skip to Main Content
ads

Qual è la politica di Biden sulle energie verdi. Report Wsj

Stati Uniti Ucraina

Biden, come Trump, vuole comandare il settore privato? L’approfondimento del Wall Street Journal

Donald Trump ha abusato del suo potere di sicurezza nazionale imponendo tariffe sulle importazioni di acciaio e alluminio per sostenere i produttori nazionali. Ora il Presidente Biden sta rubando dal manuale di politica industriale del suo predecessore invocando il Defense Production Act per promuovere l’energia verde nazionale. Non ridete: la Casa Bianca vuole produrre pannelli solari e pompe di calore per fermare Vladimir Putin.

Come rara buona notizia, lunedì il Presidente ha fatto tirare un sospiro di sollievo agli sviluppatori di energia solare statunitensi annunciando che non imporrà tariffe per due anni sui pannelli solari importati dal sud-est asiatico. I produttori nazionali sostengono che i loro concorrenti cinesi stiano aggirando i dazi antidumping e un’indagine del Dipartimento del Commercio ha minacciato di far lievitare i costi dei progetti solari in cui le aziende statunitensi aggiungono valore.

La tregua tariffaria di Biden è una buona notizia per i consumatori, anche se l’indagine del Dipartimento del Commercio continuerà, in modo da poter mantenere la finzione che non sia influenzata politicamente. La maggior parte delle indagini sul dumping lo sono. Questa è stata promossa dai democratici del Congresso, in particolare dal senatore dell’Ohio Sherrod Brown e dal deputato Tim Ryan.

I pannelli solari sono diventati una commodity quando i cinesi hanno scoperto come produrli a costi inferiori. Le importazioni a basso costo hanno contribuito a stimolare la produzione solare statunitense, ma hanno anche creato un paradosso politico ed economico per i Democratici che Biden sta ora cercando di risolvere – scrive il WSJ.

I liberali promettono che l’energia verde creerà centinaia di migliaia di posti di lavoro nel settore manifatturiero per sostituire quelli uccisi dalla loro guerra ai combustibili fossili. Ma molti di questi posti di lavoro verranno creati in Paesi con costi di manodopera ed energia più bassi. Per questo motivo Biden si rivolge al Defense Production Act per promuovere le aziende nazionali.

Questa legge, risalente all’epoca della Guerra Fredda, conferisce al Presidente ampi poteri di emergenza per mobilitare i produttori nazionali affinché producano beni che egli ritiene fondamentali per la sicurezza nazionale. Biden sostiene ironicamente che i problemi energetici creati dalle politiche climatiche della sinistra sono un’emergenza nazionale che richiede una soluzione a comando. Secondo la Casa Bianca, il potenziamento della produzione nazionale di pannelli solari, pompe di calore, isolamento degli edifici, celle a combustibile e trasformatori di potenza può ridurre “i rischi per la nostra rete elettrica”.

La North American Electric Reliability Corporation ha recentemente avvertito che la maggior parte degli Stati Uniti potrebbe subire interruzioni di corrente quest’estate. La colpa è dei sussidi all’energia verde che hanno costretto a chiudere i generatori di combustibili fossili e nucleari che forniscono energia di base 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. Affidarsi a pompe di calore elettriche e pannelli solari renderà la rete meno affidabile.

Biden afferma inoltre che il DPA può contribuire a salvare l’Europa dall’estorsione energetica di Putin. “Con un arsenale energetico pulito più forte, gli Stati Uniti possono essere un partner ancora più forte per i nostri alleati, soprattutto di fronte alla guerra di Putin in Ucraina”, afferma la Casa Bianca. Ma i pannelli solari e le pompe di calore non riusciranno a riscaldare gli europei quest’inverno.

L’Europa ha bisogno di più gas naturale e gli Stati Uniti di più gasdotti e terminali per esportarlo. Ma la rimozione delle barriere normative per la costruzione di queste infrastrutture non fa parte dell’ordine del Presidente. Biden non spiega come utilizzerà il DPA, ma dice che “convocherà l’industria, il lavoro, la giustizia ambientale e altre parti interessate”.

Uno di questi “stakeholder”, l’allarmista climatico Bill McKibben, pochi giorni dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin, ha esortato Biden a invocare il DPA per costruire fabbriche di energia verde come fece FDR per costruire armi nella Seconda Guerra Mondiale. McKibben vuole che il Presidente “incentivi i produttori nazionali” e “acquisti e installi attrezzature in impianti industriali privati per raggiungere gli obiettivi di produzione necessari”.

Speriamo che Biden non rilevi gli impianti petrolchimici per produrre pannelli solari, anche se è quello che hanno in mente alcuni liberali. A marzo, cinque senatori democratici hanno esortato il Presidente a utilizzare il DPA per “rispecchiare il programma Lend-Lease Act attuato durante la Seconda Guerra Mondiale, attraverso il quale gli Stati Uniti inviarono forniture fondamentali alle nazioni alleate invase dalla Germania”.

Il DPA sta diventando il rimedio economico di casa Biden. Il rischio costituzionale è che il Presidente ricorra sempre più spesso a poteri di emergenza per incaricare l’industria privata di eseguire i suoi ordini politici. Il rischio economico è che il governo sbagli l’allocazione delle risorse e renda l’economia statunitense ancora meno competitiva.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore