla Russia che ha limitato le esportazioni verso l’Europa occidentale, al fine di spingere la Germania ad accelerare l’avvio del gasdotto dopo il completamento della costruzione a settembre.

Il governo britannico ha espresso poca opposizione diretta al gasdotto in passato e ha sostenuto che il Regno Unito non dipende dalle importazioni di gas dalla Russia, anche se ha ammesso di essere esposto alla “volatilità” dei mercati globali del gas. Il Regno Unito importa gas dall’Ue, che ottiene fino al 40% delle sue forniture dalla Russia.

Parlando dopo che l’accordo della COP26 è stato annacquato nei minuti finali del vertice, Johnson ha detto: “So quanto sia stato frustrante – mentre eravamo sul punto di accettare di eliminare gradualmente il carbone – vedere questo impegno indebolito. Ma vi dico questo: osservo la politica da molto tempo e so quando si raggiunge un punto critico”.

“Il linguaggio è importante, ma che si parli di riduzione o eliminazione graduale, non è lontano il giorno in cui sarà politicamente inaccettabile, in tutto il mondo, aprire una nuova centrale a carbone come lo è ora salire su un aereo e accendere un sigaro”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore