skip to Main Content

Tutte le nuove parole d’ordine delle Big Oil

Big Oil

Le Big Oil stanno sempre più propagandando i loro piani sulle tecnologie emergenti di energia pulita. L’analisi di Bloomberg

Le più grandi compagnie petrolifere e del gas del mondo sono più propense a parlare a Wall Street di emissioni che di come i loro affari potrebbero crescere.

Questo, almeno, secondo un’analisi di Bloomberg delle conferenze telefoniche dei 25 maggiori produttori di combustibili fossili del mondo, tra cui Exxon Mobil Corp. e Gazprom PJSC. I dati mostrano come le parole d’ordine ambientali e le frasi chiave come “carbonio”, “cambiamento climatico” e “rinnovabili” stanno trovando la loro strada nelle conversazioni con analisti e investitori come mai prima.

La tendenza suggerisce che i team di gestione, almeno pubblicamente, sono sempre più impegnati sull’argomento. Stanno subendo una pressione crescente da parte degli investitori e degli ambientalisti per presentare un piano per ridurre le emissioni di gas serra e prepararsi per un futuro a basse emissioni di carbonio. Questa spinta arriva mentre le più grandi economie del mondo mirano ad accelerare il passaggio da idrocarburi più inquinanti a fonti di energia più pulite.

Al di là del dialogo, quanto queste aziende siano andate avanti in termini di passi concreti per affrontare le questioni ambientali, sociali e di governance – in particolare la “E” di ESG – varia ed è oggetto di molte discussioni. Mentre i giganti dell’energia come BP Plc e Royal Dutch Shell Plc hanno fissato degli obiettivi per le emissioni nette di carbonio zero entro il 2050, la maggior parte dei loro pari sono in ritardo in vari gradi. Quando si tratta di ESG, resta da vedere se l’industria energetica può fare più che parlare.

“Ogni singola azienda, specialmente i grandi produttori di combustibili fossili, deve sentire la pressione in questo momento”, ha detto Laura Zizzo, co-fondatrice e amministratore delegato di Manifest Climate, una società di software e consulenza con sede a Toronto che aiuta le aziende ad affrontare il cambiamento climatico.

Gli investitori che si sono collegati alle conference call dei giganti dei combustibili fossili quest’anno hanno sentito la parola “carbonio” pronunciata 800 volte, superando le 790 menzioni di “crescita” per la prima volta in assoluto. I riferimenti alle parole legate alla transizione energetica finora quest’anno hanno già superato quelli di tutto il 2020.

I termini “carbonio”, “metano”, “cambiamento climatico”, “energie rinnovabili” ed “emissioni” sono stati citati più volte nelle chiamate di quest’anno che in tutti gli anni fino al 2013. I riferimenti agli obiettivi di emissioni “nette zero” sono emersi nelle chiamate tenute da 21 delle aziende analizzate.

“Affrontare la transizione energetica sta rapidamente diventando una delle questioni più importanti per l’industria”, ha detto il mese scorso Ryan Lance, CEO dell’esploratore americano ConocoPhillips Inc. in una telefonata con gli analisti.

L’analisi di Bloomberg si basa su una ricerca di parole relative alle questioni ESG nelle trascrizioni delle chiamate trimestrali dei guadagni e di altri eventi per gli investitori delle più grandi aziende energetiche che tengono regolarmente call in inglese. Le trascrizioni includono domande e commenti di analisti e investitori.

La cattura e il sequestro del carbonio, una tecnologia costosa che gli scienziati del clima hanno a lungo considerato una componente essenziale per soddisfare gli obiettivi di riduzione delle emissioni, è anche emersa come un argomento caldo. È stato citato più di 160 volte quest’anno – tre volte di più che nel 2020 – nelle chiamate di società tra cui Equinor ASA e Ecopetrol SA.

Le compagnie di combustibili fossili stanno sempre più propagandando i loro piani sulle tecnologie emergenti di energia pulita. I raffinatori di petrolio come Marathon Petroleum Corp. e Phillips 66, con sede a Houston, stanno parlando di energia eolica e solare. L’idrogeno, un combustibile a combustione pulita che può sostituire il gas naturale nel riscaldamento e nella produzione di energia, è stato citato un record di 284 volte quest’anno nelle conference call, comprese quelle tenute da Royal Dutch Shell Plc e TotalEnergies SE a Kinder Morgan Inc. e Suncor Energy Inc.

Il settore energetico è la più grande fonte di emissioni di gas serra e la riduzione di quelle per eliminare l’inquinamento entro il 2050 richiederà enormi diminuzioni nell’uso di carbone, petrolio e gas e l’adozione massiccia di fonti di energia rinnovabili, ha detto l’Agenzia Internazionale dell’Energia in un rapporto di maggio. Questo dovrebbe anche significare nessun nuovo investimento nelle forniture di combustibili fossili durante i prossimi anni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore