skip to Main Content

Perché la Cina ha imposto un giro di vite sulle criptovalute

Criptovalute

La produzione di bitcoin in Cina emette tanta CO2 quanto l’intero Portogallo: 57 milioni di tonnellate all’anno, spiega Rystad Energy

 

L’estrazione di bitcoin e altre criptovalute consuma grandi quantità di energia. Il crescente controllo sull’impatto ambientale di questa attività ha recentemente portato il governo cinese a ordinare un giro di vite sui progetti in tutto il paese, e ora la maggior parte di essi sarebbe già stata interrotta. Un’analisi di Rystad Energy mostra che, fino a poco tempo fa, la produzione cinese di bitcoin emetteva tanta CO2 quanto l’intero paese del Portogallo, ben 57 milioni di tonnellate (Mt) all’anno.

LA CINA HA ESTRATTO IL 65% DEI BITCOIN MONDIALI

La Cina ha estratto circa il 65% del bitcoin totale mondiale utilizzando l’elettricità che nel 2020 era alimentata a carbone per il 63%. Ciò significa che almeno il 40% del bitcoin estratto a livello globale è stato alimentato esclusivamente dalla combustione di carbone in Cina.

ESTRAZIONE CINESE HA RICHIESTO 86 TWH L’ANNO

L’anno scorso in Cina sono stati prodotti circa 7.815 terawattora (TWh) di elettricità. Oltre al carbone, le centrali idroelettriche forniscono circa il 17% e il restante 20% proviene da un mix di altre fonti tra cui eolico, nucleare, gas e solare. Si stima che l’estrazione di bitcoin in Cina richieda 86 TWh di elettricità all’anno, ovvero l’1,1% della domanda totale di elettricità della Cina.

LO SCORSO ANNO EMISSIONI PER PRODURRE ENERGIA DI 5.200 MLN DI TONNELLATE, 57 SOLO PER ESTRARRE BITCOIN, UN LIVELLO SIMILE AL PORTOGALLO

Le emissioni stimate di carbonio dalla produzione totale di energia della Cina sono state di circa 5.200 Mt lo scorso anno, la maggior parte delle quali è stata emessa dalle centrali elettriche a carbone in tutto il paese. Applicando questo alla quota di elettricità utilizzata dalla produzione di bitcoin, scopriamo che le emissioni totali di carbonio da questa attività sarebbero di circa 57 Mt, un livello simile alle emissioni totali di paesi come il Portogallo o il Perù, ha evidenziato la società di consulenza energetica.

PERCHÉ HA SENSO FRENARE QUESTE EMISSIONI

“Anche se la quota di emissioni derivanti dall’estrazione di bitcoin in Cina rimane piccola rispetto ad altre attività economiche, ha ancora senso per il governo cinese frenare la produzione di criptovaluta poiché l’intensità energetica di questa attività è molto alta. Questo è uno dei tanti settori su cui la Cina deve puntare per mantenere il suo impegno di diventare carbon neutral entro il 2060 e raggiungere il picco di emissioni entro il 2030”, ha affermato Carlos Torres Diaz, capo della ricerca su energia e gas di Rystad Energy.

DOVE SI LOCALIZZA L’ESTRAZIONE DEL BITCOIN CINESE

Alcuni sostenitori della criptovaluta sostengono che l’estrazione mineraria cinese avviene principalmente nelle province con un’elevata quota di energia rinnovabile. Rystad Energy ha quindi studiato le fonti di approvvigionamento elettrico nelle regioni in cui avviene l’estrazione di bitcoin per stimare le emissioni di carbonio legate al bitcoin.

L’estrazione di bitcoin avviene in tutto il paese, ma il 59% dell’attività si verifica in quattro province: Xinjiang nella parte nord-ovest del paese, Sichuan nella Cina centrale, Mongol nel nord e Yunnan nel sud, secondo i dati del Cambridge Center per la finanza alternativa.

IL CASO DELLO XINJIANG

Lo Xinjiang è una delle province più grandi della Cina e la maggior parte dell’energia generata proviene dalle centrali a carbone. Ci sono più di 200 unità di produzione di energia dal carbone con una capacità aggregata stimata di quasi 74 gigawatt (GW). L’energia idroelettrica era fino a poco tempo la seconda fonte di elettricità con circa 2,2 GW di capacità operativa, ma è stata superata dal solare fotovoltaico con una capacità installata totale di 3 GW. La capacità installata esistente suggerisce che circa il 96% dell’elettricità della provincia è generata da carbone e il 4% da energie rinnovabili, il che indicherebbe una grande impronta di carbonio per l’estrazione di bitcoin della provincia.

IL RUOLO DELLE ALTRE ZONE

A differenza dello Xinjiang, la capacità di generazione di energia installata nel Sichuan è principalmente idroelettrica. La provincia ha più di 100 GW di capacità idroelettrica, mentre il carbone è la seconda fonte più grande con meno di 20 GW di capacità installata.

Tuttavia, dire che l’estrazione di bitcoin nello Xinjiang è sporca mentre nel Sichuan è pulita sarebbe semplificare eccessivamente le cose, ammette Rystad Energy. Il sistema di generazione di energia cinese è molto ben integrato, con linee di trasmissione ad alta tensione che si diramano dai centri ad alta domanda sulla costa sud-orientale e fino all’estremo ovest e nord-est.

LE CONCLUSIONI DI RYSTAD ENERHY

“Per stimare l’impronta di carbonio del bitcoin dobbiamo quindi guardare al mix energetico nazionale piuttosto che al mix nelle singole province in cui avviene l’estrazione. La distribuzione delle diverse fonti di generazione di elettricità e linee di trasmissione in tutta la Cina suggerisce che il consumo di energia dalle miniere potrebbe essere proporzionale al consumo totale di elettricità del paese con circa il 67% fornito da combustibili fossili e il resto da fonti che non emettono carbonio. Questo ci porta alla conclusione di cui sopra: che l’estrazione di bitcoin cinese contribuiva ogni anno a una notevole quantità di emissioni globali”, ha evidenziato Rystad Energy.

(Estratto di un articolo pubblicato su Energia Oltre; qui l’articolo completo)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore